Catena di distribuzione cosa succede se non si cambia

Catena di distribuzione cosa succede se non si cambia

Una delle componenti principali che permette alle nostre auto di muoversi è la catena di distribuzione ed è bene controllarla durante la manutenzione auto

Una delle componenti principali che permette alle nostre auto di muoversi è la catena di distribuzione ed è bene controllarla durante la manutenzione auto. Questa, inoltre, permette anche il corretto funzionamento del motore (che grazie ad essa, non si surriscalda) consentendoci di circolare tranquillamente, senza la possibilità di creare danni ad uno dei perni delle nostre auto, appunto, il motore.

La catena di distribuzione parte fondamentale dell’auto

La catena di distribuzione, però, è un elemento che si usura con il tempo (di solito fra i 5 e 10 anni di vita) e, una rottura di questa, sarà un’operazione molto costosa poiché, per la sua sostituzione, il meccanico dovrà smontare gran parte del motore oltre che controllare altre componenti collegate ad essa come la pompa dell’acqua e tutto il motore stesso.

L’usura è dovuta a:

  • una lubrificazione inadeguata;
  • sollecitazioni;
  • tensione;
  • perdita del liquido refrigerante;
  • un allungamento;
  • uno strappo.

Proprio per questo, sarà bene farla controllarla (e nel caso sostituirla) sia nelle tempistiche sopra indicate, cioè dopo 5 o 10 anni di vita e sia quando l’auto ha percorso più di 150.000 chilometri. 

Manuale di manutenzione d’uso

Ad ogni modo, ogni casa automobilistica indica sul manuale di uso, in base al modello dell’auto e al tipo di motore, la sostituzione corretta da effettuare raggiunti un certo numero di chilometri o anni.

Questa sostituzione è necessaria perché, i danni che può arrecare una catena di distribuzione usurata, sono tanti e si scorgono sia durante la guida (prestazioni basse, cigolii dovuti ad un allentamento, giri al minimo irregolari) e sia successivamente, con elevati costi da sostenere per la sua sostituzione e per la riparazione di altri elementi che potrebbero essere stati compromessi. Infatti, ad esempio, se si provvede alla sostituzione della catena di distribuzione, è consigliabile sostituire anche la pompa dell’acqua (poiché i due elementi lavorano insieme): questo, ovviamente, comporterà il sostenere una spesa più elevata.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *