Royal Enfield Himalayan 450: punto di contatto

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
royal

Rinnovare un’icona non è mai semplice specie se riguarda un modello che negli ultimi 9 anni è diventato il riferimento della categoria. In casa Royal Enfield, però, non solo hanno rinnovato ma sono stati in grado anche di rivoluzionare la Himalayan.

Ammirata all’ultima edizione dell’Eicma, finalmente la Himalayan 450 è arrivata nelle concessionarie.

Grazie alla DotoliM2, store ufficiale della casa di Chennai a Napoli, abbiamo avuto un primo punto di contatto con la medio/piccola per le strade partenopee.

 

I dati tecnici

Debutta su un modello di serie il nuovo motore Sherpa, monocilindrico raffreddato a liquido. La potenza è di 40 Cv a 8.000 giri e la coppia è di 40 Nm a 5.500 giri. Il telaio è a doppia trave in acciaio mentre la forcella è una upside-down della Showa con steli da 43 mm; al posteriore c’è un mono ammortizzatore regolabile nel precarico. Le ruote sono rimaste da 21″ e da 17″ ma è cambiata la sezione e ora al posteriore abbiamo un battistrada da 140 mm. I cerchi sono a raggi ed è possibile averla anche in versione tubeless. L’impianto frenante è della ByBre con disco da 320 mm davanti e 270 mm al posteriore; è possibile disinserire l’ABS. Il serbatoio ha una capienza da 17 litri. Lo strumento digitale è circolare ed è ben leggibile nonché completo nelle informazioni offerte.

 

Solidità, praticità e originalità

 

L’Himalayan rimane una moto che fa della solidità e della praticità i suoi punti di forza. La qualità costruttiva è anni luce avanti rispetto alla precedente versione. Il lavoro svolto dai tecnici indiani è notevole perché la Himalayan 450 è una moto ben realizzata. Il monocilindrico ha un bel sound ed è sempre il protagonista assoluto sia che si passeggi sia che si spinga. La ciclistica trasmette sicurezza anche quando il ritmo si alza mentre, finalmente, l’impianto frenante svolge il suo dovere in maniera ineccepibile. L’ampio raggio di sterzo, unita ad un’ottima distribuzione dei pesi, consente di sgusciare nel traffico rapidamente. L’autostrada non spaventa più perché questa moto può mantenere come velocità di crociera il limite massimo. Le strade extraurbane sono le preferite perché il connubio motore/ciclistica si esalta ed esalta tra una curva e l’altra complice, come anticipato, un impianto frenante efficace.

 

Capolavoro Royal Enfield

 

“Appena arrivata, spiega lo store manager Maurizio Dotoli, l’abbiamo  immatricolata a tempo record per l’apertura della stagione dei raduni Royal Enfield. Con mia moglie siamo andati sul Monte Terminio e, tra una curva e l’altra, sono stato stupito per il salto in avanti rispetto alla precedente versione. L’icona si è rinnovata ed è una nuova strada, quella delle enduro basiche e metalliche, semplici da guidare e riparare, dalla grande robustezza. E’ un capolavoro della Royal Enfield per la componentistica, per il telaio e per motore reattivo. L’autostrada non è più temuta ed ho mantenuto una velocità di crociera di 120/130 Km/h in due…I consumi sono irrisori e sono presenti 2 mappe motori: la Eco e la Performance. L’ABS è disinseribile mentre il livello delle finiture è elevato. La Strumentazione è completa e fantastica. E’ una moto adatta a tutto e a tutti; brava Royal! Per capire il notevole passo in avanti occorre provarla; vi invito presso il nostro store di Agnano alla Via Pisciarelli n° 69 per prenotare un test ride”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti