Suzuki Katana Jindachi: classe e raffinatezza

Il listino della Suzuki Katana si amplia con il lancio della nuova versione Jindachi, che si pone al vertice della gamma grazie a un equipaggiamento eccezionale. Il suo nome è ancora una volta ispirato all’affascinante mondo delle tradizionali armi bianche giapponesi. Jindachi identifica infatti una particolare categoria di spade a lama lunga, caratterizzate da ornamenti magnifici e finiture di pregio assoluto. La stessa attenzione ai dettagli si ritrova in questo allestimento, che riunisce il meglio di quanto presente nel catalogo degli accessori originali Suzuki. La Katana Jindachi è dunque una proposta imperdibile per chi cerca una moto capace di distinguersi con un look ricercato, prestazioni entusiasmanti e un sound coinvolgente.

Tutt’uno con il pilota

La spada katana era per il samurai molto più di una semplice arma: era il simbolo di un modo d’interpretare con fierezza la vita e, una volta impugnata, diventava un’estensione del guerriero che la maneggiava. Oggi la Katana rappresenta qualcosa di molto simile per il motociclista, che si trasforma in un moderno samurai e si distingue nel mondo delle due ruote attraverso una moto di grande carisma, con un aspetto fuori dagli schemi e un’ergonomia perfetta. A tutto questo la nuova versione Jindachi aggiunge tanti particolari speciali, che portano a un livello ancor più alto l’integrazione uomo-macchina e fanno della moto un qualcosa da esibire più che mai con orgoglio.

Solo il meglio

La dotazione della Katana Jindachi si arricchisce di accessori che migliorano il comfort nell’uso quotidiano, impreziosiscono la linea ed esaltano le prestazioni così come il sound di scarico. Il pacchetto creato da Suzuki comprende infatti:

– scarico in titanio appositamente realizzato per la Katana dallo specialista Akrapovic, che dà un tocco più sportivo alla linea, consente un sensibile risparmio di peso e regala un sound più pieno al motore;

– cupolino maggiorato che protegge meglio il busto del pilota in velocità e dà continuità alle linee del frontale;

– sella bicolore nera e rossa di pregevole fattura, impreziosita dal logo Katana stampato;

– adesivi per la carrozzeria, che sottolinea la sagoma filante delle sovrastrutture;

– adesivi per le ruote, che riprende il rosso degli altri particolari;

– adesivi protettivi carbon look che accentua la grinta della Katana;

– protezione per il serbatoio, sempre carbon look, che limita il rischio di graffi.

Il valore dell’intero kit supera i 1.500 Euro ma Suzuki riesce a stupire ancora una volta tutti con un’offerta incredibile. La Casa di Hamamatsu inserisce la Katana Jindachi in listino a 14.290 Euro, con un sovrapprezzo di soli 600 Euro rispetto alla versione standard, e garantisce pertanto a chi la sceglierà un eccezionale vantaggio cliente di oltre 900 Euro.

La Katana Jindachi può essere ordinata in entrambe le colorazioni a catalogo, l’evocativa Silver e la seducente Black.

Tecnica sopraffina

A parte il terminale di scarico Akrapovic, la Jindachi ripropone fedelmente il quadro tecnico della Katana standard, già al top sia dal punto di vista meccanico sia da quello ciclistico. Il motore è un’evoluzione di quello della celebre e plurivittoriosa GSX-R1000 K5, configurato per erogare i suoi 150 cv in modo fluido e progressivo sin dai bassi regimi. Questo quattro cilindri è inserito in un telaio in alluminio rigido e molto compatto che permette di disegnare le curve con precisione, ben supportato da una spettacolare forcella upside-down KYB da 43 mm.

L’impianto frenante sfrutta pinze freno anteriori ad attacco radiale Brembo e un sistema antibloccaggio ABS Bosch. L’elettronica aiuta inoltre a gestire al meglio anche l’esuberanza del motore, grazie al controllo elettronico della trazione, e facilita l’avviamento e le partenze con i sistemi Suzuki Easy Start System e Low RPM Assist.

Fascino impareggiabile

Il nome Jindachi rispecchia appieno lo stile sofisticato di questo allestimento. Le jindachi sono infatti nobili spade dal fascino unico, con una lama più lunga rispetto a quella delle normali katana. Spesso utilizzate anche dai cavalieri, trovavano largo impiego nelle cerimonie ufficiali presso la corte imperiale in virtù della preziosità delle loro decorazioni.

La Katana Jindachi porta la loro filosofia nel mondo delle due ruote, abbinando l’impeccabile cura costruttiva della Katana a una meticolosa scelta dei fregi e dei componenti, che esaltano la bellezza della linea e rendono più appagante l’esperienza di guida.

La nuova Suzuki KATANA debutta sul mercato Italiano

La nuova Suzuki KATANA, indiscussa regina degli ultimi Saloni internazionali, è finalmente pronta a sbarcare sul mercato italiano. I primi esemplari arriveranno nei concessionari all’inizio di aprile ma gli ordini possono essere già sottoscritti. La moto è entrata infatti in listino all’incredibile prezzo di 13.690 Euro franco concessionario e chi perfezionerà il contratto entrò il 30 aprile potrà anche approfittare di un’imperdibile offerta. Fino a quella data ogni KATANA acquistata sarà consegnata nello speciale allestimento Launch Edition, con il grintoso silenziatore Akrapovic compreso nel prezzo. Si tratta di un fantastico accessorio, capace di rendere più sportiva la linea e di regalare un sound più esaltante al motore e che viene normalmente proposto a catalogo a oltre 700 Euro, cifra che si traduce dunque in un eccezionale vantaggio cliente.

Un mito che si rinnova

La KATANA è pronta a riportare sulle strade un nome leggendario, quello della omonima maxi che nel 1981 segnò una svolta epocale nella storia delle moto. L’originaria Katana seppe abbinare per la prima volta caratteristiche tecniche di prim’ordine a una ricerca stilistica raffinata e innovativa. Oggi, in un’epoca in cui il design gioca un ruolo importante in ogni segmento del mercato motociclistico, la KATANA riesce a svettare ancora nel panorama motociclistico, rivisitando quella sagoma intramontabile e aprendo nuove frontiere all’integrazione tra uomo e moto. Non si tratta solo di un fatto di ergonomia, peraltro perfetta grazie alla triangolazione ideale tra sella, manubrio e pedane, che assicura un controllo totale e non risulta mai affaticante. È piuttosto un fenomeno che tocca l’animo stesso del motociclista, affondando le radici in un passato molto lontano. La KATANA rappresenta un’estensione di chi la possiede, esattamente come la katana era per il samurai un modo per esprimere se stesso e per affermare la propria personalità.

Un capolavoro su ruote

Il legame tra la spada tradizionale giapponese e la quattro cilindri di Hamamatsu è prima di tutto estetico. I tratti tesi e nitidi del cupolino, che ospita una moderna e completa strumentazione digitale, sono ispirati a quelli della lama e combinano in modo magistrale bellezza e funzionalità. La sagoma affilata trasmette un’idea di dinamismo e di eleganza e attraversa le epoche mantenendo un fascino immutato, sia nell’iconica colorazione grigia sia in quella nera. La silhouette filante è impreziosita da luci e frecce a Led e non mancano accenti rossi, che richiamano a loro volta la prima generazione del 1981.

La KATANA e la spada sono accomunate anche dalla cura costruttiva e dall’attenzione per i minimi dettagli. I maestri forgiatori giapponesi impiegano lunghi mesi per creare le loro katana con una procedura rituale, tramandata di generazione in generazione. Allo stesso modo, Suzuki ha utilizzato tutto il tempo e le risorse necessarie per progettare e mettere a punto la KATANA, come traspare chiaramente osservando la pregevole fattura anche delle parti più nascoste. Tutto è fatto per funzionare al meglio e per durare a lungo, senza alcun compromesso.

Tecnica sopraffina

A proposito di miti e leggende, la KATANA sfrutta la base meccanica di un’altra Suzuki che ha fatto epoca nel mondo delle supersportive, la celebre e plurivittoriosa GSX-R1000 K5. Il suo portentoso quattro cilindri è stato sviluppato dagli ingegneri di Hamamatsu in vista di un impiego stradale. La potenza massima è ora di 150 cv e garantisce prestazioni esaltanti agli alti regimi, mentre ai bassi c’è una grande disponibilità di coppia, per un guida piacevole ed emozionante a qualsiasi andatura.

Il telaio, rigido e molto compatto, collega in modo diretto il cannotto di sterzo al forcellone, il quale sostiene il braccetto laterale portatarga, un elemento che ha permesso di dare alla sezione posteriore uno stile incredibilmente muscoloso e atletico.

Affilata come una spada, la KATANA percorre le traiettorie con precisione assoluta, ben supportata da componenti di prima qualità, a partire da una spettacolare forcella KYB a steli rovesciati da 43 mm. Un altro elemento di pregio sono le pinze freno anteriori ad attacco radiale Brembo, supportate nella loro azione incisiva da evoluto sistema antibloccaggio ABS, fornito invece da Bosch. La tecnologia viene aiuta a gestire al meglio anche l’esuberanza del motore, specie sui fondi a bassa aderenza, grazie a un controllo elettronico della trazione regolabile su tre livelli d’intervento o disattivabile. La dotazione di serie comprende poi pure il Suzuki Easy Start System e il Low RPM Assist, che facilitano gli avviamenti e le partenze rendendo la guida più rilassante e naturale nell’uso quotidiano.