La catena di distribuzione è un elemento fondamentale per le nostre vetture in quanto permette la trasmissione del movimento dall’albero motore all’albero a camme ed è di fondamentale importanza che al giusto chilometraggio venga controllata durante la manutenzione auto.

In pratica, l’albero a camme viene azionato dall’albero motore a cui è collegato o tramite catena (appunto) o tramite la cinghia di distribuzione. 

L’albero motore trasmette alle ruote l’energia: questo permette all’auto il movimento. 

Nello specifico, la catena di distribuzione funziona in questo modo: tira la puleggia (organo di trasmissione costituito da un disco girevole al proprio asse) dell’albero a camme, consentendo così alle valvole di aprirsi e chiudersi.

Inoltre, la catena di distribuzione, insieme a tenditore, guarnizioni, dadi e così via, sincronizza tutta una serie di altre parti del motore, permettendo che questo funzioni al meglio e che si evitino danni.

Comprende anche la pompa dell’acqua (che serve a garantire il corretto raffreddamento del motore, che altrimenti si surriscalderebbe).

Infatti, proprio per via di questo legame fra la catena di distribuzione e la pompa dell’acqua, qualora malauguratamente si dovesse provvedere alla sostituzione della catena, si consiglia di sostituire anche la pompa dell’acqua.

Catena di distribuzione o cinta di distribuzione?

In definitiva, la catena di distribuzione garantisce un maggiore controllo dell’albero motore, ha una resistenza maggiore (rispetto alla cinghia di distribuzione) alle dilatazioni termiche e agli altri regimi del motore.

Capita l’importanza della catena di distribuzione, è bene sapere che questa è una componente molto soggetta ad usura, dovuta a :

  • una lubrificazione inadeguata;
  • un allungamento;
  • uno strappo.

Il caso più frequente è quello dell’allungamento, cioè quando la catena è stata stretta troppo (di solito quando l’auto ha già almeno 150.000 km). In genere, però, non c’è bisogno della manutenzione di questa, poiché, la sua durata di vita è pari a quella del motore stesso. Una rottura della catena di distribuzione, però, sarà un’operazione molto costosa, poiché, per ripararla sarà necessario smontare gran parte del motore.