Askoll Es Pro: il test


La locomozione elettrica su strada ha fatto notevoli passi da gigante ed oggi utilizzare un veicolo elettrico per la mobilità urbana non è più una chimera. Grazie all’Askoll, azienda italiana fondata nel 1978, muoversi per le strade cittadine in sicurezza, nel miglior modo possibile di rispetto per l’ambiente e con una più che sufficiente autonomia su un due ruote elettrico è possibile.

Abbiamo, grazie alla disponibilità della Dotoli M2 dealer ufficiale partenopeo della casa vicentina, testato per oltre 200 chilometri il modello Es Pro, che strizza l’occhio a chi necessita di un veicolo professionale che si adatti facilmente al proprio business.

L’estetica è gradevole e risulta ben realizzato. Sotto la sella ci sono 2 batterie con il relativo caricatore; per facilitarne la ricarica è possibile staccarle e portarle a casa, qualora non vi fosse una presa nel proprio box.

Il tempo massimo di ricarica è di circa 3 ore e l’autonomia va oltre i 60 chilometri reali.




In sella all’Es Pro si è subito a proprio agio, perché le geometrie tra la sella, il manubrio e la pedana sono perfette anche per chi è alto.

La ridotta altezza della sella da terra, va incontro al gentil sesso. Il peso del veicolo è contenuto ed è possibile scegliere tra 3 modalità di guida così come è possibile attivare un dispositivo di recupero di energia nei casi di frenata o di percorrenza su strade in discesa.

La ciclistica è buona e la forcella, così come l’ammortizzatore posteriore, assorbono discretamente le imperfezioni del manto stradale; la tenuta è sempre rassicurante, anche su asfalto liscio. Sorprende la frenata, davvero incisiva e sicura.

Le salite non rappresentano un problema, perché l’unità motrice consente di affrontarle senza il fiatone. La velocità massima è limitata a 45 Km/h.

L’Askoll Es Pro consente di avere uno sconto importante sulla polizza RCA così come sul bollo.

Il giudizio complessivo è più che positivo e si può, finalmente, dire che oggi esiste una valida alternativa ai motori a combustione interna. Occorre fare ancora tanto, come l’installazione dei punti di ricarica in città e puntare sulla produzione di energia elettrica solo con fonti rinnovabili. La strada da percorrere è ancora tanta, ma ogni lungo viaggio inizia con un primo passo; a conforto possiamo dire che già siamo a più passi.

Chi vuole “elettrizzarsi” per le vie di Napoli, può chiedere un test ride alla Dotoli M2 di Via Pisciarelli n° 69, ad Agnano.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*