Dotoli: “Mi aspetto il supporto da parte delle case. Ce la faremo!”

 Dotoli: “Mi aspetto il supporto da parte delle case. Ce la faremo!”

Tante volte abbiamo intervistato Maurizio Dotoli per le sue doti di fine intenditore di moto d’epoca e di imprenditore di successo impegnato nella vendita di moto e microcar, con marchi blasonati e storici.

Le sue analisi sono state preziose per leggere in anticipo l’andamento del mercato così come per scoprire i segreti che hanno reso grande un modello.

Anche sotto una cappa che rende tristi le giornate di tantissimi connazionali (e non solo), crediamo che le sue parole siano un toccasana per il cuore di chi ha la passione per le moto.

“La nostra azienda (DotoliM2) dall’11 marzo è chiusa, in anticipo sul DPCM. La situazione era diventata importante e c’era sempre meno gente per strada. Abbiamo, così, effettuato le riparazioni più urgenti ed abbiamo deciso di accogliere l’invito di rimanere a casa. Trascorro questi giorni tra letture e manutenzione, in modo da occupare la mente. Ho scoperto di essere bravo nel pitturare le sedie e i tavoli”.

Stagione andata

“Purtroppo come dealer credo che ci siamo giocati la stagione. Le due ruote Euro 4 in giacenza sono un problema e credo che si dovrà prorogare la scadenza dell’entrata in vigore della normativa antinquinamento Euro 5. Francamente trovo tale normativa folle, poiché le moto consumano poco e inquinano altrettanto. Le soluzioni adottate, poi, hanno fondamento solo normativo ma non tecnico; una normativa che non ha senso”.

Case tra etica e business

“Nei prossimi mesi credo sia auspicabile da parte delle case costruttrici un sostegno concreto. Lo scenario è serio nonché cupo. Le case dovrebbero essere intelligenti con il sostenere i dealer negli aspetti legati alla fatturazione, alle scadenze, con la sospensione delle programmazioni di riordino automatico e con il mantenere lo stock leggero. Si tratta di portare avanti un discorso etico Le case devono dare segnali forti che tranquillizzino con i fatti i dealer. Devo registrare che qualche casa italiana, purtroppo, ancora non ha dato segnali in merito nonostante l’emergenza nazionale importante. Credo che la mission di un’azienda importante debba essere permeata anche di etica e morale nei confronti dei consumatori e dei dealer”.

Incentivi necessari

“Dal Governo mi aspetto la creazione di incentivi per spingere il mercato. Anche le banche e gli istituti di credito avranno un ruolo importante e indispensabile sarà un accesso al credito facilitato e allargato, senza andare troppo per il sottile.  La manovrina che hanno varato la trovo inadeguata e gli imprenditori soffriranno non poco se lo stato non interverrà con sostegni cospicui; speriamo bene. Trovo, sinceramente, irrispettoso il ripetersi di flash mob canterini fuori ai balconi, perché c’è gente che muore. Donne e uomini che muoiono senza il conforto dei loro cari; non dimentichiamolo. Rimango fiducioso perché l’Italia ha grandi potenzialità e sono convinto che Napoli ci saprà coccolare con le sue bellezze e con l’anima di un popolo unico”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *