Il bilancio del 2018 e lo sguardo al futuro della DotoliM2

 Il bilancio del 2018 e lo sguardo al futuro della DotoliM2

Il 2018 è alle porte ed alla DotoliM2 è tempo di bilanci e programmazione. L’azienda napoletana, impegnata sia nel settore delle 4 che delle 2 ruote, anche nel 2019 vuole recitare il ruolo di protagonista sulla scena del mercato campano: “Complessivamente – dice il manager Maurizio Dotoliè stato un anno soddisfacente, che ha visto fidelizzare e crescere la nostra clientela. Partiamo dalle microcar, dove siamo presenti con i marchi Ligier, Aixam e Chatenet. Ligier, grazie ad un prodotto aderente alle richieste di mercato, frutto di una strategia aziendale dinamica, vede salire di molto i suoi numeri. Aixam ha una gamma completa ed è un’azienda che fa sempre buoni numeri; paga, a mio avviso, la frammentazione nella distribuzione. Chatenet è un top brand che inizia a suscitare interesse perché stilisticamente  e diverso ed ha veicoli personalizzabili. Inizia, infine, a svilupparsi il renting anche in questo settore, che, in generale, si è messo alle spalle il periodo di crisi di 4 anni fa”.

 

Dalle 4 alle 2 ruote: “Moto Guzzi – racconta Dotolivive un momento positivo ma occorre un cambio di passo. La V7 ha avvicinato i giovani al marchio così come ha fatto rientrare i guzzisti. La V9 funziona solo nella versione Bobber. I 1400 di cilindrata, anche se sono ottimi prodotti, sono poco aderenti al nostro mercato. Occorre coprire il buco di gamma e la V85 TT va in questa direzione. Mv Agusta si è difesa e all’Eicma si sono viste novità importanti; c’è voglia di aprire un nuovo capitolo, basato sul segmento del super lusso, con moto sempre più estreme nel design, nella tecnologia e nelle prestazioni. Moto Morini è in attesa delle nuove politiche aziendali che nasceranno dall’ingresso del nuovo proprietario. Norton è una casa di grande esclusività ma dai numeri piccoli; la nuova famiglia Atlas si pone in una fascia di prezzo interessante e già raccoglie consensi concreti. Borile è in un momento di ristrutturazione aziendale ed è in stand by. Royal Enfield, l’ultima novità della Dotoli M2, ha grandi potenzialità. Ha fatto un salto di qualità notevole e credo che le bicilindriche saranno un nuovo punto di svolta; in cantiere, poi, ci sono proposte molto interessanti”.

 

Infine il settore elettrico: “Askoll – sottolinea Maurizio – è oramai un’azienda matura che presenta veicoli affidabili e italiani. Il prodotto c’è ma manca la nostra mentalità; non siamo ancora pronti. Mancano, inoltre, le infrastrutture. Occorre accelerare i processi mentali e sociali verso l’elettrico, che è davvero il futuro prossimo. Insomma il 2018 è stato un buon anno e ciò ci fa guardare con fiducia al futuro. Auguro a tutti i lettori de Il Tabloid un felice e sereno 2019”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *