La Scrambler Moto Guzzi Made in Dotoli


Maurizio Dotoli presenta un’altra delle creature su base Moto Guzzi realizzate nella sua officina di Via Pisciarelli ad Agnano, alle porte di Napoli.

Intento di questa customizzazione è coniugare il fascino estetico alle emozioni di guida di una Scrambler.

Il risultato è una moto gradevole da ammirare e al tempo stesso piacevole da far trotterellare tra le curve della città ed una strada bianca: “Questa volta – spiega Dotoli volevamo realizzare una Scrambler che uscisse fuori dai soliti schemi e così siamo intervenuti radicalmente senza, però, stravolgere la filosofia di base della moto fatta di semplicità, La base di partenza è una Moto Guzzi V7 II.   Il risultato è, a mio parere, intrigante”.

Partiamo dalla ciclistica:




E’ stata rivisitata all’anteriore con una forcella Ohlins. Le piastre sono in ergal, con quella superiore ad ala di gabbiano, per recuperare circa 3 cm di altezza e regalare così alla moto un’escursione tipicamente Off Road.  Anche gli attacchi delle pinze dei freni sono in ergal. Gli ammortizzatori posteriori sono della Ohlins e sono stati sviluppati per alzare l’altezza del retrotreno; sempre a tal fine le maniglie del passeggero sono state modificate per consentire un punto di attacco più alto. Così non si è disturbata l’ottica della moto, in quanto sembra tutto originale”.

Altri piccoli dettagli che fanno una grande differenza:

I fianchetti sono quelli dedicati, le pedane sono da fuoristrada e c’è un piccolo porta bagagli sul serbatoio, realizzato in pelle. Le frecce sono a led e sono integrate nei contrappesi del manubrio”.

Anche la meccanica è stata oggetto di rivisitazioni:

Abbiamo installato un filtro aria racing mentre alle teste è stato montato un Kit A della Guareschi. Anche lo scarico risponde all’esigenza di praticità che una Scrambler deve avere, mentre gli pneumatici sono ampiamente tassellati ed offrono un notevole impatto estetico”.

La personalizzazione continua ancora:

Questa Moto Guzzi è ancora oggetto di elaborazione ed i prossimi interventi dovranno rendere il motore ancora più corposo nella erogazione della coppia. Per noi è l’erede delle Moto Guzzi da fuoristrada degli sessanta/settanta quando la casa di Mandello del Lario era presente nelle gare di Regolarità”.

Stay tuned…



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*