La tradizione della Tortora Moto

La tradizione della “Tortora Moto” nasce nel 1904 a Nocera Inferiore per poi stabilirsi a Salerno negli anni Venti e rappresentare la più prestigiosa casa italiana di moto. Da quasi cento anni, nella città che è stata capitale d’Italia durante la seconda guerra mondiale, la famiglia Tortora è sinonimo di passione per le due ruote. A mantenere viva e forte la tradizione oggi c’è Erminio Tortora, che dal 1987 ha legato il proprio nome con quello della Bmw Motorrad, con risultati straordinari: “Ho – racconta Tortora – sempre creduto nella forza del marchio tedesco e nella sue capacità di ascoltare e soddisfare i clienti. Uno dei segreti è la qualità del prodotto unita ad una forte fiducia nei confronti di chi spende la propria credibilità con gli appassionati. Altro aspetto importante è l’aver sempre mantenuto alti gli investimenti sul prodotto, cosa che i competitor non hanno fatto. Ciò ha portato alla creazione di un prodotto eccellente. In Bmw, in particolare, sono stati bravi a non rinnegare il passato e al tempo stesso a rinnovare e ampliare la gamma. Ho appena acquistato una Gs 80 Parigi-Dakar con oltre 150.000 chilometri all’attivo; bene la moto va ancora alla grande”. Uno degli ingredienti del successo della casa dell’elica è la capacità di creare una community, una sorta di grande famiglia che vive la propria passione non solo in sella: “Quando – spiega Erminio – puoi contare su un prodotto di qualità, è normale, poi, creare dei gruppi itineranti per il mondo. Il <Sistema Moto BMW> ancorché costoso, rappresenta un punto di forza ineguagliato. Non basta vendere le moto solo perché prestigiose, occorre che funzionino correttamente nelle mani di tutti, esperti o meno. Educare, poi, la clientela al rispetto dei piani di manutenzione è difficile, ma ripaga il cliente con l’efficienza del mezzo e la sua rivendibilità a buone quotazioni. L’utente Bmw tiene al logo anche per quanto riguarda il settore dell’abbigliamento tecnico, e si fida delle sue caratteristiche. E’ consapevole che dietro c’è un lavoro di sviluppo e ricerca volto ad ottenere capi pregevoli, in grado di durare nel tempo e garantire il massimo comfort”. Non solo i biemmevuisti salernitani si rivolgono alla Tortora Moto: “Ci sono – dice il primo dealer moto della città di San Matteo – utenti che provengono da tutte le province campane e non solo. A spingerli a noi, credo, siano la nostra disponibilità, competenza e professionalità. Sono sicuri che la loro Bmw riceverà le giuste cure e attenzioni”. Alla sede di Via Silvio Baratta 187 è possibile ammirare l’intera gamma: “Da noi – sottolinea Erminio – tra modelli nuovi ed usati, c’è una sorta d’itinerario storico da ammirare. Sulle novità che ci attendono dico solo che grossa attenzione c’è nel settore degli scooter”.

Mototurismo: il 14 ed il 15 l’appuntamento con “I Vesuviani”

Il 14 e 15 giugno la Campania diventa il centro del Motorurismo Nazionale, grazie al raduno “I Vesuviani”. L’evento organizzato dal moto club che ha dato il nome alla manifestazione, sarà, infatti, valido come seconda prova del Campionato Italiano Turismo e quinta del Trofeo Mototuristico Regionale Campania. Un appuntamento imperdibile, che presenta un programma volto alla scoperta ed al godimento di bellezze paesaggistiche, artistiche, culturali, musicali ed enogastronomiche che solo città come Napoli e San Giuseppe Vesuviano possono vantare. In qualità di delegato provinciale della Fmi nella terza città d’Italia, ho fatto visita alla sede dei Vesuviani ed ho conosciuto così uomini mossi da una forte passione per il motociclismo, in particolare per il turismo. Ecco i loro pensieri:

Michele Iovino (Presidente): “Posseggo una Bmw K1300 GT e con essa mi piace andare ai raduni, perché mi dà la possibilità di conoscere nuove persone. In moto la mente dimentica tutto e diventa tutt’uno con le ruote. Consiglio tutti a farci visita per ampliare il loro bagaglio di amicizia”.

Giuseppe Mifsud detto il “Maltese” (Vice-Presidente): Con la mia Honda Cbr 1100 XX ho girato tutta l’Italia, ma l’Umbria e la Sicilia le ho trovate incantevoli. La Campania è una regione bellissima, purtroppo con istituzioni locali poco attente alla promozione del mototurismo. Il programma del raduno di sabato e domenica è ricco di spunti interessanti”.

Michele D’Alessandro (Segretario): “Andare in moto svaga la mente e soprattutto libera l’anima. Cavalco una Ducati Multistrada 1200 e con lei ho vissuto tutti i raduni d’Italia, tant’è nel 2012, con il mio contributo e quello degli altri soci, abbiamo vinto quasi tutto quello che c’era da vincere tra campionato italiano, trofeo regionale e miglior motoraduno d’Italia. Inoltre siamo stati l’unico club a vincere il premio eccellenza. Personalmente vinsi anche il premio quale miglior conduttore nazionale. Il nostro raduno esalta il piacere del viaggiare in moto e punta sul coinvolgimento del mototurista a 360 gradi, per fargli ammirare al meglio le bellezze nostrane”.

Vincenzo Giugliano (Tesoriere): “Faccio turismo con una moto sportiva, una Bmw S1000RR. L’unico limite che ho rispetto agli altri soci è la capacità di carico dei bagagli limitata, anche se ho creato un sistema che mi permette di portare quasi tutto. Sabato e domenica faremo fruttare le nostre esperienze maturate in tanti anni di su e giù per l’Italia e abbiamo scelto location come il Vesuvio e Napoli che da soli valgono il viaggio”.

Maurizio Casalnuovo (Consigliere): “Anch’io come il tesoriere macino migliaia di chilometri su una super sportiva, la Suzuki Gsx-R 1000 K7. Amo la cavalleria pesante e al tempo stesso i bei paesaggi. Il nostro club ha avuto la fortuna di saper coltivare tante relazioni con le associazioni affiliate alla Fmi. In molti ci chiedono il massimo ed anche quest’anno faremo di tutto per non disattendere le loro aspettative”.

Corrado Massa (Presidente Mc Stabia): “Sarò tra i partecipanti di quello che sicuramente sarà un appuntamento piacevole. Come club di Castellammare di Stabia abbiamo deciso di non far mancare il nostro apporto amichevole e di presenze ad un gruppo di amici che da anni è il fiore ad occhiello del mototurismo campano”.

Lo Stato Tafazzi

Ricordate Tafazzi, il personaggio ideato da Carlo Turati e interpretato da Giacomo Poretti? Sua caratteristica è il masochismo. Saltella mentre si colpisce l’inguine con una bottiglia di plastica e nel farlo prova piacere. Lo Stato italiano, ossia i governanti degli ultimi anni, è una sorta di Tafazzi. I politicanti nostrani per la maggiore non conoscono cosa sia un’ora di lavoro vero, ed hanno una conoscenza dell’universo motoristico pari a zero. Eppure legiferano su tutto ciò che riguarda la nostra vita e le nostre passioni. I motori, sia per amore sia per necessità, coinvolgono milioni d’italiani e quest’ultimi rappresentano per lo stato dei meri polli da spennare. Non avendo alcuna conoscenza delle dinamiche del “motorismo”, questi politicanti sono tanti Tafazzi, con la differenza che utilizzano come inguine non il loro ma il nostro. Prendete ad esempio l’aumento del Superbollo a tutte le vetture con potenza superiore ai 185 KW voluto dall’esimio professore Mario Monti. A detta del luminare, il balzello avrebbe dovuto portare oltre 168 milioni di euro di entrate in più nelle casse dello stato (non dimenticate che lo stato siamo noi). Invece, nei fatti, ha prodotto una serie di effetti perversi che hanno penalizzato l’erario, il mercato dell’auto e il suo indotto. Meno soldi, meno quattro ruote vendute, meno lavoro. L’unico segno positivo è l’aumento della disoccupazione nel settore. Altro esempio è quello delle accise sulla benzina e gasolio. Con la scusa di far fronte ad un’emergenza (vedi l’attualissima guerra in Abissinia….) i politicanti invece di tagliarsi i privilegi, aumentano il loro peso, con conseguente crescita del prezzo finale. Solo che a furia di aumentarle gli italiani stanno riscoprendo il piacere di una bella passeggiata in bici o sui mezzi pubblici. Contrazione dei consumi che ha cagionato il crollo delle voci legate alla vendita dei carburanti. Morale della favola è che se si vogliono maggiori entrate, non occorre aumentare il carico fiscale, anzi. Bisogna (oltre ad una seria lotta all’evasione) incentivare la spesa e di certo questa non cresce se si provoca disoccupazione. Non è necessario essere dei premi Nobel per comprendere che un carico fiscale eccessivo contrae i consumi. Di becero rigore (guai a toccare certe rendite finanziarie o certi industriali che usano la cassa integrazione per sfruttare i lavoratori italiani e pagare le tasse altrove) si muore. Negli ultimi quattro anni si è dimezzato il numero degli occupati nel settore motoristico. L’Italia è da sempre la patria delle auto e moto più belle, in grado di emozionare, creare occupazione e sviluppo territoriale. Purtroppo i politicanti nostrani amano fare come Tafazzi. Usassero, però, il loro inguine e soprattutto smettessero di governarci. Da chi e cosa dipende? Non dimenticate che potete anche non occuparvi della politica, ma questa si occuperà comunque di voi. Massimo rispetto per le idee di tutti. Cerchiamo, però, di scegliere come nostri rappresentanti le migliori donne e i migliori uomini.

Tutti al motoraduno “I Vesuviani”

 

Il Mototurismo italiano sta per vivere uno degli appuntamenti più attesi ed interessanti del campionato italiano. Il 14e 15 giugno, infatti, si terrà il motoraduno “I Vesuviani”, che sarà un condensato di panorami mozzafiato, cultura artistica, musicale ed enogastronomica, curve che proietteranno i centauri nelle bellissime dimensioni della Campania, in particolare di Napoli e San Giuseppe Vesuviano. Ad organizzare l’evento sarà il Moto Club Vesuviani, capitanati da Michele Iorio. Questo il programma:

SABATO 14/06/2014

Ore 08:30 – INAUGURAZIONE MANIFESTAZIONE

– Inaugurazione a Piazza Elena D’Aosta con taglio del nastro da parte di un rappresentante del Comune di San Giuseppe Vesuviano.

Ore 09:00 – APERTURA UFFICIALE ISCRIZIONI F.M.I. CON BUONO COLAZIONE E GADGET.

– Accreditamento partecipanti.

– Sistemazione logistica delle moto in apposite aree di sosta.

– Consegna gadget e materiale turistico.

– Servizio guardaroba per giubbotti e caschi.

– Colazione con caffè e cornetto offerti dal Motoclub.

– Prenotazioni per giro turistico sul Vesuvio.

Ore 10:00 – PARTENZA GIRO MOTOTURISTICO IN DUE TAPPE CON APERITIVO, PRANZO A SACCO ED APERCENA OFFERTI.

I^ TAPPA: “In cima al Vesuvio” (circa 33 Km)

– ore 10:00 partenza da San Giuseppe Vesuviano, Piazza Elena D’Aosta;

– ore 10:15 sosta aperitivo presso il Bar La Magnolia;

– ore 11:45 arrivo nel piazzale parcheggio antistante l’accesso al percorso che porta al cratere del Vesuvio, sistemazione moto custodite da personale dell’organizzazione ed inizio visita guidata al cratere del Vesuvio;

– ore 13:30 pranzo a sacco offerto dal Moto Club;

– ore 15:00 ritorno al piazzale parcheggio e partenza per la seconda tappa del giro mototuristico.

II^ TAPPA: “Vedi Napoli e poi muori . . . . . . . dalla voglia di ritornarci” (circa 40 Km)

– ore 15:00 partenza dal piazzale parcheggio sul Vesuvio;

– ore 16:30 arrivo nel piazzale antistante l’accesso alla Grotta di Seiano,     sistemazione moto custodite da personale dell’organizzazione ed inizio visita guidata al Parco Archeologico Ambientale del Pausilypon  (Il complesso residenziale del Pausilypon apparteneva al ricco cavaliere Publio Vedio Pollione, importante personaggio politico all’epoca di Augusto; alla sua morte, il Pausilypon divenne proprietà imperiale. Il complesso si estendeva sulle pendici della collina tra la baia di Trentaremi, le isole della Gaiola, le cale di San Francesco e dei Lampi, fino a Marechiaro. Esso comprendeva, sulla terrazza superiore, due edifici per spettacoli, il teatro e l’odeion, piccolo teatro coperto destinato ad ospitare concerti o audizioni di poesie. Insieme a questi edifici, il complesso ospitava anche un Tempio o Sacrarium posto ad oriente del teatro e un Ninfeo posizionato nella zona occidentale. Al complesso si accedeva attraverso la Grotta di Seiano, dal nome del celebre ministro di Tiberio, una galleria artificiale, lunga circa 770 metri, che congiunge Coroglio con il vallone della Gaiola passando attraverso la collina di Posillipo);

– ore 18:00 ritorno al piazzale antistante l’accesso alla Grotta di Seiano e partenza per sosta apercena (circa 40 Km);

– ore 19:30 sosta apercena offerta dal Bar Glamour;

– ore 20:00 rientro a San Giuseppe Vesuviano in Piazza Elena D’Aosta.

PER CHI RIMANE AL MOTORADUNO:

– ore 10:30 – 13:00 possibilità di visitare liberamente il famoso Santuario di San Giuseppe

(Con atto del notaio Altomando di Ottajano del 4 settembre 1622, un cittadino del luogo, Scipione Boccia, devoto del santo, donò un appezzamento di terra all’Università di Ottajano per fondarvi una chiesetta da intitolarsi a San Giuseppe. Questa chiesetta, dopo la morte di Scipione Boccia, fu ampliata dalla sua vedova Vittoria D’Ambrosio e dal figlio Principio che donarono alla suddetta Università altro terreno. Questa Chiesa fù ancora ampliata agli inizi del XVIII secolo e ancora successivamente agli inizi del XX secolo, dopo l’eruzione del 1906. Infatti, a seguito di quell’eruzione la chiesa subì gravi danni e il tetto della adiacente cappella dello Spirito Santo crollò a causa del peso delle ceneri eiettate, con conseguenze tragiche: su 200 persone riunite in chiesa per pregare 105 rimasero uccise. Grazie all’opera del fondatore, monsignor Giuseppe Ambrosio, la chiesa si presenta come un imponente santuario con alta cupola (1908), facciata monumentale (1926) ed artistico altare maggiore (1955);

– ore 10:30 – 13:00 intrattenimenti con spettacoli e giochi vari, visita agli stand dei vari espositori;

Ore 12:30 – CHIUSURA ISCRIZIONI.

Ore 13:30 – PRANZO PRESSO STRUTTURE CONVENZIONATE.

Ore 14:30 – RIAPERTURA ISCRIZIONI.

Ore 15:00 – GIRO MOTOTURISTICO “Vedi Napoli e poi muori . . . . . . dalla voglia di ritornarci”.

– ore 15:00 partenza per la seconda tappa del giro mototuristico della giornata;

– ore 15:10 sosta aperitivo offerta dal De Mi Bar;

– ore 16:30 arrivo nel piazzale antistante l’accesso alla Grotta di Seiano e ricongiungimento con il gruppo proveniente dal Vesuvio, sistemazione moto custodite da personale dell’organizzazione ed inizio visita guidata al Parco Archeologico Ambientale del Pausilypon;

(seguito come da programma della seconda tappa del giro mototuristico).

– ore 14:00 – 20:00 intrattenimenti con spettacoli e giochi vari, visita agli stand dei vari espositori;

Ore 20:00 – CHIUSURA UFFICIALE ISCRIZIONI FMI.

Ore 20:30 – SPETTACOLO MUSICALE E CABARET CON CENA E BIBITA OFFERTE DAL MOTOCLUB.

Ore 24:00 – CHIUSURA 1^ GIORNATA ED ARRIVEDERCI A DOMANI.

DOMENICA 15/06/2014

Ore 08:30 – APERTURA UFFICIALE ISCRIZIONI FMI CON BUONO COLAZIONE E GADGET.

– Accreditamento partecipanti.

– Sistemazione logistica delle moto in apposite aree di sosta.

– Consegna gadget e materiale turistico.

– Servizio guardaroba per giubbotti e caschi.

– Colazione con caffè e cornetto offerti dal Motoclub.

Ore 11:30 – BENEDIZIONE DELLE MOTO E PARTENZA GIRO MOTOTURISTICO AL  “CASTELLO MEDICEO” DI OTTAVIANO CON APERITIVO.

Ore 12:30 – CHIUSURA UFFICIALE ISCRIZIONI FMI.

Ore 13:00 – PRANZO CONVENZIONATO.

Ore 14:00 – PREMIAZIONI FMI E SPECIALI.

Ore 15:00 – ESTRAZIONI LOTTERIA.

Ore 16:30 – CHIUSURA MANIFESTAZIONE

Contatti:

– Moto Club: 340/3382379; – Presidente: Iovino Michele 338/9960353; – Segretario: D’Alessandro Michele 339/6230505.

L’invito di Silvano Martinotti al Bimota Experience Weekend

Batta e Martinotti
Batta e Martinotti

Il 14 ed il 15 giugno sul circuito di Cervesina (Pv) dedicato al grande Tazio Nuvolari, si terrà la prima edizione del Bimota Experience Week end. Sarà un evento per festeggiare e condividere un fine settimana di emozioni all’insegna della passione per le moto, in particolare quelle dell’atelier di Rimini. Abbiamo, così, contattato e intervistato Silvano Martinotti (nella foto con Francis Batta), volto storico dello storico marchio, oggi impegnato nel ruolo di Responsabile Commerciale per l’Italia.

Bimota Experience Weekend: che evento sarà?

“Una kermesse di spettacolo, musica e motori. Una trilogia che unisce l’anima dell’appassionato con quella della Bimota. Senza escludere, visto il luogo, la possibilità di concedersi anche un po’ di relax, beneficiando delle acque termali e dei servizi spa offerti dagli alberghi e dalle stesse terme. Un evento che unirà la passione del “motore” e l’emozione di guidare in pista, oltre a scoprire, attraverso gli itinerari più affascinanti, la cultura e la tipicità del territorio che ci ospita”.

Perchè l’autodromo Tazio Nuvolari?

“E’ un autodromo nuovissimo, tutto da scoprire e molto disponibile a simili iniziative e, cosa non secondaria, a costi accettabili. Il numero sedici di quest’anno della rivista Moto Sprint, peraltro, ha dedicato al Tazio Nuvolari un bel commento, evidenziando le qualità del tracciato che consiglio di leggere e che chiude così: …Sembra una pista interessante, che sarà piacevole verificare appena possibile.  Gli amici di Moto Sprint, ovviamente, siete tutti invitati”.

Passione Bimota: cosa significa e rappresenta per Silvano Martinotti?

“La passione è qualcosa di simile a questo pensiero: Se non ti accorgi della fatica, mentre cammini per giungere alla vetta, significa che sei già molto più in alto. In particolare quella per Bimota è anche costituita dai miei trascorsi di lavoro, che mi hanno dato molto in termini di esperienza professionale, nonché tanti momenti di emozione pura, che spero possano ancora ripetersi da oggi in avanti”.

E’ iniziata la scalata al mondiale Sbk e ai cuori degli appassionati nelle concessionarie: quali saranno le strategie?

“Lavorare e lavorare. Nessuna strategia di protocollo o da letteratura di business, se non quella unica, di costruire una rete commerciale che sia il vero patrimonio dell’azienda e dei tanti già clienti o futuri che siano”.

– Cosa ha di speciale una Bimota?

“E’ un oggetto status symbol, quindi, costruito artigianalmente per una particolare nicchia, il cui comune denominatore è solo il piacere dell’oggetto di per sé. Nulla c’entrano gli atavici concetti esibizionistici o di arrogante esclusività, figlie solo di un prezzo superiore alla media. Chi sceglie Bimota, sceglie l’emozione di tanti particolari lavorati dal pieno, dalle mani di un uomo che mette tutta la sua competenza, il suo amore per costruire quel prodotto, quella moto che prima la ami guardandola, poi toccandola, salendoci in sella, per poi tornare a riguardarla e infine guidandola, ascoltando il suo suono, apprezzando il suo equilibrio, la sua potenza, la sua stabilità…Cose che non nascono da una macchina robotizzata, ma dalle mani di un uomo che mette, la sua opera, nella mani di un altro uomo”.

Intervista a Silvano Martinotti, responsabile commerciale Italia della Bimota

Silvano Martinotti
Silvano Martinotti

La Bimota da sempre è sinonimo di arte che prende le sembianze di moto. D’altronde nel suo dna c’è il gene di Massimo Tamburini, l’artista per eccellenza. Oggi l’azienda di Rimini vive una fase di forte rilancio, aziendale sportivo e di modelli. E’ di questi giorni la notizia che Silvano Martinotti è il nuovo Responsabile Commerciale per l’Italia. Si tratta, in realtà, di un ritorno, perché Martinotti ha già ricoperto questo ruolo nel 1990: “Nel 1989 – svela il manager – conobbi Giuseppe Morri, uno dei fondatori della Bimota. L’anno dopo divenni responsabile commerciale nazionale. Di quell’esperienza ricordo la vittoria nel Campionato Italiano Sport Production nelle classi 600 e 750, con 101 moto vendute nel solo anno 1990. Dopo ventidue anni il destino ha voluto che le nostre strade, quella della passione e del lavoro, s’incontrassero di nuovo. La proprietà rappresentata da Marco Chiancianesi e Daniele Longoni, rispettivamente Presidente e Vice-Presidente, hanno idee interessanti, che si sposano letteralmente con le mie. Il brand delinea moto d’élite ed è questo che andremo a valorizzare. Fulcro della nostra attività è l’appassionato che si rivolge a noi e per questo importante sarà la ricerca delle concessionarie. Bimota diventerà una grande famiglia fatta di passione, etica, amore, consapevolezza e obiettivi”. Il Made in Italy sembra non conoscere crisi e la Bimota intende affermarsi anche sui mercati emergenti: “E’ – dice Martinotti – un marchio conosciuto in tutto il mondo. In realtà quelli che noi chiamiamo mercati emergenti, sono ormai maturi. In molti di questi siamo già presenti e con serenità andremo in quelli dove siamo stati assenti. Avete letto bene, serenità. Significa che affronteremo il mercato convinti della nostra unicità, qualità, etica e immagine. Non ci sarà più la spasmodica fretta del vendere a tutti i costi. Il percorso di qualità non s’inventa, ma si costruisce quotidianamente nel rispetto, attraverso il duro lavoro, di fase che gratifichi l’appassionato. Quando si vede per strada una Bimota è facile emozionarsi, perché si ha modo d’ammirare un’opera d’arte che riempie il cuore. Chi ha affermato che è la Ferrari delle due ruote, a mio avviso, ha colto in pieno. Bimota rappresenta la storia intellettuale del motociclismo, una filosofia che racchiude l’assioma essere-fare-avere. La nobile interpretazione della locuzione determina la nobiltà della nostra filosofia costruttiva. Vogliamo essere un esempio nel mercato”. Il debutto nel mondiale Sbk è incoraggiante: “L’esordio – afferma Silvano – è stato portentoso con una moto, la BB3, ancora tutta da scoprire. Sono certo, però, che Daniele Longoni, insieme al Team Alstare, di sviluppi ce ne regalerà molti!”.

Le offerte d’aprile della Twins

Offerte Twins
Offerte Twins

E’ arrivata la primavera e si respira una nuova aria anche nel mercato delle due ruote. Alla Twins S.r.l. di Napoli hanno pensato di accogliere l’arrivo della bella stagione con delle offerte allettanti, per rimettere in sella i napoletani dopo il letargo invernale: “Per fortuna – dice Davide Liccardo, amministratore del dealer partenopeo – all’ombra del Vesuvio l’inverno è mite e i giorni di pioggia sono pochi. La primavera, però, resta la stagione principale per realizzare numeri importanti. Dalla nostra riapertura ad oggi, non abbiamo conosciuto pause e vogliamo che aprile diventi il mese che trasformi la voglia di moto in realtà. Tre sono gli assi che caliamo per solleticare i desideri degli appassionati. Chi ha voglia di cavalcare la regina della Sbk, c’è un’Aprilia Rsv4 Factory del 2010 con 15.000 Km a 10.990 euro. Per chi vuole una naked sportiva che diverta sulle strade extraurbane, proponiamo una Ducati Monster 1100 Evo del 2012 con soli 2.700 Km, al prezzo di 9.490 euro. Chi sogna una moto universale, aggressiva, potente e comoda, può trovare nella Multistrada 1200 Abs del 2011, 19.000 Km, euro 11.190, la giusta risposta. Consiglio di dare un’occhiata al nostro sito www.twinsmotorbroker.com, perché c’è una serie di servizi che mettiamo a disposizione dei centauri, per meglio seguirli nei loro percorsi in sella”. Grosse novità bollono in pentola alla Twins S.r.l.: “Ancora – dice con un sorriso Liccardo – non posso dire nulla, però voglio dare un indizio. Coloreremo d’arancione i motociclisti di Napoli e provincia. Stay tuned!”.