Intervista a Marta Gnerre, giovane imprenditrice del mondo delle 2 ruote

 

Sono sempre di più le donne che vivono la passione per le moto, così come l’imprenditoria del settore si colora di rosa.

Marta Gnerre, a soli 22 anni, non solo dirige la Sannio Moto, dealer ufficiale della Kawasaki a Benevento, ma è già un punto di riferimento importante per chi, in Campania, organizza eventi che coinvolgano le due ruote.

Una appassionata figlia d’arte: “Fin da bambina – racconta – sono stata circondata dalle moto. Ricordo che una mattina a svegliarmi fu il rombo del gioiello di mio padre (la mitica Volpe del Sannio), la Honda NR750. Il fatto che lui fosse impegnato sia come pilota sia come organizzatore nel mondo delle gare, mi ha fatto avvicinare a questo mondo. Dopo un brutto incidente, che ha segnato la sua carriera agonistica, ho avuto una sorta di rigetto. Non è stato facile accettare e vivere quei momenti difficili. Da quelle difficoltà, però, ho trovato la forza per guardare avanti, per continuare, così, quella che per la mia famiglia è prima di tutto una grande passione. La Sannio Moto è la seconda <creazione> di mio padre; nata nel 2000, in uno dei punti più nevralgici della citta, nei pressi della stazione”.

Gli anni della crisi hanno cambiato il mercato: “Dopo – spiega – anni di buio, ci sono lievi segnali di ripresa. Guardo al futuro con ottimismo anche per fare oggi azienda in Italia occorre non solo una disponibilità economica ma soprattutto un grande coraggio. Non nascondo che alle volte la paura mi assale, ma grazie al continuo confronto con mio padre, riesco a superarla. In azienda ho deciso di curare ancor di più i dettagli. Mi sono prefissata di raggiungere entro 5 anni, 3 obiettivi. Il primo è quello di rinnovare la sede Sannio Moto in modo da ridare ai bikers beneventani un servizio comodo ed un luogo dove ritrovarsi per vivere insieme la propria passione. Credo che per il cliente sia importante stabilire un rapporto di fiducia con tutto il team della concessionaria. Mi occuperò del reparto dell’abbigliamento tecnico e alla parte gestionale del negozio affiancata dall’esperienza decennale di Marcello Alleva, che continuerà ad occuparsi del magazzino ricambi e dell’amministrazione. Insieme, poi, ci occuperemo del settore vendita. Il secondo è quello di andare a vivere da sola. Il terzo è quello di poter vedere i miei genitori iniziare a godersi la vita senza dover fare dei sacrifici e preoccuparsi del lavoro. Spero di realizzare questi progetti in modo da non deludere né le mie aspettative né quelle di mio padre Vincenzo”.