Cellulare in auto, cosa dice il Codice della Strada

Cellulare in auto, cosa dice il Codice della Strada

Al giorno d’oggi viviamo in simbiosi con il nostro cellulare tanto da non lasciarlo in nessuna circostanza specialmente quando si guida l’auto

Al giorno d’oggi viviamo in simbiosi con il nostro cellulare tanto da non lasciarlo in nessuna circostanza specialmente quando si guida l’auto. E’ bene sapere, però, che c’è un caso in cui è strettamente preferibile accantonarlo da qualche parte e non lasciarsi distrarre: quando si sta alla guida.  Ribadiamo è pericolo usare il cellulare mentre si guida. Stando all’ART. 173 comma 2 del Codice della Strada “è vietato al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici ovvero di usare cuffie sonore…è consentito l’uso di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare purché il conducente abbia adeguate capacità uditive ad entrambe le orecchie (che non richiedono per il loro funzionamento l’uso delle mani)”.

Cellulare in auto, elevate sanzioni del codice della strada

Infatti, mentre si guida è vietato mandare SMS o navigare su internet o effettuare chiamate: gli unici casi ammessi sono quelli di parlare al telefono in vivavoce o utilizzare gli auricolari (un orecchio deve sempre rimanere attento ai rumori circostanti). Inoltre, si può utilizzare il cellulare se è connesso in Bluetooth all’auto (ma ovviamente questa connessione deve essere fatta prima di mettersi in marcia).

Ancora, si può utilizzare con i comandi vocali purché il cellulare non sia tenuto in mano ma poggiato negli appositi vani porta oggetti o sul sedile del passeggero. Chi venga colto con il cellulare alla guida, non si vedrà sospesa la patente, a meno che non lo rifaccia nell’arco di due anni: la sospensione andrà da un mese fino a tre mesi. Le multe però sono salate perché vanno da 161 euro fino a 647 euro, con decurtazione di 5 punti dalla patente.

Le Forze dell’Ordine devono obbligatoriamente fermare chiunque sia colto con il cellulare in mano durante la guida. In caso di incidenti gravi, le Forze dell’Ordine potranno anche sequestrare lo smartphone o il tablet per verificare se sia stato utilizzato e se abbia scatenato l’incidente.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *