Le disattenzioni durante la guida possono influire non solo sulla sicurezza di tutti i passeggeri ma possono costare caro anche in termini monetari. Infatti, l’utilizzo del cellulare in auto, viene sanzionato con delle multe che vanno dai 161 ai 647 euro (e con la nuova Legge di Bilancio 2018, queste somme potrebbero aumentare dai 322 fino ai 1294 euro). Perché purtroppo gli incidenti causati per disattenzioni dovute all’utilizzo degli smartphone alla guida, sono aumentati.

Secondo l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici (ANIA) questa percentuale è salita al 20,1%. Stando all’indagine della Fondazione VINCI Autoroutes, il 32% dei conducenti italiani alla guida legge gli SMS o le email.

Uso del cellulare in auto, comportamento negligente e pericoloso

Questi comportamenti negligenti sono da irresponsabili e limitano la sicurezza per se stessi e per gli altri automobilisti e vanno dunque puniti per disincentivarli.

Le Forze dell’Ordine, nel caso di sinistri, possono sequestrare il cellulare o qualsiasi altro dispositivo per verificare se questi strumenti siano stati utilizzati durante la guida e abbiano causato gli incidenti (ad esempio controllando gli orari delle telefonate e dei messaggi per verificare se coincidono con quelli dell’incidente). Ovviamente un incidente causato dall’utilizzo dello smartphone alla guida, avrà delle ripercussioni anche sulle assicurazioni.

Il premio assicurativo e il rischio di non essere coperti

Infatti, per chi è responsabile di un incidente in tale circostanza, ci sarà un aumento del premio assicurativo: sull’attestato di rischio dell’assicurato negligente, risulterà l’episodio dell’incidente che influenzerà nei cinque anni successivi l’importo da versare a qualsiasi compagnia assicurativa. Inoltre, la compagnia assicurativa potrebbe rivalersi economicamente del danno, cioè corrispondere alla controparte danneggiata quanto dovuto, chiedendone conto al cliente assicurato.

L’assicurato, inoltre, perde due posizioni all’interno della classe che occupava fino ad allora, oltre che subire un aumento della tariffa da pagare (addirittura oltre il 200% sull’ultimo premio versato se si tratta di un neopatentato; non oltre il 20% per un guidatore più esperto).