Cellulare in auto e vivavoce per evitare le sanzioni

 Cellulare in auto e vivavoce per evitare le sanzioni

L’obbligo di non utilizzare il cellulare alla guida deve essere rispettato non solo per evitare delle multe salate ma anche, e soprattutto, per una questione di concentrazione e sicurezza alla guida.

Chiunque sia colto, durante la guida, ad utilizzare il cellulare, incorrerà in salate multe che vanno dai 161 ai 647 euro, con decurtazione di 5 punti dalla patente.

La sospensione della patente non è prevista, salvo il caso in cui, lo stesso soggetto verrà colto di nuovo ad utilizzare il cellulare durante la guida: in quel caso, ci sarà la sospensione della patente da un minimo di un mese fino a tre mesi.

Cellulare in auto, oltre la sanzione in caso di incidente il sequstro

Le Forze dell’Ordine sono obbligate a fermare chiunque utilizzi il cellulare durante la guida e, possono anche sequestrare smartphone o tablet, qualora sia stato causato un grave incidente, per valutare se tali strumenti siano stati o meno la causa di tale incidente.

E’ vietato, in ogni caso, utilizzare il cellulare per inviare SMS o chattare.
Oppure quando si è fermi nel traffico in coda o quando si è al semaforo: infatti, anche in queste situazioni, l’utilizzo del cellulare potrebbe creare distrazioni e potenziali pericoli.
Si può utilizzare, invece, quando si è ancora nel parcheggio (anche con motore acceso) perché non si è ancora in marcia.

Come utilizzare al meglio il cellulare in auto

Così come si può utilizzare durante le conversazioni, soltanto in modalità vivavoce o con le cuffie auricolari (una sola, perché l’altro orecchio deve rimanere attento ai rumori del traffico o della strada).

Comunque, anche in modalità vivavoce, l’obbligo è quello di non tenere il cellulare né con una né con due mani ma di poggiarlo in un vano porta oggetti o sul sedile del passeggero.

Un altro metodo per poter utilizzare il cellulare, è quello di collegarlo al Bluetooth dell’auto, ovviamente prima di mettersi in marcia. Ricordiamo che la distrazione è la prima causa di incidenti in Italia come ha riferito l’ACI analizzando i dati del 2018.

MAMEPI
????????...




Avatar

Giovanni Soldato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *