La Mototecnica Isaia tra bilanci, anno nuovo e nuovi servizi

La Mototecnica Isaia è da anni uno dei principali punti di riferimento napoletani per chi cerca risposte e soluzioni alle proprie esigenze di mobilità urbana su due ruote. Un’azienda che, nel corso degli anni, ha saputo organizzarsi per offrire sempre più servizi di qualità.

Abbigliamento moto: meglio cambiarlo per ogni stagione?

Sono purtroppo ancora molti i motociclisti che ogni giorno affrontano la strada senza il corretto
abbigliamento di sicurezza, non solo in Italia ma anche nel resto d’Europa. È anche per questo c
he il numero di feriti gravi tra i motociclisti rimane ancora altissimo, anche se sono disponibili
in commercio protezioni valide, che eviterebbero buona parte dei danni. Le leggi di molti Paesi
europei inoltre non obbligano i centauri ad utilizzare tutte le protezioni oggi disponibili, cosa
che complica ulteriormente la situazione.

La scelta dell’ abbigliamento moto

Quando si decide di acquistare una motocicletta, da utilizzare ogni giorno o anche solo saltuariamente, si dovrebbe subito considerare anche l’acquisto di abbigliamento adeguato. Non si tratta infatti solo di poter indossare abiti confortevoli, ma anche di incidere in modo importante sulla sicurezza personale. Infatti è indubbio che l’utilizzo di un abbigliamento idoneo sia la chiave per una minore incidenza di ferite gravi tra chi circola in motocicletta. Oggi sono disponibili in commercio vari modelli di abbigliamento per motocicletta, molti dei quali sono perfetti per un utilizzo quotidiano, consentendo di muoversi in massima libertà. La scelta comunque dovrebbe sempre cadere su capi multifunzione, da poter utilizzare per tutto l’arco dell’anno.

Ad esempio molti motociclisti prediligono le giacche e i pantaloni con imbottitura asportabile, questo consente di avere a disposizione abbigliamento da utilizzare sia durante i mesi freddi, sia nel periodo estivo, senza soffrire in modo eccessivo per il caldo. Lo stesso si può fare anche per altri capi di abbigliamento, come le classiche tute, in pelle o in materiale sintetico.

Guanti e calzature

Tra l’abbigliamento tecnico per motocicletta un posto importante lo occupano anche i guanti e gli stivali. Il guanto protegge al meglio la mano dalle intemperie e da eventuali urti, inoltre consente, se scelto del giusto modello, di muovere in modo adeguato e preciso le dita, per ottenere il massimo controllo di guida. Per quanto riguarda gli stivali invece l’importante è il grip che ci forniscono sull’asfalto, considerando soprattutto le fasi in cui si deve sostenere il peso dell’intera motocicletta. In genere molti centauri preferiscono avere a disposizione un singolo modello di guanti e di stivali, da utilizzare per tutto l’arco dell’anno. Si deve però sempre pensare che nel nostro Paese le condizioni climatiche nelle varie stagioni sono soggette ad una variabilità estrema. Per questo può essere fondamentale avere a disposizione diverse paia di stivali, da cambiare secondo il periodo dell’anno, e lo stesso si può dire per i guanti.

Se il costo di questi accessori può sembrare eccessivo, si può valutare di acquistare guanti moto invernali online, in modo da approfittare delle tante offerte presenti sui siti dedicati all’abbigliamento per motocicletta. In estate utilizzeremo guanti protettivi, ma privi di imbottitura e molto leggeri; nei mesi freddo invece è meglio preferire guanti a prova di freddo, per poter guidare con la massima sicurezza anche dopo varie ore di viaggio con temperature particolarmente rigide.

Accessori per l’inverno

Sono molti i motociclisti che preferiscono utilizzare il loro mezzo solo durante la bella stagione. Chi invece viaggia anche in inverno sa che non è solo il freddo l’insidia da affrontare, ma anche il vento causato dalla marcia della moto. Il vento si insinua nelle fessure, sotto il casco, attraverso il colletto della giacca o dall’apertura del polso. Quando le temperature sono molto rigide oltre al classico abbigliamento tecnico è importante indossare anche dei capi che permettano di fermare il vento. Sono disponibili scalda collo in seta o in tessuto antivento, o anche veri e propri passamontagna, da indossare sotto il casco. A volte anche l’intimo termico può fare la differenza, proteggendo l’intero corpo dai rigori invernali.

Guida d’inverno, ecco i consigli e le regole per mettersi al sicuro

Il Generale Inverno quest’anno ha avuto fretta di arrivare, cogliendo di sorpresa anche i meteorologi: già dagli ultimi giorni di novembre, infatti, l’Italia è stata presa nella morsa del freddo, con segnali di neve anche in pianura al Nord, come non accadeva da tempo. Una situazione che ha avuto inevitabili conseguenze a vari livelli e anche sulla circolazione nei tratti più disagevoli, confermando ancora una volta l’importanza delle ordinanze invernali.

Garantire la sicurezza stradale alla guida

Mai come in questo 2017, infatti, le norme del Codice della Strada per la circolazione nei mesi freddi sono entrate in vigore con perfetto tempismo, alla metà di novembre, consentendo agli automobilisti che hanno seguito le regole di patire meno disagi sulle strade colpite dai fenomeni invernali. D’altra parte, la ratio stessa di questi provvedimenti è quella di limitare i rischi che si incontrano con le insidie tipiche del freddo, come gelate mattutine, bruma, strade rese scivolose dalla pioggia o aree innevate.

Le norme del Codice della Strada

In termini pratici, il Codice della Strada prescrive che dal 15 Novembre al successivo 15 Aprile gli automobilisti devono utilizzare un equipaggiamento invernale che assicuri le migliori garanzie di aderenza, frenata e comfort, per rispondere al cambio climatico e alle temperature più basse. Per mettersi a norma, in realtà, è “sufficiente” anche avere a bordo delle catene da neve da montare al momento necessario, ma per i più scrupolosi e attenti alla sicurezza il consiglio è di optare per gli specifici pneumatici invernali.

Gli obblighi per gli automobilisti

L’obbligo si applica in genere fuori dai centri abitati e per tutti i veicoli a motore, ad eccezione di quelli a due ruote (che, sempre leggendo il Codice della Strada, non possono circolare quando ci sono fenomeni atmosferici tipo nevicate in atto); le ordinanze saranno valide su una buona parte del territorio italiano, da Nord a Sud, con un elenco di circa 200 fra strade provinciali, regionali o autostrade. Per concludere gli aspetti “normativi”, bisogna sottolineare che i trasgressori sono puniti con una multa da 41 a 168 euro se sorpresi nei centri abitati e da 84 a 335 euro in autostrada o nelle strade extraurbane.

I consigli sugli pneumatici invernali

Passiamo dunque ad alcune informazioni utili per chi invece ancora non si è adeguato alle prescrizioni, ma che intende farlo a breve, cominciando dalla descrizione delle caratteristiche delle gomme invernali: rispetto alle estive (ovvero, quelle che montiamo per la circolazione regolare), questi prodotti sono realizzati con una mescola più morbida e cedevole, che offre prestazioni ottimali quando la temperatura esterna e dell’asfalto scende al di sotto dei 7 gradi, migliorando l’aderenza e gli spazi di frenata anche in condizioni di strada bagnata o fondo innevato.

Le caratteristiche delle gomme invernali

Merito anche del disegno del battistrada, costituito da fitte lamelle che insieme permettono una migliore aderenza al suolo. Ormai ogni grande casa produttrice di gomme ha in catalogo almeno una tipologia dedicata all’inverno, come si può vedere anche negli store online dei rivenditori italiani, e per riconoscere se uno pneumatico è adatto al freddo basta guardare la sua “spalla”: gli pneumatici invernali riportano la marchiatura M+S, che in alcuni casi (soprattutto nelle soluzioni più nuove e performanti) si accompagna al simbolo della montagna con il fiocco di neve.

Per approfondire:

http://www.pneumaticisottocontrollo.it, per la mappa delle ordinanze in tutta Italia

www.euroimportpneumatici.com, per chi cerca pneumatici invernali

www.asaps.it, il portale della sicurezza stradale