Royal Enfield: il test della Scram 411 alla DotoliM2

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
scram

E’ appena arrivata nelle concessionarie ma è già un successo di vendite.

La nuova Royal Enfield Scram 411, infatti, riscuote tanto in termini di interesse tant’è che è diventata un punto di riferimento del segmento di mercato.

Grazie alla DotoliM2, store ufficiale a Napoli della casa di Chennai, abbiamo testato la Scram 411 tra Napoli e la Penisola Sorrentina ed è stata una piacevole scoperta.

Tecnica

Il motore, in sostanza, è lo stesso della sorella Himalayan. E’ un monocilindrico raffreddato ad aria da 411 cc, che eroga 24,3 cavalli a 6.500 giri e una coppia di 32 Nm a 4.500 giri.
A fare della Scram 411 una moto nuova sono le sovrastrutture. La seduta è confortevole e tutti possono appoggiare facilmente i piedi a terra. L’anteriore da 19 pollici è un buon compromesso tra guida cittadina e Offroad. L‘impianto frenante prevede un disco singolo da 300 millimetri davanti, con pinza a due pistoncini, e un disco da 240 millimetri e pinza a un pistoncino dietro. L’ABS a doppio canale non può essere disinserito.

Come va?

Appena saliti in sella si apprezza il notevole balzo in avanti rispetto alla Himalayan. E’ una moto più matura e dalla qualità complessiva migliore. Nel traffico, grazie alla leggerezza ed alle sospensioni, si vincono le sfide rappresentate da auto e buche. Sulle strade extraurbane la Scram 411 fa emergere tutto l’equilibrio e il bilanciamento tra ciclistica e motore. La facilità di guida e il carattere del motore sono le qualità che la rendono una moto piacevole da condurre a patto di non chiederle tanti chilometri in autostrada; la Scram 411 ama i panorami intervallati da curve e non da lunghissimi rettilinei. Lo scandire del tempo deve essere semplicemente quello a misura d’uomo. Croce e delizia è la frenata: delizia per chi è alle prime armi, piccola croce per chi è smaliziato e vuole assecondare ancor di più le qualità della ciclistica.

 

Molto apprezzata

“La Scram 411, spiega lo store manager Maurizio Dotoli, è un altro modello con il quale la Royal Enfield ha fatto centro. Dalla base dell’Himalayan è stata creata una moto ottima in chiave cittadina. Ha mantenuto il carattere essenziale dell’Himalayan ma ha una guidabilità superiore, il peso inferiore e migliori finiture. I consumi sono irrisori mentre le doti stradali sono fantastiche. Il look è indovinato e piace molto ai motocilisti di ritorno, alle donne e a chi è alla ricerca di una prima moto. Le colorazioni sono attraenti e il prezzo è centrato. Insomma è un prodotto maturo che rappresenta un ulteriore passo per Royal Enfield verso la conquista del mercato delle medie cilindrate che è, poi, quello più cospicuo del momento. Siamo contenti per come risponde il mercato e chi ha voglia di scoprire con un test ride le sue qualità può chiederlo presso la nostra sede di Agnano alla Via Pisciarelli n° 69”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.