Eicma 2021: il punto di vista di Maurizio Dotoli

 Eicma 2021: il punto di vista di Maurizio Dotoli

Nella sua città Maurizio Dotoli è senza dubbio un punto di riferimento importante sia per gli utenti sia per gli appassionati di moto; a Napoli è una vera e propria memoria storica e culturale.

Come imprenditore e come appassionato, quindi, non poteva mancare all’Eicma il salone che dopo due anni è ritornato ad accogliere nei suoi stand il calore della gente.

Queste le sue impressioni

“Sono stato la giornata di giovedì e a dire il vero sono andato prevenuto perché tra assenze di case importanti ed i messaggi dei colleghi operatori che parlavano di bassa affluenza relativa ai giorni di martedì e mercoledì, presagivo un salone piccolo e di scarso interesse. Invece ho trovato molta gente mossa da tanto entusiasmo e vogliosa di toccare con mano le tante novità. Una voglia di moto contagiosa che mi ha piacevolmente sorpreso”.

Gli stand

“Ad essere presi d’assalto sono stati gli stand di case costruttrici di moto emozionali come se gli scooter interessassero poco o nulla. Lo stand della Moto Morini, a mio avviso, è stato quello più affollato con la Seiemmezzo a fare da prima donna. Molto apprezzata anche la V100 della Moto Guzzi che coniuga la tradizione con il futuro. La Tuareg dal vivo è ancora più bella grazie ad un design innovativo; in Aprilia hanno fatto davvero un gran lavoro. L’operazione Lucky Explorer Mv Agusta per un utente addentro alle cose è incomprensibile perché tra le meravigliose Cagiva degli anni ‘80 e ‘90 si sono trovati o di fronte 2 prototipi di cui una è una Benelli Trk ricarrozzata. Una cosa deludente e lascia pensare perché non abbiano usato i nomi Cagiva ed Elefant. Sui tempi di produzione poi…Ho trovato interessanti gli stand delle case giapponesi così come interessante è stato quello della Triumph. E’ il marchio europeo che ha la miglior gamma e le sue moto sono belle e ben realizzate. Mi ha stupito in negativo la Bimota; per me che sono un suo storico appassionato ha perso la bussola. I suoi modelli sono incomprensibili. Non basta costruire una moto con le migliori parti speciali; occorrono anche armonia e design, qualità che latitano. Roayl Enfield con la SG 650 Concept fa intravedere un futuro intrigante mentre con la nuova Classic rende il presente interessante”.

Tra entusiasmo ed assenze

“Il bilancio che faccio è sicuramente positivo perchè c’è tanta voglia di moto. Incomprensibile ho trovato l’assenza di case come quelle che si fregiano di rappresentare l’Italia nel mondo ma che alla fine snobbano l’evento di casa. Lo trovo inaccettabile e per me gli assenti hanno sempre torto. Hanno avuto ragione, invece, coloro che nonostante la pandemia hanno deciso di esserci dal vivo e non solo attraverso freddi comunicati stampa o a mezzo social”.

var url216072 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1156&evid=216072”;
var snippet216072 = httpGetSync(url216072);
document.write(snippet216072);


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *