La visione del mercato di Maurizio Dotoli

 La visione del mercato di Maurizio Dotoli

Il mercato del 2020 delle due ruote è stato senza dubbio influenzato dall’emergenza Coronavirus.

Nonostante tutto, però, le perdite non sono state pesanti ed anzi le vendite delle piccole e medie cilindrate sono addirittura aumentate.

Un fenomeno che testimonia come cambiano i gusti dei motociclisti.

Ne abbiamo parlato con Maurizio Dotoli, imprenditore del settore nonché fine conoscitore dell’universo motociclistico.

Dall’incertezza…

“Ottobre è stato un mese strano perché si è lavorato bene solo per due settimane. Le chiusure legate alla seconda ondata del Covid-19 hanno creato incertezza e una scarsa propensione ad effettuare spese. A Novembre, invece, si è registrata una piccola ripresa”.

…alla fiducia

“Dovremmo andare incontro, grazie alle riaperture dei negozi, ad un momento di ripresa con più fiducia nel futuro. La ricetta per rilanciare l’economia, a mio avviso, è infondere fiducia nel futuro; anche su questo aspetto dovrebbero lavorare le nostre istituzioni. Se le vendite degli scooter sono in calo, aumentano invece le vendite delle moto di piccola e media cilindrata. In realtà è un fenomeno globale già presente nell’est dell’Europa ed in Asia. Oggi le persone badano più al sodo e alla concretezza; si è invertita la tendenza all’ostentazione. Tra i marchi rappresentati dalla DotoliM2 senza dubbio la Royal Enfield e in parte la Moto Guzzi hanno beneficiato di questo nuovo trend. Quest’ultima, in particolare, con la V7 che incarna l’essenzialità e con linee che non guardano alla moda ma offrono un appeal duraturo”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *