Scotland, il futuro è oggi

Gino Civile e la sua Scotland continuano a stupire e incantare i motociclisti di tutto il mondo. Nell’edizione del centenario dell’Eicma, le meraviglie dell’atelier napoletano

Gino Civile e la sua Scotland continuano a stupire e incantare i motociclisti di tutto il mondo. Nell’edizione del centenario dell’Eicma, le meraviglie dell’atelier napoletano hanno destato l’interesse di migliaia di appassionati e addetti ai lavori. Un successo dalle dimensioni planetarie, perché le collezioni presentate saranno inviate in ogni continente: “La partecipazione – spiega Civile – ad Eicma 2014 è stata una scelta fortemente voluta dalla governance di Scotland che, grazie all’appuntamento milanese, si è proiettata con maggiore forza sui mercati internazionali, suscitando la curiosità e l’interesse dei maggiori operatori mondiali. Abbiamo chiuso collaborazioni con operatori del Centro/Sud America, del Nord Africa, dell’Asia e di tutta Europa. E’ cresciuta, poi, la nostra influenza nella realtà italiana, dove il marchio è in costante espansione. Insomma è stato un successo che è andato oltre ogni aspettativa. Siamo ritornati a Napoli carichi di gioia ed entusiasmo, ancora più convinti che le nostre idee e i nostri prodotti sono più forti della crisi”.

Una chiave di lettura è la vasta gamma di prodotti offerti: “Scotland – evidenzia – offre un total look di abbigliamento e accessori per motociclisti a 360 gradi, per supportare ogni loro d’esigenza. La linea Scotland è una collezione basica per soddisfare le richieste di chi necessita un capo tecnico e non vuole rinunciare a una linea casual, senza dimenticare sicurezza e innovazione. A contrasto del basico di Scotland è nata “Rodeo Drive” una collezione di successo composta da caschi glamour realizzata con grafiche accattivanti e colori fluo”. Eicma 2014 è alle spalle e nelle idee di Gino Civile s’intravedono gli orizzonti futuri della Scotland: “Dopo – sottolinea l’imprenditore partenopeo – vent’anni di attività, fatta di tante ore quotidiane di lavoro e sacrifici, forti della nostra italianità e della stima di tanti amici, guardiamo al futuro con rinnovato impegno e fiducia. La speranza è che un domani quanto fatto oggi possa ricevere i giusti apprezzamenti. Sono convinto che le nuove partnership internazionali saranno uno stimolo ulteriore a fare meglio”.

Il cuore di Civile batte forte per la sua città e la sua nazione e questa è l’analisi che fa dei due mercati: “ Il mercato – dice – delle due ruote in Italia è calato negli ultimi anni soprattutto a causa del caro assicurazioni. Il crollo delle immatricolazioni ha costretto molti a rinunciare al proprio hobby o necessità di trasporto. In questa fase il nostro gruppo si è difeso con successo attendendo quella pulizia del settore che ha portato alla chiusura di operatori improvvisati. A settembre il mercato ha dato segnali di crescita e oggi più organizzati di ieri siamo pronti a rispondere a tutte le possibilità che si presenteranno. Sul mercato Napoletano dico che abbiamo il termometro, siamo presenti in città con quattro store diretti ubicati in luoghi prestigiosi, con un format d’arredo dal forte impatto. Napoli ha un’alta densità di traffico e per molti muoversi su due ruote è un’esigenza fondamentale. Così che negli ultimi anni il nostro staff si è concentrato nello sviluppare nuovi prodotti per la Scooter Collection. Nel prossimo futuro gli investimenti dell’azienda saranno sempre proiettati sull’innovazione dei prodotti e sull’allargamento della fetta di mercato, facendo dell’Italian Style e delle politiche di prezzo d’attacco le proprie competenze distintive. In particolare continueremo la ricerca di nuovi materiali e tecniche di lavorazione per offrire ulteriore innovazione. Nell’ultimo anno con i nostri caschi, in particolare il modulare e il jet force, abbiamo raggiunto uno standard qualitativo d’eccellenza. Per il design, è la collezione Rodeo Drive che richiede l’impegno più grande; le grafiche sono accattivanti e hanno avuto un grande successo non solo in Italia. Sappiamo che dobbiamo continuare su questa strada e questa è la nostra volontà”.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *