Husqvarna Vitpilen 401: il Twins test

Husqvarna con la Vitpilen ha dato una nuova dimensione al mondo special, perché è stata in grado di condensare in un prodotto di serie il fascino vintage e le meraviglie della tecnologia. E’ nata, così, una moto dall’enorme fascino estetico, originale nel design quanto attuale nelle dotazioni tecniche.

Grazie alla Twins S.r.l., dealer ufficiale a Napoli della storica casa, abbiamo saggiato le caratteristiche del modello 401, in grado di sorprenderci non poco.

Il design è ricercatissimo nonché curato, in grado di attirare gli sguardi sia dei giovani sia degli adulti.

Il motore è un monocilindrico da 375 cc., capace di ben 44 cv a 7.000 giri e 4 Kgm di coppia. Il telaio è a traliccio in acciaio, con una forcella WP a steli rovesciati da 43 mm. L’impianto frenante è della ByBre, e lavora su un disco da 320 mm all’anteriore (la pinza è ad attacco radiale con 4 pistoncini) ed uno da 230 mm al posteriore.

I cerchi sono a raggi e sono da 17’’, con misure degli pneumatici di 110/70 all’avantreno e 150/60 al posteriore.

La finiture sono curate ed ilo faro a LED è una primizia che fa splendere ancor di più la piccola Vitpilen.

La seduta è particolare ed i 2 seminanubri sono bassi e aperti.

Il motore spinge sorprendentemente, con una carica notevole già dai bassi regimi; l’allungo, considerando la cilindrata, impressiona perché si raggiungono facilmente velocità oltre codice davvero notevoli.

La frizione ed il cambio sono morbidi da azionare nonché precisi.

In città la Vitpilen 401 è un’anguilla perché tra peso contenuto e ingombri minimi, il traffico non spaventa.

La piccola Vitpilen, però, ha nel misto stretto il suo habitat naturale; con il minimo sforzo si hanno ritmi veloci e le sportive di grossa cilindrata si trasformano, in alcuni casi, in prede succulenti.

In autostrada, invece, complice una protezione aerodinamica minima, si soffre un pochino il vento.

Perché comprarla? Perché è bella, moderna, sicura, rispettosa dell’ambiente e perché, all’occorrenza, sa andare forte.

Presso lo store Twins di Via Nuova Poggioreale n° 58 è possibile farsi sorprendere con un test.

Visita al reparto Ktm della Twins di Napoli

Nel reparto Ktm della Twins abbiamo incontrato Antonio Gallo, alias il Baffo, con il quale abbiamo scambiato opinioni sull’elettronica presente sulle moto di serie, in particolare sui modelli della casa di Mattighofen.

Ecco le sue parole:

L’elettronica è entrata, sulla falsariga di quanto successo nel mondo delle auto, prepotentemente nelle due ruote. Denigrare l’elettronica, oggi, significa essere fuori dal tempo. Guardiamo, ad esempio, alla nuova Super Duke 1290; rispetto al modello precedente i progressi in merito sono stati notevoli.  L’elettronica va salutata con favore in quanto utile in termini di sicurezza, ecologia, prestazioni e facilità di guida. Il traction control, l’ABS, le varie mappe di erogazione del motore e l’anti wheel su questo modello, visti i notevoli cavalli presenti, sono assolutamente indispensabili; d’altronde è la nuda più potente sul mercato. Così come oggi non ricordiamo più, molto probabilmente, come si fanno le divisioni con la carta e con la penna, in quanto siamo abituati ad usare le calcolatrici presenti anche sui cellulari, purtroppo le generazioni di oggi, quelle appena entrate nel motociclismo, con questa presenza massiccia dell’elettronica, possono perdersi il piacere di guidare una moto <semplice>. E’ pur vero, però, che il progresso va avanti…è ovvio che l’elettronica migliora le prestazioni in generale, ma la meccanica continua a rivestire un ruolo fondamentale. Ktm è al top e molto in avanti in questo ambito; l’elettronica nelle sue moto coadiuva una già buona meccanica di fondo, il tutto per ottenere il massimo delle prestazioni e del piacere di guida. Presso il nostro store di Via Nuova Poggioreale n° 58 è possibile scoprire l’intera gamma Ktm”.

L’andamento del mercato secondo il Baffo

La primavera inizia a solleticare la voglia di moto e le concessionarie tornano ad essere di nuovo il centro dei sogni da realizzare per i motociclisti.

Il Baffo, alias Antonio Gallo della Twins di Napoli, ci spiega la direzione che ha intrapreso il mercato: “In questo settore – sottolinea – chi dice di capire qualcosa, come si suol dire dalle mie parti, dice una fesseria. Non è come 20 anni fa, quando si potevano fare delle previsioni. Oggi non è possibile stabilire con esattezza da cosa dipendono le fluttuazioni di mercato; ci sono ripartenze brutali così come ci sono arresti totali. In questo momento, dopo il fermo dei mesi tra dicembre e febbraio, c’è una fase di ripartenza. Le tuttofare, quelle moto che fanno bene quasi tutto senza, però, eccellere in nulla, continuano ad essere le preferite”.

Napoli continua ad essere una piazza particolare: “Purtroppo – dice – paghiamo ancora il problema del caro assicurazioni perché manca, a mio avviso, la volontà politica di risolverlo. Questa discriminazione la trovo ingiustificata. L’usato è senza dubbio un’opportunità, ma bisogna saperlo trattare. Occorre valutarlo in base alle reali valutazioni del mercato di riferimento ed in base alle condizioni del veicolo ritirato. Operazioni che cerchiamo di offrire e garantire al meglio presso il nostro store di Via Nuova Poggioreale n° 58, nel quale è possibile trovare anche le novità di Mv Agusta e Ktm”.

Dove va il motociclismo secondo il Baffo

Intervistato in occasione dell’”Angolo del Baffo”, Antonio Gallo ha espresso la sua analisi sulle ultime novità presentate all’Eicma.

 

Ecco il suo pensiero: “Il salone di Milano – dice – ha dato delle indicazioni su quello che sarà il futuro motociclistico. Sinceramente non ho visto un grande interesse da parte delle case nel proporre nuove tecnologie, bensì c’è l’orientamento al ribasso delle cilindrate. Questo, secondo me, ha fondamento nella contrazione del mercato dal punto di vista economico. Da registrare, anche, una contrazione passionale. Negli stessi utenti la componente passione sta cedendo il passo all’utilizzo utilitaristico ed alla economicità di gestione. Purtroppo la passione è calante anche nelle concessionarie, poiché i dealer sono improntati a diventare solo dei commercianti con la c maiuscola. Insomma la passione conta sempre meno, mentre a contare sempre di più sono l’utilità e l’immagine”.

 

I freddi numeri stanno soppiantando i caldi battiti del cuore: “Bisogna – auspica il Baffo lavorare sui giovani. Noi come concessionaria ufficiale a Napoli della KTM offriamo moto di piccole cilindrate con le quali iniziare a muove i primi passi. Ricordo che nella nostra storia, circa venti anni fa, abbiamo venduto tante moto di grossa cilindrata a coloro che avevano fatto la gavetta delle 125. Quel vivaio, oggi, manca. E’ in questa direzione che dobbiamo spingere. Trovo interessante, ad esempio, i modelli della Verve Moto in grado di abbinare un’estetica originale e classica alla praticità e semplicità d’utilizzo. Il nostro dealer è alla Via Nuova Poggioreale n° 58, a pochi metri dal Centro Direzionale. Invito i giovani e meno giovani a trovarci per uno scambio di auguri natalizi all’insegna della più bella delle passioni, la moto!”.