Eicma 2022: le nostre impressioni

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
eicma

La settantanovesima edizione dell’Eicma si è appena conclusa e il bilancio è positivo. Tra la presenza di espositori, l’affluenza di pubblico e quella degli addetti ai lavori, questa edizione lascia ben sperare per il futuro.

Noi de Il Tabloid, grazie alla Pizzo Motors, la Motor Sannio, la DotoliM2, la Twins ed alla Cumaricambike abbiamo avuto modo di raccontare la kermesse milanese anche quest’anno.

Impressioni

La prima impressione che abbiamo avuto è vedere le case giapponesi giocare di rimessa mentre quelle cinesi e indiane sono diventate, per modo di aggredire il mercato, come erano le giapponesi di fine anni ’80 e inizio anni ’90. C’è un dato di fatto che fa riflettere: i costruttori cinesi/indiani non offrono solo prodotti economici ma anche di qualità. Qualità, invece, che sembra essere messa quasi da parte in alcuni colossi giapponesi. La guerra dei mondi asiatici vede capovolgere i ruoli, con i cinesi/indiani ad essere i nuovi punti di riferimento sia per proposte sia per contenuti. Ci ha stupito la Royal Enfield che con la Super Meteor entra nel segmento delle cruiser mid-size con un modello dalle linee e dai contenuti tecnici ricercati. Altro fenomeno importante emerso è che il Made in Italy “vero” è diventato la quintessenza del design e della qualità. Ammirate e salite in sella ad una V100 Mandello o ad una Diavel V4 e capirete di cosa parliamo. Le italiane sono sempre di più le moto riferimento non solo per la bellezza e/o la guidabilità; lo sono anche per la qualità costruttiva. La riprova è che gli stand Moto Guzzi e Ducati sono stati letteralmente presi d’assalto.

 

L’elettrico

Rispetto alle edizioni passate non c’è stata l’invasione dei veicoli elettrici, specie se non scooter. La Zero Motorcycles è l’unico costruttore che punta ad avere un’intera gamma di moto elettriche. Crediamo che i costruttori stiano in attesa di capire se davvero l’elettrico sarà il futuro oppure bisognerà puntare, ad esempio, su veicoli ibridi. Secondo noi la scelta dell’UE sulla scadenza del 2035 è stata un pizzico frettolosa.

 

Le case assenti

Un pensiero va a quelle case che hanno snobbato il salone mondiale più importante delle 2 ruote. Queste case, forse, sono convinte che sia possibile vendere una moto, oggetto di culto e dal valore fortemente emozionale, esclusivamente su una piattaforma internet. Potrebbe essere vero ma in piccola parte e specie per i veicoli destinati al commuting urbano. Chi vuole acquistare una moto la vuole vedere dal vivo, la vuole toccare, ammirare nel mondo reale. Le presenza di tanti giovanissimi, poi, dovrebbe far capire che per quanto possa essere affascinante, quella virtuale non lo sarà mai quanto quella reale. Tra l’altro in una società dove l’immagine conta, spesso, più della sostanza, non esserci è una sorta di boomerang. A nostra avviso hanno sbagliato strategia comunicativa. Infine, ancora una volta è assente una compagnia assicuratrice che non faccia discriminazioni territoriali per quanto riguarda la RCA. In un’epoca di libero mercato è inconcepibile consentire trattamenti discriminatori nei confronti di chi abita in città come Napoli o nel meridione in generale. Un trattamento che viola la nostra Costituzione a partire dall’articolo 3. Trattamento, tra l’altro, non plausibile né se si guarda al tasso di incidentalità stradale né al tasso di mortalità. Gli imbrogli? Premesso che avvengono ovunque, ma se un sinistro è frutto di una frode, perché non denunciare e punire solo gli autori? Vero, così non ci sarebbero scuse per aumentare le polizze…La moto più bella secondo noi? La Royal Enfield Super Meteor 650.

 

Ringraziamenti

Se anche quest’anno Il Tabloid ha potuto raccontarvi le novità dell’Eicma, è grazie a chi crede nel suo progetto editoriale. Ringraziamo, pertanto, Ciro Pizzo della Pizzo Motors, Maurizio Dotoli della DotoliM2, il Caimano e il Baffo della Twins, Enzo Gnerre della Motorsannio e Diego Russo della Cumaricambike. Ringraziamo, infine, Luigi Di Costanzo, un motociclista che a 75 anni ancora una volta ha voluto esserci nella veste di fotografo per immortalare le nuove declinazioni del giocattolo di una vita.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti