Nuovo accordo sindacale in Ducati

 Nuovo accordo sindacale in Ducati

Ducati e le Rappresentanze Sindacali siglano un nuovo accordo che introduce importanti novità, con lo scopo di valorizzare ulteriormente i dipendenti dell’Azienda e il loro lavoro.

Il nuovo accordo prevede cambiamenti in merito al premio di risultato e al premio di team 2020, l’ingresso di nuovi lavoratori e l’avvio – per la prima volta nella storia di Ducati – del terzo turno nelle aree di assemblaggio veicolo e motore, per soddisfare l’aumento delle vendite garantendo i più alti standard di sicurezza per le persone.

Accordo con sindacati

Per raggiungere gli obiettivi di vendita la Casa motociclistica bolognese, in accordo con le sigle Sindacali, ha confermato 600 assunzioni a tempo determinato nell’area produttiva e stabilizzato a full time e a part time verticale 80 dipendenti. L’intento è quello di monitorare nel corso del 2021 l’andamento produttivo e ulteriori eventuali risvolti occupazionali. Tutto questo in un momento storico decisamente insolito, lanciando così un segnale forte di speranza e di ripartenza.

Nell’ultimo anno, Azienda e Sindacato hanno agito attraverso un costante confronto, prendendo una serie di accordi con l’obiettivo comune di salvaguardare il patrimonio industriale e tutelare i dipendenti.

“Sono molto contento che abbiamo inviato un chiaro segnale di impegno, soprattutto in questi tempi difficili. I nostri dipendenti hanno dimostrato un alto grado di flessibilità e di responsabilità nel corso dell’ultimo anno e vorrei esprimere per questo i miei più sinceri ringraziamenti. Abbiamo anche dato una prospettiva ai nostri nuovi colleghi consolidando l’assunzione di 80 dipendenti. Questi risultati non sono scontati, ma sono il frutto di discussioni costruttive e fiduciose con i sindacati.” ha dichiarato Sebastian Patta, Direttore Risorse Umane Ducati.

Evoluzione pandemia

Ducati ha saputo rispondere rapidamente all’evoluzione dello scenario imposto dalla pandemia, portando avanti il business e garantendo il mantenimento dei posti di lavoro. Da subito è stato potenziato il ricorso allo smart working, introdotto in fase di sperimentazione già nel 2018, per tutti gli impiegati lasciando spazio e garantendo sicurezza ai lavoratori in presenza legati alla produzione e alle aree tecniche di sperimentazione. È stata avviata la digitalizzazione di quasi tutti i processi, tra cui gli eventi interni e la formazione, permettendo ai dipendenti di continuare a vivere l’Azienda, a dialogare con i colleghi e ad accrescere le proprie competenze.

Già dall’inizio di marzo 2020, anticipando quanto poi previsto dai protocolli nazionali per la sicurezza sul lavoro, è stata costituita una Task Force Covid-19 alla quale partecipano anche le RSU e RLS che, riunendo competenze trasversali, ha garantito metodo, sensibilità e comunicazione costante e trasparente con i dipendenti. In Azienda sono state lanciate finora quattro campagne di screening su base volontaria, offerte a tutta la comunità aziendale gratuitamente, per avere una mappa epidemiologica dell’azienda e difendere la salute delle risorse.

Il continuo dialogo tra Ducati e Rappresentanze Sindacali ha permesso, anche in un periodo complesso come quello dell’ultimo anno, di generare i livelli più alti di sicurezza, potenziare i diritti individuali, favorire l’occupazione e rilanciare il business dell’Azienda grazie al ruolo centrale delle proprie persone.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *