Royal Enfield Interceptor: la prova di Maurizio Dotoli

 Royal Enfield Interceptor: la prova di Maurizio Dotoli

Royal Enfield, con il nuovo motore bicilindrico da 650 cc, ha deciso di giocare sempre di più nel ruolo di player mondiale del motociclismo.

Con l’Interceptor e la Continental, si cimenta in un settore dove al design occorre abbinare la qualità.

Maurizio Dotoli, dealer ufficiale a Napoli dello storico marchio, ci racconta le impressioni vissute in sella alla Interceptor, un modello classico in salsa moderna: “E’ – spiega – una moto studiata in Inghilterra. Il telaio, ad esempio, è stato creato dalla Harry Performance. Prima di essere commercializzata, in Royal Enfield hanno curato ogni dettaglio di queste moto, perché si giocano molto della credibilità utile per diventare un player mondiale credibile. E’ un prodotto fedele al passato della casa. I carter sono ben rifiniti e sono in alluminio, ha 6 marce, 8 valvole e la frizione antisaltellamento di serie. In sella la trovo rilassante, piacevolissima, equilibrata grazie alla ciclistica ben bilanciata. Facile da guidare ha una buona frenata ed un cambio fantastico, il tutto ad un livello di prezzo incredibile. La lista accessori, poi, è molto interessante. Sono convinto che il connubio DotoliM2 e Royal Enfield farà molto bene. Vi aspettiamo nella nostra sede di Via Pisciarelli n° 69 ad Agnano, per farvi provare questa interessante e bella moto”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *