Moto Guzzi vanta una solida tradizione fuoristradistica e che rilancia con la Moto Guzzi V85 TT: le prime affermazioni arrivarono alla Sei Giorni di regolarità del 1939 svoltasi in Austria, dove Moto Guzzi partecipò con le GT 20, vincendo quattro medaglie d’oro. La vera stagione della regolarità prosegue nel 1957, con la Lodola Regolarità e poi con lo Stornello Regolarità nel 1962.

Le Moto Guzzi hanno partecipato a diverse edizioni della Parigi-Dakar, seppur sempre in maniera non ufficiale, grazie a esemplari da competizione preparati su richiesta dei molti appassionati del marchio lariano. Presente già alla prima edizione del 1979 con una V50 modificata, il pilota Bernard Rigoni riuscì a terminare la corsa a metà classifica generale, un risultato molto positivo considerando che allora le classifiche auto e moto erano unificate.

Una lunga tradizione che continua con Moto Guzzi V85 TT

Le motociclette Moto Guzzi si guadagnarono subito il rispetto degli altri costruttori presenti, per via delle prestazioni velocistiche permesse dal bicilindrico trasversale a V di 90 gradi a fronte di consumi di carburante ridotti e per via dell’ottima stabilità della ciclistica.

Seguirono poi le partecipazioni all’edizione del 1980 e del 1981, anche se le più famose rimangono quelle del 1985 e del 1986, per merito della grande passione e dedizione di un architetto guzzista di nome Claudio Torri, il quale commissionò al Reparto Sperimentale di Mandello una V65 TT molto speciale. Il motore si basava su quello della V65 portato a 55 CV; il telaio era stato ampiamente rinforzato, mentre le sospensioni erano specifiche per il fuoristrada. Il serbatoio originale era stato sostituito con uno da 50 litri in alluminio, mentre il forcellone proveniva dalla sportiva Le Mans 1000.

La moto si comportò bene, tanto che l’importatore francese ne richiese 16 esemplari da vendere ai piloti privati per le stagioni successive; al contempo chiese anche a Moto Guzzi di sviluppare un nuovo modello, basato sulla più prestante V75 dotata di distribuzione a quattro valvole. La V75 TT era accreditata di 62 CV che permettevano di superare i 170 Km/h di velocità massima. Entrambi i modelli fanno parte della collezione di oltre 150 modelli esposti nel museo Moto Guzzi di Mandello del Lario.

Moto Guzzi V85 TT: scheda tecnica