Maggio si ferma poco sotto le 200.000 immatricolazioni (-2,8%)


Torna in leggera flessione il mercato dell’auto a maggio che, secondo quanto diffuso oggi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha totalizzato 199.113 auto vendute, in calo del 2,8% rispetto a maggio 2017 che, dopo ben 9 anni, era riuscito a tornare sopra la soglia delle 200.000 vetture immatricolate nello stesso mese di maggio (esattamente 204.807, non succedeva dal 2008).

 

Si porta in territorio negativo il cumulato dei primi 5 mesi dell’anno che, con 945.677 autovetture vendute, quasi 3.300 in meno delle 948.938 registrate nel gennaio-maggio 2017, segna una riduzione di appena lo 0,3%.

 




I temi politici e lo scenario che si è delineato in questi giorni non giovano certamente alla fiducia degli italiani e lasciano un quadro pieno di incertezze.

 

“L’UNRAE – afferma Michele Crisci, Presidente dell’UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere – attende fiduciosamente che sia presto operativo il Governo che si è appena insediato, perché la gestione della transizione verso la mobilità del futuro ha bisogno urgente di essere accompagnata e guidata e l’UNRAE è pronta a svolgere il suo ruolo di stimolo e supporto alle Istituzioni.

 

L’Associazione delle Case automobilistiche estere, intanto sta andando avanti e lo scorso 15 maggio, in una Conferenza Stampa organizzata all’interno dell’Automotive Dealer Day, ha indicato la propria strategia per il futuro della mobilità nel nostro Paese.

 

“E’ quanto mai urgente – continua il Presidente – un processo virtuoso che consenta all’Italia di raggiungere gli obiettivi fissati dalle normative europee, attraverso misure efficaci da un lato di svecchiamento e rinnovo del parco e dall’altro di realizzazione delle necessarie infrastrutture. Ciò favorirebbe la messa in circolazione di veicoli a minore impatto ambientale, quali i veicoli di ultima generazione, nuovi o usati recenti (Euro 5 e Euro 6), caratterizzati da ottime performance emissive, che le Case automobilistiche sono già in grado di offrire, sulla base del principio della neutralità tecnologica, assicurando una mobilità più moderna sia dal punto di vista ambientale, della sicurezza ed economicamente sostenibile per gli automobilisti”.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*