Motor Experience Napoli: l’invito dello Z Club Campania

Dall’11 al 13 maggio a Napoli si terrà la seconda edizione del Motor Experience, evento dedicato agli amanti dei motori in tutte le sue forme. Esposizione di auto e moto, con super car e moto sportive, vintage, artigianali ed elettriche.

 

Domenica 13 lo Z Club Campania sarà presente; nato nel 2014 da un’idea di Giuseppe Arena e Francesco Capriolo è diventato oggi il “gruppo” di centauri più vivace e numeroso della città del Vesuvio.

 

Sempre attento alle tematiche legate alla sicurezza stradale, lo Z Club Campania ha deciso di sfilare per le vie principali della città per raggiungere, poi, la Mostra d’Oltremare, sede della kermesse: “Apprezziamo – spiega Arenalo sforzo degli organizzatori di esaltare la passione attraverso una tre giorni di full immersion nel mondo dei motori. Stunt-show, test drive, taxi drifting, simulatori professionali, meeting, kart, la presenza di piloti, coinvolgeranno il pubblico. Insomma sarà un evento multiforme e dinamico, dedicato al nostro ambiente. Come associazione teniamo a lanciare un messaggio positivo del motociclismo; non l’idea di motociclisti stupidi e rozzi bensì quella di donne e uomini che, accomunati da un grande amore per le moto, vivono con intelligenza questo sentimento. Abbiamo, così, deciso di organizzare una sfilata che dal Largo Sermoneta, attraverso le stupende strade di Napoli, giungesse alla mostra. L’appuntamento è alle ore 10:00 di domenica 13 maggio, con la partenza prevista alle ore 10:40. Ci sarà, per curare così la sicurezza dei partecipanti, l’ausilio della Polizia Municipale. Presso il nostro staff è possibile acquistare il braccialetto di ingresso alla manifestazione, ad un prezzo molto conveniente. Saremo, poi, presenti all’interno della mostra con un nostro stand, per far conoscere le nostre idee e programmi. Tengo a sottolineare che tutte le nostre uscite non hanno alcun scopo di lucro ed a muoverci c’è solo la passione. Vi aspettiamo allegri e numerosi!”.

A Ginevra c’è spazio per il made in Italy

Ancora un’edizione da record per il Salone di Ginevra 2018, che ha superato gli 800 mila visitatori incrementando i risultati dello scorso anno e ha messo in vetrina alcune delle principali produzioni italiane, confermando un solido legame con il nostro Paese.

Gli italiani a Ginevra. Lo ha ricordato anche Maurice Turrettini, presidente del Salone Internazionale dell’Auto di Ginevra, che in una intervista ha sottolineato come ci sia una incidenza di circa il 10 per cento di nostri connazionale sul totale dei visitatori presenti all’evento; in pratica, un biglietto ogni dieci viene acquistato da appassionati di auto che arrivano dal Belpaese, anche per la vicinanza geografica con la città svizzera.

Leggi anche: Saloni auto

Non solo Ferrari e Lamborghini. Come dicevamo, l’Italia è stata protagonista anche (e soprattutto) dal punto di vista dei modelli in mostra, presentandosi a Ginevra al meglio della propria forma, a cominciare dalla Ferrari 488 Pista e dalle Lamborghini e passando per tante altre vetture made in Italy, come ci hanno raccontato anche gli aggiornamenti di LaTuaAuto attraverso la sezione informazioni per auto, in cui sono raccolti gli articoli sulle ultime novità a quattro ruote.

Un contesto variegato. Le Case produttrici italiane hanno saputo soprattutto approfittare di un contesto internazionale favorevole, che vede i colossi tedeschi alle prese con tutte le problematiche legate ai vari livelli del dieselgate, i due blocchi francesi impegnati (e forse più interessati) a rivaleggiare tra loro con mosse simili nei vari segmenti, i cinesi e gli indiani ancora alla ricerca di una identità internazionale e gli inglesi che, come da tradizione, si arroccano nella difesa del loro heritage di costruttori di modelli sportivi o di lusso.

Il meglio del made in Italy. E così, il made in Italy ha attraversato in maniera trasversale gli spazi del Salone di Ginevra, conquistando consensi sia sul versante della realizzazione “completa” che su quello del design e della componentistica: ne sono esempi la elegante berlina Sybilla disegnata dal maestro Giorgetto Giugiaro e da suo figlio Fabrizio per la cinese Envision, o la gran turismo elettrica HK GT commissionata dai cinesi a Pininfarina, o ancora le eccellenze tecnologiche di Pirelli e Brembo, che trovano “accoglienza” con pneumatici e impianti frenanti sulle auto più esclusive e potenti al mondo.

Le supercar tricolore. Tornando alle auto in vetrina, ovviamente grande apprezzamento ha ricevuto la Ferrari 488 Pista, la più estrema delle supercar stradali di Maranello grazie al propulsore V8 più potente mai realizzato finora dai tecnici italiani, capace di erogare 720 cavalli e 770 Nm di coppia. Anche la storica rivale del Cavallino Rampante ha partecipato al Salone con un’auto da sogno opportunamente rivisitata, ovvero la Lamborghini Huracan Performante Spyder, versione a cielo aperto del già apprezzatissimo modello di Sant’Agata Bolognese.

I numeri del Salone di Ginevra. A tracciare un bilancio è ancora Maurice Turrettini, che innanzitutto difende l’unicità della kermesse di Ginevra sottolineando la caratteristica vincente della manifestazione, dovuta al fatto che “in Svizzera non ci sono case automobilistiche e, dunque, questo è un territorio neutrale in cui non si fanno favori o torti a nessuno”. Ma il vero punto di forza è la possibilità di vedere da vicino i nuovi modelli (uscendo fuori dalla “virtualità” tecnologica, per quanto avanzata) e la vastità dell’offerta del Salone: “quest’anno abbiamo messo in mostra 900 modelli, 89 prime mondiali e 21 europee, e credo proprio che la volta prossima andrà ancora meglio per merito dei ragazzi” perché, come conclude Turrettini, “loro vedono le macchine in un modo diverso rispetto ai padri, sono attratti più dalle nuove tecnologie che dalle super-potenze, ma l’interesse c’è ed è per questo che resto molto ottimista”.

Motodays 2018: benino ma occorre fare di più

Termina la decima edizione del Motodays, fiera che ha saputo ritagliarsi una presenza importante sul piano nazionale salvo, poi, vivere una fase di appannamento, specie l’anno scorso.

Come è andata? Partiamo da ciò che attende un giornalista appena giunge agli ingressi. Si inizia con una bella fila per ritirare il pass; addirittura se si ha voglia di recarsi più volte in giorni diversi, il tagliando ritirato precedentemente non ha vigore. A quando un bel pass virtuale da mostrare all’ingresso, magari tramite il proprio cellulare?

Quest’anno ho scelto di recarmi di sabato, per constatare l’affluenza; bene, la passione nel centro e nel sud Italia è davvero molta e calorosa.

Rispetto alla passata edizione, si è notata la volontà degli organizzatori di migliorare la qualità nel suo insieme ma, a mio parere, siamo ancora lontani non solo dagli standard raggiunti dall’Eicma, ma anche di quelli che dovrebbe avere una fiera che può e deve essere il punto di riferimento del centro e sud Italia.

Moto Guzzi a Aprilia sono state presenti solo per i Riding Experience, mentre totalmente assenti sono state la Ducati e la Kawasaki. Sono curioso di sapere come mai queste case hanno snobbato la fiera romana e non hanno neanche chiesto ad una concessionaria di essere presenti. Non voglio credere, poi, che agli assenti non interessi il mercato di chi vive al di sotto del Lazio.

Molti delle mie parti, vuoi per la lontananza o per i costi, non possono permettersi di far visita all’Eicma di Milano; ecco perché il Motodays diventa per loro una tappa imperdibile.

Ho apprezzato alcune delle realizzazioni esposte dagli “artigiani” del settore; la loro bellezza e cura è andata oltre il semplice concetto di moto.

Ho trovato provinciale lo stand dedicato alla vendita di auto in “occasione”; in alcuni parcheggi di grossi dealer ho trovato di meglio.

Indecenti sono state le lunghe e snervanti file per acquistare, a prezzi da ostriche e champagne, degli insaporiti panini (cotti su piastre dove il grasso non solo era di casa, ma era in festa…) e bicchieri di roba frizzante che venivano chiamati, a seconda del colore, birra o cola. Il tutto rigorosamente in piedi o seduti su panche leggermente zozze.

Nella migliore delle ipotesi per una pepsi ed un coso dalle sembianze di panino con hamburger, si spendevano 10 euro; ma dai, cosa vuoi che siano 10 euro? Chiedetelo ad un normale padre di famiglia che tra costo dei biglietti e del pranzo, deve sborsare quasi tre giorni di lavoro.

Questi, secondo me, sono aspetti da considerare, perché non si può vendere il piombo per oro.

Anche se per visitare tutta la fiera ci sono volute due ore, il giudizio finale volge al quasi sufficiente, con alcune riserve. Le critiche che muovo in questa sede spero diventino dei punti di riflessioni per migliorare una fiera che ha delle potenzialità enormi.

Non serve, a mio avviso, scimmiottare l’Eicma. Occorre, invece, coinvolgere ancora di più gli operatori dell’aftermarket e della customizzazione. Tra abbigliamento tecnico, accessori e creazioni uniche, il Motodays diventerebbe, così, un punto di incontro imperdibile degli appassionati e di chi lavora nel mondo delle moto. Non si vive di sole case ufficiali, anzi…

Un commento, infine, su quello che ho visto fuori dalla Fiera, quindi non riconducibile agli organizzatori del Motodays. Tra rifiuti (la colpa va in primis a chi utilizza le strade come pattumiere) e erbacce, i parcheggi mi sono sembrati semplicemente indecenti per una nazione civile. A furia di tagliare i fondi ai comuni, non sono rimaste che buche e monnezza; problematiche che riguardano non solo la capitale, solo che lì c’è la Raggi, quindi…ma questa è un’altra storia.

Motodays 2018, presente la nuova Triumph Tiger 1200 e la Tiger 800

Non poteva mancare la Triumph alla decima edizione del Motodays 2018. La casa inglese arriverà a Roma con le due grandi novità della gamma Tiger esponendo sia l’ammiraglia 1200 che la più piccola 800. Un’ occasione in più per andare alla fiera delle due ruote più importante del centro sud

Motodays 2018 MV Agusta presente alla Fiera occhi sul Dragster 800 RR

Tutto pronto per la decima edizione del Motodays 2018, la fiera romana dedicata alle due ruote e che si appresta a spegnere le dieci candeline. Una massiccia presenza di case ufficiali per questa edizione che faranno la felicità dei tanti appassionati che interverranno da tutta Italia.