La BMW M1 dipinta da Andy Warhol nel 1979 protagonista della mostra “Andy Warhol”

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
bmw

Per celebrare al meglio il 50° anniversario di BMW M, il BMW Group porta in Italia l’esemplare più speciale della prima vettura identificata dall’iconica lettera «M»: la BMW M1 che – dipinta da Andy Warhol nel 1979 e dopo aver partecipato alla 24 Ore di Le Mans di quell’anno – sarebbe diventata la quarta Art Car della collezione della casa bavarese. L’occasione è l’allestimento della mostra ANDY WARHOL: LA PUBBLICITÀ DELLA FORMA, che apre i battenti il 22 ottobre alla Fabbrica del Vapore a Milano.

Le BMW Art Cars, definite “Rolling Sculptures”, sono capolavori d’arte originali che dimostrano una sintesi individuale di espressione artistica e design automobilistico. Dal 1975, 19 artisti internazionali hanno creato Art Cars basate sulle automobili BMW contemporanee dei loro tempi, offrendo tutte un’ampia gamma di interpretazioni artistiche.

 

La quarta Art Car BMW – BMW M1 Gruppo 4 – Andy Warhol, 1979

“Adoro questa macchina. Ha più successo dell’opera d’arte”, è stata l’opinione di Andy Warhol dopo che le sue ampie pennellate avevano trasformato la BMW M1. Gli ci volle meno di mezz’ora per creare il quarto esemplare di BMW Art Car. 40 anni dopo, l’entusiasmo per l’auto sportiva a motore centrale rimane inalterato. Già famosa in tutto il mondo a quel tempo, l’icona americana della Pop Art condivideva la stessa passione con molti appassionati di automobili di quell’epoca passata. E il fascino dello speciale unico creato da Warhol è infatti aumentato fino a diventare, a detta di molti fan, il pezzo forte dell’intera collezione di Art Car BMW.

Warhol non vedeva alcun conflitto tra tecnologia e creatività. Invece di progettare prima un modello in scala e lasciare il completamento finale ai suoi assistenti, come fatto dai suoi predecessori, la leggenda della pop art ha dipinto lui stesso la BMW M1 dall’inizio alla fine. “Ho cercato di dare una rappresentazione vivida della velocità. Se un’auto è davvero veloce, tutti i contorni e i colori diventeranno sfocati”.

 

Collezione delle BMW Art Car

Per oltre 40 anni, la BMW Art Car Collection ha affascinato gli appassionati di arte e design, nonché gli amanti delle automobili e della tecnologia con la sua combinazione unica di arte e tecnologia automobilistica innovativa. Le auto della BMW Art Car Collection sono solitamente esposte al Museo BMW di Monaco come parte della sua collezione permanente.

La nascita…

La collezione BMW Art Car è nata quando il pilota francese di auto da corsa e appassionato d’arte Hervé Poulain, insieme a Jochen Neerpasch, allora direttore della BMW Motorsport, chiese al suo amico artista Alexander Calder di progettare un’automobile. Il risultato fu una BMW 3.0 CSL, che partecipò alla 24 Ore di Le Mans nel 1975, dove divenne rapidamente la preferita dal pubblico. Da allora, 19 artisti internazionali hanno disegnato modelli BMW, tra cui alcuni dei più rinomati artisti del nostro tempo: Alexander Calder (BMW 3.0 CSL, 1975), Frank Stella (BMW 3.0 CSL, 1976), Roy Lichtenstein (BMW 320 Gruppo 5 , 1977), Andy Warhol (BMW M1 Gruppo 4, 1979), Ernst Fuchs (BMW 635CSi, 1982), Robert Rauschenberg (BMW 635CSi, 1986), Michael Jagamara Nelson (BMW M3 Gruppo A, 1989), Ken Done (BMW M3 Gruppo A, 1989), Matazo Kayama (BMW 535i, 1990), César Manrique (BMW 730i, 1990), AR Penck (BMW Z1, 1991), Esther Mahlangu (BMW 525i, 1991), Sandro Chia (BMW M3 GTR, 1992) ), David Hockney (BMW 850CSi, 1995), Jenny Holzer (BMW V12 LMR, 1999), Ólafur Eliasson (BMW H2R, 2007), Jeff Koons (BMW M3 GT2, 2010), John Baldessari (BMW M6 GT3) e Cao Fei (BMW M6 GT3).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti