Eicma 2021, la nostra analisi

 Eicma 2021, la nostra analisi

Volge al termine la 78° Edizione dell’Esposizione internazionale delle due ruote.

Una fiera che ritorna dopo due anni di assenza forzata e dopo mesi nei quali il mondo ha accelerato nei suoi cambiamenti specie in quelli riguardanti la mobilità.

La pandemia e la crisi ambientale hanno, a parer mio, fatto da acceleratori e nei 5 padiglioni dell’Eicma ciò si è visto.

In questa edizioni alcune case big hanno deciso di non esserci. Scelta rispettabile ma che non condivido. La loro assenza ha pesato in termini di pathos legato all’attesa di vedere dal vivo le loro novità. Assenza, però, che non ha inciso sulla comprensione della direzione presa dal fenomeno motociclismo.

 

Monopattini

Tra le prime cose a balzare agli occhi ci sono i monopattini che ad ogni angolo hanno fatto bella mostra di se. Se addirittura una casa come la Mv Agusta li ha esposti, significa che hanno un peso importante nel loro piano di vendita.

In merito, permettetemi la franchezza, così come è regolata oggi la loro circolazione, li vedo come l’Osservatorio Nazionale sulle Liberalizzazioni e Trasporti (Onlit)  ossia “in assoluto il mezzo più pericoloso in circolazione” dato il loro equilibrio più precario rispetto a quello di una moto. Sulla sicurezza nel settore c’è ancora tanta strada da fare.

 

Moto amichevoli

Altro aspetto che è emerso da questa fiera sono le tantissime moto “friendly” vogliose di acquistare il cuore ma soprattutto la mente di chi è alla ricerca di risposte alle proprie esigenze di mobilità, specie urbana.

Moto facili da guidare e con prestazioni che non spaventano i neofiti. Negli ultimi tre anni il mercato ha premiato queste moto e il futuro prossimo sarà sempre più a loro favore.

Addirittura è stato riesumato un noto marchio legato al mondo “explorer” per vedere una best seller di media cilindrata cambiata solo nelle carene.

 

Costi bassi ma a che prezzo?

Spiace constatare che la quasi totalità di queste moto è prodotta in Asia (non per la location ma per le modalità). Certo alcune sono assemblate in Italia ma, almeno tra noi, diciamoci la verità: un conto è assemblare un altro è produrre.

Le case, certo, hanno interesse a minimizzare i costi per massimizzare i profitti. Sicuro, però, che sia tutto giusto e perfetto e che, invece, dietro a certe moto economiche non si nascondano diritti dei lavoratori violati e totale incuria dell’ambiente?

Qualcuno obietterà che così va il mondo, che vivo fuori dal tempo e che questa non è la sede per fare della filosofia economica spicciola. Sarà, ma se viviamo tempi dove l’unica cosa certa oltre alla morte è la precarietà, beh sarebbe ora che iniziassimo a farci qualche domanda e a regolarci di conseguenza.

Va anche detto che queste moto hanno un grosso merito, quello di ampliare l’utenza. Utenza che, guarda caso, quasi tutta dopo pochi anni è alla ricerca di qualcosa di più “saporito”.

 

Sforzi premiati

Questa edizione, quindi, ha visto il trionfo dei costruttori asiatici; sono stati premiati i loro sforzi di credere in marchi italiani caduti nel dimenticatoio. Sintomo del cambiamento dei tempi è il fatto che tra le moto più ammirate e apprezzate ci sono quelle della CFMoto; è facile prevedere per questa casa enormi margini di crescita.

Le solite assenti

Non mi è sembrato di vedere stand di compagnie assicuratrici e questa, specialmente per chi come me è di Napoli o vive nel meridione, è una brutta notizia. Tra le sue divisioni l’Italia annovera anche l’offesa agli italiani che vivono all’ombra del Vesuvio o che passeggiano vicino alla fontana dell’elefante di pagare premi assicurativi a dir poco esagerati e discriminanti. Abbiate bontà ma la scusa delle truffe non regge sia dal punto di vista numerico sia perché è un alibi per quelle compagnie che invece di punire i furbi preferisce punire gli onesti.

La più bella

Senza ombra di dubbio la moto più bella di questa edizione per me è la Triumph Speed Triple 1200 RR.

 

Credere nel tempo che verrà

Faccio mie le parole di Pietro Meda, presidente dell’Eicma: “Vogliamo continuare a credere nel tempo che verrà. Il tempo guarda avanti. Non si ferma mai. Questa è l’occasione per un’innovazione vera…prendere il tempo per mano e volare ancora”. Le due ruote vivono una forte fase di cambiamento con la mobilità elettrica ad essere sempre più diffusa. E’ in questi momenti che occorre avere coraggio e noi come testata giornalistica cerchiamo di offrire i giusti servizi per farvi vivere le notizie che arrivano da tutto il mondo. Notizie che sono accompagnate da opinioni e punti di vista. Opinioni che speriamo ci permettano di creare un dialogo costante con voi. Crediamo molto nel confronto perché è soprattutto con esso che è possibile avere una visione completa del mondo che ci circonda.

 

Come redazione ringraziamo i nostri sponsor Pizzo Motors S.r.l., Twins S.r.l. e Mc Cumaricambike. Grazie agli amici Ciro Pizzo, Davide Liccardo, Antonio Gallo, Diego Russo e Gianni Tiano abbiamo avuto la possibilità di esserci. Speriamo di non aver tradito la loro fiducia così come speriamo di non aver tradito la fiducia di voi lettori che ci seguite.

Il futuro inizia oggi, non domani; viviamolo insieme.

var url214570 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1156&evid=214570”;
var snippet214570 = httpGetSync(url214570);
document.write(snippet214570);


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *