Climatizzatore, quanto tempo ci vuole per caricarlo?

 Climatizzatore, quanto tempo ci vuole per caricarlo?

Quando il climatizzatore non raffredda più vuol dire che ha un problema: prima di presupporre che si tratti di una perdita, bisognerà effettuare un breve controllo (e pulizia) di diversi pezzi del climatizzatore come filtri, vaporizzatore e condensatore, ventole e lamelle.

Se il climatizzatore non dovesse funzionare

Se però, nonostante la pulizia, il climatizzatore non dovesse funzionare correttamente, allora bisognerà chiamare un tecnico che capirà dove si trova la perdita e la riparerà.

Infatti, se si presenta una perdita del climatizzatore, questa deve essere riparata nel più breve tempo possibile proprio perché i gas refrigeranti emessi sono dannosi sia per l’ambiente che per le persone.

Solo successivamente il tecnico ricaricherà il climatizzatore con il gas più opportuno: il gas migliore e più utilizzato è l’R32 ma anche l’R410A, proprio perché impattano meno sull’ambiente, sull’effetto serra e sul buco dell’ozono.

Il tempo necessario per effettuare l’operazione di ricarica del climatizzatore è di circa 30 minuti (se però il tecnico dovrà riparare anche una perdita, i tempi saranno più lunghi).

I costi dell’operazione sono variabili e dipendono dal prezzo al kg del refrigerante (circa 30 euro al kg per l’R32 e circa 80 euro al kg per l’R410A) a cui andranno aggiunti quelli della manodopera.

Nell’effettuare l’operazione di ricarica

Nell’effettuare l’operazione di ricarica è sempre meglio affidarsi a dei tecnici specializzati che sanno cosa fare e quale gas utilizzare (di solito la tipologia di gas “accettata” dal climatizzatore varia in base allo specifico modello di elettrodomestico).

Infatti, alcuni climatizzatori utilizzano anche altri gas come l’R407C o il R422D che sono più inquinanti e costosi (rispettivamente circa 90 e 100 euro al kg) e accettati fino al 2025.

È meglio non eseguire questa operazione da soli proprio perché si tratta di gas nocivi e perché è ormai vietato il fai da te; infatti, oltre a rischiare una sanzione, si maneggerebbero gas che, inalati, potrebbero causare gravi conseguenze.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *