A bordo della MINI John Cooper Works Cabrio sull’isola di Sylt

 A bordo della MINI John Cooper Works Cabrio sull’isola di Sylt

Quando gli abitanti di Amburgo affermano senza troppe pretese di partire per una gita “sull’isola” suona spesso come si stessero riferendo ad un giro veloce in macchina in un’altra zona della città. Eppure, Sylt si trova nella parte più alta della Frisia settentrionale e quindi, in linea d’aria, dista circa 180 chilometri dalla città anseatica. Il percorso più veloce è l’autostrada 7, la scelta ideale per un breve viaggio a bordo della MINI John Cooper Works Cabrio (consumo di carburante combinato: 7,4- 7,1 l/100 km (WLTP), 7,4- 7,1 l/100 km (NEDC); emissioni di CO2 combinate: 167 – 161 g/km (WLTP), (169 – 163 g/km (NEDC). Qualche chilometro oltre la città il limite di velocità viene abolito e il motore a quattro cilindri turbo da 170 kW/231 CV della sportivissima quattro posti può davvero ridurre la distanza tra la città e l’isola di minuto in minuto

Flensburg

La veloce traversata finisce poco prima di Flensburg. Da lì sono poco meno di 50 chilometri su strade di campagna fino al “Sylt Shuttle” a Niebüll. Il parcheggio di fronte alla stazione di carico è chiuso al traffico. La MINI John Cooper Works Cabio sale sul treno a passo d’uomo, accompagnata dal tipico “clack, clack, clack” mentre attraversa le corsie delle carrozze. Ora tutto quello che possiamo fare è spegnere il motore, inserire il freno di stazionamento, aprire i finestrini e aspettare.

Ed eccola lì, quell’incomparabile combinazione di aria del Mare del Nord, salsedine sulle labbra e versi di gabbiani. Il treno su rotaia percorre un breve tratto attraverso piccoli villaggi e terreni pianeggianti, poi i vagoni sfrecciano sulla Hindenburgdamm, lunga dieci chilometri, che fu inaugurata nel 1927 e divenne il vero motore del turismo di Sylt. Da quel momento in poi, artisti come Emil Nolde, Hermann Hesse o Stefan Zweig si sentirono magicamente attratti dall’isola del Mare del Nord tanto quanto intellettuali, bon vivants e attori come Marlene Dietrich, Hans Albers o atleti famosi come Max Schmeling. Thomas Mann annotò nel libro degli ospiti della pensione per artisti “Kliffende” a Kampen nel 1928: “Ho vissuto profondamente vicino a questo mare infrangibile”.

Westerland

La traversata fino alla stazione di Westerland dura poco meno di un’ora. Scendiamo rapidamente dal treno a motore e facciamo una breve passeggiata fino all’hotel Miramar, uno degli alberghi più antichi dell’isola con una magnifica vista sulla passeggiata termale di Westerland e sul mare. Questa mattina il cielo è blu come in un quadro di Nolde ed è il momento perfetto per aprire la capote nella periferia di Westerland. Lo si può fare anche mentre si guida a un massimo di 30 km/h. Ci vogliono 18 secondi. Poi la MINI John Cooper Works Cabrio decolla lungo il rettilineo della strada di campagna in direzione nord. Il vento soffia nell’abitacolo con forza di burrasca. Ma i nostri sensi percepiscono di più: quest’aria di mare intensa e salata, l’aroma ricco e terroso delle piane di marea, il profumo erbaceo e selvaggio delle dune – e un paesaggio caratteristico con piccole colline ed erba ispida che cambia colore a seconda del vento e della luce.

Dopo ben sei chilometri arriviamo a Kampen. Il luogo è amato da alcuni per il suo glamour, evitato da altri a causa delle celebrità e del loro comportamento esaltato. Colonia di artisti nell’anteguerra, Kampen fu risvegliata dal suo sonno negli anni 60 dal bon vivant e fotografo Gunter Sachs. L’erede della fortuna di famiglia, era solito organizzare feste sfrenate sull’isola fino ad allora tranquilla – e soprattutto a Kampen. Sul “miglio del whisky”, dove d’estate abbondano i veicoli di lusso, c’è un’alta densità di coloro che si considerano particolarmente importanti. Più o meno alla fine della Strönwai di Kampen, che è il vero nome della strada, si trova il “Pony Club”, un bar di classe e una discoteca per celebrità da quasi 60 anni, che Gunter Sachs ha contribuito a rendere ancora più popolare quando una sera guidò la sua Mini classica fino alla pista da ballo. E anche la MINI John Cooper Works non è poi così discreta attraversando Kampen.

La nuova vernice Zesty Yellow la rende un’attrazione ovunque. Ma la quattro posti aperta indossa questo colore audace con stile. Il nuovo linguaggio di design ridotto richiama l’attenzione sulle caratteristiche di design tipiche di MINI, come la griglia esagonale del radiatore e i fari rotondi. Le luci posteriori con il design della Union Jack sono un discreto richiamo alle origini britanniche del marchio. E i potenti contorni del diffusore posteriore, al centro del quale sporgono i due terminali in acciaio inossidabile da 85 millimetri dell’impianto di scarico, segnalano un’autentica sportività. Questo vale anche per il suono dell’impianto di scarico sportivo, che sottolinea la capacità di sprint di quest’atleta open-top.

Sylt

Le vacanze a Sylt sono molto alla moda e la domanda di alloggi continua ad aumentare. 4,8 milioni di turisti sono venuti nel 2019. I prezzi degli immobili stanno raggiungendo vette vertiginose e chi può permetterselo non vuole affittare, ma comprare. Preferibilmente una delle tipiche case di paglia. La conseguenza è che interi villaggi sono ormai città fantasma, occupati solo in estate e nei fine settimana o nei giorni festivi. A Kampen, due terzi delle case sono diventate ora ville per vacanze e non vengono comprate per viverci, ma semplicemente per possederle. Di conseguenza, gli abitanti del posto non possono più permettersi la propria isola. Infatti, la maggior parte vive ora sulla terraferma – come i lavoratori stagionali. 150.000 di loro lavorano a Sylt durante l’alta stagione. Solo 20.000 persone sono registrate come residenti.

Kampen ricorda inoltre ai visitatori quanto tutto sia provvisorio. La “Kliffende”, uno degli edifici più tradizionali di Sylt, è a soli 40 metri in linea d’aria dal bordo della scogliera di Kampen. Ogni anno, forti tempeste autunnali e invernali erodono gli scogli e il mare impetuoso recupera pezzo dopo pezzo la scogliera. È stato poco più di 20 anni fa che cinque ricchi privati hanno comprato l’edificio e ora sono costretti ad osservare come l’investimento di otto milioni scompaia lentamente – o dovranno investire molti soldi in un’ulteriore protezione costiera.

Per fortuna l’uomo non si trova in conflitto con le forze della natura su tutta l’isola di Sylt. Oltre a 40 chilometri di lucente spiaggia sabbiosa, l’isola vanta anche dodici riserve naturali e sette aree protette. Una strada a pedaggio conduce attraverso un paesaggio ricoperto da praterie fino all'”Ellenbogen” (gomito), il punto più settentrionale della Germania. Questa parte dell’isola è di proprietà privata e protetta. Una strada stretta conduce al faro di List, un misto di lastre di cemento e asfalto. Una terra desolata unica con paludi salmastre, erba di marra e timo selvatico. Le pecore attraversano il cammino, migliaia di uccelli ronzano intorno, il vento sembra soffiare senza sosta, cambiando la sua direzione e canticchiando costantemente nuove melodie insieme alle onde.

Nord

La “bancarella del pesce più a nord della Germania” è stata costruita all’inizio degli anni ’70 nel vecchio porto di List. Quello che iniziò come un vassoio da venditore e un’anguilla affumicata si è trasformato in una delle imprese di ristorazione di maggior successo del paese, che ad oggi conta 40 sedi in tutta la nazione. Il menu è ora caratterizzato da: gamberi e champagne. Eppure, anche sulla costa orientale di Sylt, è soprattutto la natura a stupire tutti i visitatori dell’isola. Fa parte delle piane di marea del Mare dei Wadden, che dal 2009 sono state dichiarate patrimonio mondiale dell’UNESCO. La costa orientale di Sylt è anche uno scalo per gli uccelli migratori nel loro viaggio verso sud. Fino a dodici milioni di animali si riposano nel Mare dei Wadden ogni autunno.

Anche Keitum si trova su questo lato delle piane di marea. Qui, la prosperità si mostra in modo diverso che a Kampen. Vecchie case dal tetto di paglia giacciono dietro alte siepi di rosa canina, le biciclette invece delle macchine sportive sono usate per viaggi di breve distanza, stivali di gomma invece di tacchi alti, spessi maglioni di cashmere a sei fili invece di abiti e giacche scintillanti. Qui tutto è un po’ più rilassato, più anseatico. E chi si sposa a Sylt lo fa nella chiesa di St. Severin di Keitum, il più antico edificio sacro dello Schleswig-Holstein.

Se si preferisce la tranquillità bisogna andare a Morsum, all’estremo est dell’isola. Il villaggio è circondato da prati e pascoli, dighe e brughiere. Morsum era una volta uno dei primi insediamenti frisoni su Sylt. L’attrazione principale è la scogliera di Morsum con le sue gradazioni di colore inclinate, prova di milioni di anni di storia geologica. Qui il paesaggio dell’isola è molto più stabile che in altri luoghi di Sylt, per esempio a Rantum, dove ci sono solo circa 550 metri tra il mare e le piane di marea, o a Hörnum, il cui sud sta scomparendo a causa dell’erosione anno dopo anno.

Rantum

Una base per idrovolanti è stata costruita a Rantum negli anni ’30. Da quando è stata rinaturalizzata a metà degli anni ’60, l’area è diventata un santuario di uccelli – una base aerea di tipo civile, per così dire. I visitatori di oggi conoscono meglio Rantum grazie al “Sansibar”, uno dei ristoranti più famosi dell’isola. Da Hörnum partono barche per escursioni verso i banchi di foche e le isole vicine. Il faro della città è uno dei soggetti fotografici più popolari di Sylt.

Le forze naturali del Mare del Nord sono particolarmente presenti a Hörnum. Il Mare del Nord erode permanentemente la spiaggia di Hörnum-Odde, e le perdite sono compensate anno dopo anno aggiungendo della sabbia. Le forze primarie della natura, il ruggito delle onde, il grido dei gabbiani, il vento tra i capelli e l’aria salmastra costituiscono il fascino dell’isola di Sylt, che può essere vissuto in modo particolarmente intenso quando si guida con la capote abbassata a bordo della MINI John Cooper Works Cabrio.

 


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *