Scatta l’ora degli pneumatici invernali. Scatta l’ora della sicurezza

 Scatta l’ora degli pneumatici invernali. Scatta l’ora della sicurezza

Siamo di nuovo in quel periodo dell’anno in cui, dopo il cambio armadio nostro, dobbiamo pensare al “cambio di livrea gommata” della nostra autovettura: è iniziato il 15 ottobre in Valel D’Aosta, l’obbligo del cambio gomme, per poi, il 15 novembre, riguardare tutto il Paese.
Ma quali sono le sanzioni, qualora non dovessimo adempiere a questo obbligo? E quali, soprattutto, i vantaggi nel farlo?
Nelle prossime righe cercheremo di analizzare tutte queste questioni con la giusta dovizia, così che niente, sulla nostra autovettura, possa essere lasciato al caso: ne andrebbe della nostra sicurezza, e della sicurezza di chi amiamo.

CAMBIO GOMME: CHI, CHE COSA, DOVE, COME E QUANDO!

Lo scatto è avvenuto: dal 15 ottobre per la Valle D’Aosta e per moltissime strade di montagna e dal 15 novembre per il resto dello stivale, l’obbligo di montare pneumatici invernali, oppure di portare nell’abitacolo le alternative a norma di legge e omologate) è di nuovo realtà.

E lo sarà fino al 15 aprile 2021, data in cui potremo tornare al nostro treno estivo.

Quindi vetture e mezzi commerciali fino a tre tonnellate e mezzo dovranno essere pronte al pit-stop, pena multe salate e perdita di aderenza potenzialmente fatale.
A livello di prestazioni, sappiate che il treno di gomme invernale è diverso da quello estivo per unaj qualità principale: la mescola. Hanno, infatti, una mescola più morbida, capace di darci garanzia di maggiore aderenza e una migliore qualità della frenata quando l’asfalto diventa freddo e la temperatura a terra va sotto ai sette gradi.
È questo il motivo principale per cui dobbiamo poi ricordarci di fare un celere cambio, in aprile: potremmo consumare il battistrada a colpo d’occhio, rendendo davvero pericoloso utilizzare il nostro treno per l’inverno successivo.

Ma perché preferire i pneumatici invece delle catene? Sostanzialmente, per la comodità: non dovrete preoccuparvi mai di accostare, fermare il veicolo, scendere (magari in precarie condizioni di sicurezza) e montare delle catene che, il più delle volte, risultano essere degli aggeggi davvero poco semplici da approcciare.
Niente grattacapi, vita più comoda: ci penserà il vostro gommista di fiducia.

Le multe, qualora non si sia in regola con questa disposizione, vanno da un minimo di di 85 euro a un massimo di 338 euro: meglio non rischiare, insomma, e assicurarsi una grande tenuta di strada senza dover mettere mano al portafogli inutilmente.

Detto questo, sapevate che i pneumatici delle migliori marche sono acquistabili, con grande risparmio, anche online? Pneumatici Pirelli e di tutte le marche più note sono a vostra disposizione sui migliori siti.

Certo, abbiate l’accortezza di compiere i vostri acquisti solo su siti che abbiano dalla loro delle garanzie elevate e degli standard di tutto rispetto: molto spesso, infatti, ci si trova a doversi detreggiare tra “siti civetta”, messi online solo per trarre in inganno ignari compratori che, ingolosendosi delle grandi offerte (spesso decisamente troppo basse per essere credibili, dato che nessuno regala niente, a questo mondo!) danno i loro soldi a fantomatici “gommisti online” che niente hanno da spartire con i siti che ottengono le migliori recensioni.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *