Report “Tour della Sicilia” in sella agli scooter elettrici Lifan

 Report “Tour della Sicilia” in sella agli scooter elettrici Lifan

Una delle cose più belle e affascinanti del viaggiare in “ moto silenzioso “ è il sentirsi  parte integrante della  natura e del paesaggio che ci circonda.

Così Alfredo Iannaccone e la sua famiglia hanno deciso di scoprire le meraviglie della Sicilia con due scooter elettrici della Lifan moto. Ha, così, caricato i 2 scooter in un van ed è partito con moglie e figlie per la regione il cui stemma è la Trinacria.

 

Da Palermo a Palermo

“Il nostro intento era di fare tutta la costa da Palermo a Palermo in senso orario. Ci siamo imbarcati, così, a Napoli il 15 Agosto per la raggiungere il capoluogo siciliano. La splendida città che ha dato i natali a Luigi Pirandello l’abbiamo girata tutta in 2 giorni. Ci siamo allungati fino a Mondello e siamo saliti sul Monte Pellegrino.  Abbiamo, così, potuto apprezzare le prestazioni anche in salita, con 2 passeggeri e temperature oltre i 40 gradi”.

Cefalù la perla

“E’ stata, poi, la volta di Cefalù; in un paio d’ore abbiamo visitato quella che definisco una magnifica perla del mediterraneo. Purtroppo in serata uno dei due Lifan ha avuto un problema; sul display compariva E27. Si è, così, fermato. Non mi sono perso d’animo ed ho scoperto che il tutto nasceva dal filo dell’acceleratore che si era tranciato tra il telaio e la piastra della forcella. Una volta riparato, il Lifan ha ripreso a pulsare. Abbiamo proseguito il viaggio per raggiungere Naxos, attraverso le Gole di Alcantara. Da Naxos siamo, poi, saliti a Taormina altra salita importante , per una visita di mezza giornata per concederci, infine, un bagno nella Riserva di Isola Bella”.

 

L’Etna ed i suoi scenari lunari

“Il giorno dopo siamo saliti sull’Etna che ci ha subito incantati con i suoi scenari. Dopo ci siamo incamminati verso Siracusa e Ortigia. Quest’ultima è un concentrato di storia , per ricordarci Archimede…. l’atmosfera serale ci ha rapiti con le sue calde luci trasportandoci in un clima dorico . La giornata è trascorsa tra una ZTL e l’altra ammirando le bellezze architettoniche che testimoniano le diverse dominazioni. Con piacere ricordiamo lo spazio relax dedicato allo snorkeling nella Riserva del Plemmiro con le sue stelle marine rosso porpora . Ripartiamo in direzione Sud-Est non senza fare prima un tuffo sulla spiaggia di Calamosca nella Riserva di Vendicari. Infine, dopo essere passati per Noto, Pachino e Ragusa siamo arrivati nella Baia delle Sirene di Agrigento. Incantevole la visita alla Valle dei Templi sul tramonto e per l’invidia degli automobilisti abbiamo parcheggiato all’ingresso della biglietteria”.

La saline

“Proseguiamo la nostra avventura diretti a San Vito Lo Capo con sosta e visita veloce a Sciacca. Dopo aver ammirato le saline di Marsala ,arriviamo in serata a Trapani . Abbiamo visitato la Riserva dello Zingaro e siamo saliti a Erice dove abbiamo attraversato i suoi vicoletti ciottolati potendo anche apprezzare l’egregio lavoro delle sospensioni a gas sui fondi sconnessi . Dal suo belvedere abbiamo goduto dello sguardo sull’abbraccio dei “ due mari ”.

La volta  di Messina

“Dopo circa 1500 km fatti col Van e circa 500 con i nostri scooter elettrici Lifan , Caronte ci traghetta nel continente nella speranza di scorgere i mitologici mostri marini “ Scilla e Cariddi “. Grazie ai nostri Lifan, che ad ogni tappa ci hanno permesso di visitare velocemente i luoghi, abbiamo potuto trarre il massimo in soli 15 giorni. Da questo viaggio abbiamo percepito che i millenni di dominazioni di diversi popoli hanno reso questa terra ricca di cultura e soprattutto ospitale. Nessuna struttura si è mai negata una ricarica elettrica ( di pochi centesimi ) , anzi ha suscitato interesse e curiosità in chiunque abbiamo incontrato sul cammino.

Terra meravigliosa

“Consigliamo a tutti di visitare la Sicilia magari allo stesso modo; in maniera Ecosostenibile. Gli scooter Lifan hanno passato a pieni voti il test poichè hanno percorso strade di ogni tipo anche quelle sterrate. Le percorrenze chilometriche variavano a seconda del carico e delle inclinazioni ma comunque senza mai scendere sotto i 60 km superando anche gli 80 km. Per sicurezza abbiamo viaggiato sempre con prolunga e caricabatteria sotto sella nel caso ci fosse stato bisogno di una ricarica veloce (in 4 ore fai il pieno da zero). Permettetemi di ringraziare la concessionaria MotoOk che ha messo a nostra disposizione i due scooter della Lifan”.

 


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *