Nuova Tiguan 2020, nuovi sistemi di propulsione

 Nuova Tiguan 2020, nuovi sistemi di propulsione

La Volkswagen ha ridefinito la gamma delle motorizzazioni della Nuova Tiguan. Tra gli highlight figura la nuova Tiguan eHybrid con propulsore ibrido plug-in (245 CV). La Nuova Tiguan eHybrid rappresenta un componente fondamentale nell’ambito del programma di elettrificazione della Casa di Wolfsburg. Frank Welsch, Membro del Consiglio di Amministrazione della marca Volkswagen per il Settore Sviluppo ha dichiarato al riguardo: “Abbiamo progettato lo schema propulsivo in modo che sia possibile avviare sempre la Tiguan eHybrid in modalità elettrica E-Mode quando la batteria è sufficientemente carica. Con la batteria carica, la vettura ha un’autonomia in trazione 100% elettrica di circa 504 chilometri secondo il ciclo WLTP.

Nuova Tiguan 2020, emissioni locali zero

La maggior parte dei nostri Clienti potrà, pertanto, percorrere i propri tragitti giornalieri medi a emissioni locali zero, in condizioni di guida reale”. Grazie a una modalità ibrida configurabile in modo intuitivo, è inoltre possibile accumulare energia elettrica sufficiente anche durante un lungo viaggio per entrare nell’area urbana di destinazione a emissioni zero. La Nuova Tiguan eHybrid può essere guidata in modalità esclusivamente elettrica fino alla velocità di 130 km/h; in modalità Hybrid, il motore elettrico supporta l’efficiente TSI in fase di accelerazione.

In questa modalità, la sinergia tra il motore elettrico e quello a combustione offre un’erogazione di potenza coinvolgente, perché il motore elettrico agisce come un booster aggiuntivo. La modalità GTE, che si attiva tramite un pulsante posizionato accanto alla leva del cambio DSG, offre una dinamica particolare. In questo caso, il motore elettrico e il TSI si uniscono per fornire la massima potenza di sistema alla Nuova Tiguan eHybrid.

Il twin dosing

Le innovazioni ecocompatibili caratterizzano anche le altre tipologie di motorizzazioni. Per esempio i Turbodiesel: i motori TDI, particolarmente apprezzati sulla Nuova Tiguan, sono ora dotati di due catalizzatori SCR disposti in sequenza, ciascuno con iniezione di AdBlue separata (la cosiddetta tecnologia twin dosing). Questo ha consentito alla Volkswagen di ridurre gli ossidi di azoto (NOX) in modo significativo rispetto al modello precedente.

Il catalizzatore SCR numero 1, essendo posizionato vicino al motore, raggiunge la propria temperatura di esercizio ottimale poco dopo l’avviamento. Le emissioni di NOX vengono così ridotte molto rapidamente; inoltre, la disposizione vicino al motore rappresenta un vantaggio quando si guida ai bassi carichi.

Il catalizzatore SCR numero 2 si trova nel sottoscocca; per effetto della maggiore distanza dal motore, i gas di scarico a monte del secondo catalizzatore sono fino a 100°C più freddi. Questo catalizzatore SCR funziona, pertanto, soprattutto in presenza di carichi elevati, per esempio durante la guida ad alta velocità o trainando un rimorchio. Indipendentemente dalla modalità di funzionamento del motore, il twin dosing assicura che uno dei due catalizzatori SCR funzioni sempre alla temperatura di esercizio ottimale e, di conseguenza, gli ossidi di azoto vengano post-trattati in modo particolarmente efficiente e convertiti in acqua e azoto, un gas innocuo.

La versione R porta una ventata di dinamismo

Una novità sul fronte delle motorizzazioni della gamma è rappresentata dal TSI ad alte prestazioni da 320 CV della prima Tiguan R. “La Nuova Tiguan R possiede tutte le doti che ci si aspetta da un modello Volkswagen R: sportività anche per l’utilizzo in pista e, allo stesso tempo, illimitata adattabilità all’uso quotidiano oltre a un design particolarmente espressivo”, ha sottolineato Jost Capito, Direttore della Volkswagen R. Per realizzare il nuovo modello R, la Volkswagen R ha coordinato tutte le attività relative all’adattamento per la Tiguan del motore EA888 evo4, la versione più recente del TSI ad alte prestazioni, e ha anche sviluppato una nuova trazione integrale con torque splitter, in grado di distribuire la forza motrice in modo variabile tra l’asse anteriore e quello posteriore nonché tra le ruote posteriori sinistra e destra.

Come funziona: il differenziale della nota trazione 4MOTION trasferisce la potenza alle ruote posteriori sinistra e destra in rapporto 50:50, entrambe le ruote sono quindi spinte dalla stessa coppia (anche se tramite il differenziale girano a velocità diverse in curva). Il torque splitter, invece, può distribuire in modo variabile la coppia tra le due ruote posteriori, come già accennato. In gergo tecnico si parla di torque vectoring. Grazie alla ripartizione selettiva, la forza della coppia motrice può essere convogliata fino al 100% alla ruota all’esterno della curva, offrendo un comportamento dinamico notevolmente più agile.

L’intensità della distribuzione della forza è determinata dal rispettivo angolo di sterzata, dalla posizione del pedale dell’acceleratore, dall’accelerazione laterale, dalla velocità di imbardata e dalla velocità dell’auto. Il conducente può anche influenzare la modalità di funzionamento del torque splitter e i sistemi dinamici che stabilizzano la guida attraverso la selezione del profilo di guida di serie (modalità: Comfort, Sport, Race, Individual, Offroad, Snow e Offroad-Individual) e il cursore per l’assetto DCC. Il guidatore può accedere molto velocemente alla modalità Race più dinamica utilizzando il pulsante R sul volante multifunzione di nuova concezione della Tiguan R.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *