La Ma.me.pi. Motors nel paese delle meraviglie

 La Ma.me.pi. Motors nel paese delle meraviglie

Rappresentare a Napoli ufficialmente una casa ecclettica, prestigiosa, gloriosa, vincente e tecnologica come la Kawasaki è già di per sé un merito ed un vanto. Essere, poi, scelti per poter ammirare dal vivo i luoghi dove i sogni diventano realtà e dove si tracciano le future pagine della storia, significa che la fiducia ricevuta si merita perché si è all’altezza degli ambiziosi progetti da portare avanti e raggiungere.

La Ma.me.pi. Motors S.a.s. è stata, infatti, una delle 10 concessionarie di tutta Italia che ha avuto il privilegio di essere ospitata per una settimana dalla Kawasaki in Giappone, proprio laddove prendono forma le sue meraviglie.

E’ stata – spiega lo store manager Ciro Pizzo – un’esperienza a dir poco fantastica! Il nostro duro lavoro è stato premiato ed è stato bello ritrovarsi nell’altra parte del mondo nel cuore di una cultura tanto diversa dalla nostra quanto terribilmente affascinante. Abbiamo avuto modo di confrontarci con colleghi che da decenni sono impegnati nell’universo Kawasaki; mi ha fatto piacere ricevere apprezzamenti sia come delaer sia per i trascorsi nelle competizioni”.

Al quarto giorno finalmente Akashi

Solo dopo quattro giorni abbiamo fatto tappa ad Akashi, una città che, praticamente, è tutta firmata Kawasaki. In particolare abbiamo visitato gli uffici dove si progettano le future moto, dove si stabiliscono le strategie di mercato, dove si progettano i motori degli aerei e delle portaerei, i motori delle grandi navi, i treni da 400 Km/h. Abbiamo avuto accesso solo a 2 dei tanti capannoni destinati alla produzione. Il primo è stato quello dove giungono tutte le parti preassemblate per dare vita, poi, alle moto. La Kawasaki ha un piano giornaliero ed è molto attenta sia alla qualità dei prodotti utilizzati sia ad evitare sprechi sia per ridurre al minimo l’impatto ambientale. La grandezza degli ambienti è tale che per passare da un capannone all’altro occorre muoversi in navetta. Il secondo capannone è stato quello dedicato alla catena di montaggio, all’avanguardia in tutto”.

Un passato glorioso per un futuro luminoso

Abbiamo visitato anche il museo dove erano esposte, assieme alle coppe, tutte le moto che hanno scritto i capitoli sportivi più importanti. Questa emozionante esperienza ci tornerà utile anche nei rapporti con la nostra clientela, perché avremo modo di raccontare con cognizione di causa come prendono forma le due ruote che soddisfano la loro passione e le loro esigenze di mobilità”.

 


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *