Audi AI:TRAIL quattro, interni minimalisti, sedili posteriori ad amaca

 Audi AI:TRAIL quattro, interni minimalisti, sedili posteriori ad amaca

L’abitacolo di Audi AI:TRAIL quattro è ordinato e spazioso, con pochi elementi di comando visibili. I sedili anteriori si avvalgono di sottili schienali a guscio e di cinture di sicurezza a quattro punti. Nella parte superiore dell’abitacolo dominano le tonalità chiare. L’interazione tra vettura e conducente è caratterizzata da una radicale semplificazione rispetto allo standard odierno, essendo affidata unicamente alla pedaliera, alla cloche che sostituisce il volante tradizionale e allo smartphone fissato lungo il piantone dello sterzo. Device portatile che, nello specifico, funge sia da display sia da centrale di comando delle funzioni vettura e della navigazione.

Superfici grigie e tonalità della terra

Superfici grigie e tonalità della terra sottolineano il legame degli interni con la natura circostante. Una percezione rafforzata a livello tattile: a superfici ruvide e granulari si affiancano il morbido feltro con cui è rivestito il bagagliaio e molteplici materiali riciclati. I tappetini, ad esempio, sono in lana rigenerata e pelle riciclata. Materiali in entrambi i casi sostenibili e duraturi, con un’eccellente propensione a smorzare vibrazioni e risonanze.

Tra i sedili e alla base del parabrezza trovano posto alcuni scomparti portaoggetti: cinghie di fissaggio assicurano i bagagli, che possono essere caricati anche dall’esterno grazie al parabrezza apribile verso l’alto, mentre riavvolgitori a cinghia garantiscono il corretto tensionamento delle cinture di sicurezza.

La fila posteriore è caratterizzata da un’innovazione: i due sedili, progettati come amache, possono essere rimossi dall’abitacolo e utilizzati all’aperto. Forti di una struttura tubolare e di pannelli in tessuto a sostegno delle sedute, invitano al relax in ogni momento del viaggio. 

Illuminazione futuristica mediante droni

Amovibili, multifunzionali e tutt’altro che convenzionali: le fonti luminose di AI:TRAIL quattro portano il concetto d’illuminazione su di un nuovo, futuristico, livello. Alla base dei montanti anteriori sono collocati dei punti luce attivi tanto verso l’interno dell’abitacolo quanto verso l’esterno. Tali elementi, a LED, permettono di adattare l’intensità del fascio luminoso al pari dello spot posteriore a tutta larghezza, fruibile sia come luce per il vano bagagli sia come indicatore di direzione laterale.

Cinque droni triangolari, privi di rotore e azionati elettricamente, sostituiscono i convenzionali fari abbaglianti e anabbaglianti. Corredati di punti luce a LED Matrix, sono in grado di atterrare sul portapacchi o direttamente sul tetto del veicolo. Possono agganciarsi autonomamente a specifici slot per la ricarica induttiva.

Audi Light Pathfinder, i droni appannaggio di AI:TRAIL quattro

Denominati Audi Light Pathfinder, i droni appannaggio di AI:TRAIL quattro funzionano similmente ai ventilatori senza pale. Realizzati in materiale ultra leggero, sono in grado di volare dinanzi alla concept dei quattro anelli illuminando il percorso e sostituendosi ai classici fari. Le telecamere a bordo possono produrre immagini video trasmesse mediante wi-fi sul display di fronte al conducente. I Pathfinder divengono così veri e propri occhi volanti.

Quando AI:TRAIL quattro è ferma, dalla posizione sul tetto i droni possono illuminare i dintorni, ad esempio per un picnic accanto alla vettura. Se i passeggeri preferiscono restare all’interno del veicolo, sono in grado d’illuminare l’abitacolo attraverso il tetto panoramico.

I droni, coordinati in modo completamente automatizzato

I droni, coordinati in modo completamente automatizzato da AI:TRAIL quattro, volano solitamente in coppia. Se necessario, sono in grado di operare in gruppi composti da un massimo di cinque elementi così da garantire una superiore potenza luminosa e ampliare la superficie illuminata. I passeggeri possono gestirli facilmente, in base alle proprie preferenze, grazie a un’app per smartphone.

Non meno rivoluzionaria l’Audi Light Companion, fonte luminosa multifunzionale simile a una torcia tascabile. Vincolata magneticamente ai lati dei sedili, funge da luce ambiente. Uscendo dall’abitacolo di AI:TRAIL quattro, Light Companion può essere portata con sé. Tre supporti integrati permettono di fissarla al suolo e farne una luce da campeggio o d’emergenza, mentre le telecamere in dotazione consentono di esplorare il percorso, riprendere immagini e pubblicare video direttamente sui social network. Grazie all’interazione con la navigazione di AI:TRAIL quattro, Light Companion è in grado di proiettare sulla strumentazione segnali di direzione o testi informativi, aiutando l’utente a orientarsi.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *