Nuova Audi SQ5 TDI motore potente senza turbo lag

 Nuova Audi SQ5 TDI motore potente senza turbo lag

Il compressore ad azionamento elettrico  della Nuova Audi SQ5 (EAV, in tedesco Elektrisch Angetriebener Verdichter) è l’assistente ideale per il turbocompressore, che viene supportato ogni qualvolta i gas di scarico forniscono una spinta insufficiente per una rapida e possente sovralimentazione. Ad esempio nelle partenze da fermo e in ripresa ai bassi regimi (fino a 1.650 giri/min). La coppia è immediatamente disponibile, senza turbo lag (il classico ritardo di riposta del turbo alle pressioni dell’acceleratore), a tutto vantaggio del piacere di guida e del contenimento dei consumi.

Nuova Audi SQ5, come funziona l’EAV

Il compressore ad azionamento elettrico è integrato nel sistema di aspirazione, a valle dell’intercooler e vicino al motore. Quando il pedale dell’acceleratore trasmette una richiesta di carico elevata, ma la pressione di sovralimentazione del turbocompressore è ancora troppo bassa, entra in gioco l’EAV. Più precisamente un motore elettrico compatto con una potenza massima di 7 kW che accelera la girante del compressore sino a 65.000 giri/min in circa 300 millisecondi, sviluppando pressoché istantaneamente una sovralimentazione di 1,4 bar. 

Tecnologia MHEV: dal recupero dell’energia alla marcia per inerzia

Il sistema MHEV (mild-hybrid electric vehicle) di nuova Audi SQ5 TDI può ridurre i consumi nelle condizioni di marcia reali sino a un massimo di 0,7 l/100 km. Il cuore del sistema è un alternatore-starter azionato a cinghia (RSG) collegato all’albero motore, in grado di recuperare fino a 12 kW di potenza nelle fasi di decelerazione. Questa energia viene immagazzinata nella batteria agli ioni di litio, da cui viene successivamente veicolata ai dispositivi integrati nella rete di bordo.

Se il conducente rilascia il pedale dell’acceleratore nel range di velocità compreso tra 55 e 160 km/h, in funzione del programma di marcia selezionato mediante l’Audi drive select e delle condizioni di guida, nuova Audi SQ5 TDI può recuperare energia, veleggiare o avanzare per inerzia a motore spento fino a un massimo di 40 secondi. Non appena viene premuto l’acceleratore, il motore viene riavviato dall’RSG in modo sensibilmente più rapido e confortevole rispetto a un motorino di avviamento tradizionale. Grazie alla tecnologia MHEV, il sistema start/stop è attivo già a partire dalla velocità di 22 km/h. Nelle partenze da fermo il motore viene riacceso, anche qualora sia premuto il pedale del freno, non appena il veicolo davanti a SQ5 TDI si mette in movimento.

V6 3.0 TDI: accelerazioni brucianti e massima efficienza

Il motore V6 3.0 TDI è stato ulteriormente affinato rispetto alla precedente generazione. Albero motore, pistoni, bielle e sistema di lubrificazione sono stati riprogettati. Il basamento e la testata possono contare su circuiti di raffreddamento separati, grazie ai quali il propulsore raggiunge rapidamente la temperatura d’esercizio ottimale dopo l’avviamento a freddo. Il flusso del liquido di raffreddamento, indirizzato verso il radiatore dell’olio, l’EAV, l’RSG e il turbocompressore, viene adattato in funzione delle esigenze. Il grande turbocompressore a gas di scarico, corredato di una turbina a geometria variabile (VGT), genera una pressione massima di sovralimentazione di 2,4 bar. Il sound actuator integrato nell’impianto di scarico conferisce al propulsore TDI una sonorità unica.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *