Il bollino blu certifica che il nostro veicolo rispetta i limiti, stabiliti per legge, sulle emissioni dei gas inquinanti viene controllato quando si porta a fare la manutenzione auto. Qualora il nostro veicolo non rispettasse questi limiti, sarà necessario sottoporlo a manutenzione, per poi ripetere il controllo successivamente.

Viene rilasciato quando facciamo la revisione del nostro veicolo, cioè:

  • ogni 2 anni per i veicoli che hanno più di 4 anni;
  • per un veicolo appena immatricolato, bisognerà effettuare la revisione dopo 4 anni (ed in seguito ogni 2 anni).

Viene rilasciato, dunque, dove si effettuano le revisioni, quindi, nelle officine autorizzate, ACI o Motorizzazione Civile.

Ogni veicolo (compresi ciclomotori e moto) deve essere provvisto di bollino blu (che però non è più obbligatorio esporre sul parabrezza come un tempo) sia esso a benzina, diesel, gas o metano.

Il costo rientra in quello della revisione e, in particolare:

  • nelle officine autorizzate, il bollino blu più la revisione ha un costo totale di 64,80 euro;
  • all’ACI, il costo è di 65,25 euro (se non si è soci, ci saranno altri 25 euro da pagare);
  • presso la Motorizzazione Civile, invece, il costo complessivo di bollino blu e revisione è di 45 euro (il costo è inferiore perché i tempi di attesa sono più lunghi).

E’ bene per ogni automobilista sapere che, le sanzioni in cui si incorre, qualora non si disponesse del bollino blu, sono le medesime del non aver sottoposto il veicolo a revisione obbligatoria (proprio in virtù del fatto che le due “procedure” sono collegate), quindi:

  • una multa che va dai 169 ai 679 euro;
  • ritiro del libretto di circolazione (con l’unica possibilità per il guidatore di poter tornare presso la propria abitazione);
  • se si viene colti sul fatto in autostrada, c’è il sequestro immediato del veicolo (quindi il guidatore non può nemmeno tornare al proprio domicilio).