Qualsiasi automobilista deve possedere il bollino blu del proprio veicolo, bollino che attesta che la propria auto rispetta i limiti di emissioni inquinanti previsti dalle norme europee e, quindi, può circolare. Di solito viene controllato durante la revisione e il controllo auto.

Il tagliando deve essere rilasciato per ogni motoveicolo ed autoveicolo (benzina, diesel, gas, metano) che sia conforme alla legge.

Sono esenti dall’obbligo del bollino blu:

  • gli autoveicoli immatricolati da non oltre 4 anni;
  • le auto storiche registrate in apposito albo;
  • le auto elettriche;
  • i veicoli delle Forze Armate ed altre auto non civili.

Durante la revisione obbligatoria del proprio veicolo, infatti, verrà rilasciato il bollino blu (che un tempo si era obbligati ad esporre sul parabrezza)se l’auto rispetta i limiti di emissioni inquinanti.

Infatti, tutto ciò è fatto proprio per limitare l’inquinamento (dal momento che, proprio le nostre auto sono una delle principali cause di questo) e per farlo bisogna tenere sotto controllo gli impianti di scarico che, sottoposti ad usura, possono con il tempo, funzionare male ed inquinare troppo.

In particolare, verranno controllati:

  • emissioni di carbonio per le auto a benzina;
  • grado di opacità le per le auto diesel;
  • fattore lambda per le catalizzate.

Quindi, quando si effettua la revisione presso i centri revisione auto autorizzati, ACI o Motorizzazione Civile, questi provvederanno a controllare le emissioni inquinanti e, se il veicolo rientra nei limiti, verrà rilasciato il bollino blu, altrimenti sarà necessaria ulteriore manutenzione prima di effettuare un altro controllo.

Il costo è di 45 euro per la revisione e il bollino auto effettuati presso la Motorizzazione civile.

Nei centri di revisione, invece, il costo compressivo sarà di 64,80 euro.

Per finire, presso le officine ACI, se si è soci, il costo totale per i due “servizi” sarà di 65,25 euro; se non si è soci si dovranno pagare altri 25 euro.