Con l’arrivo dell’autunno e dell’inverno, è sempre una buona abitudine quella di fare un controllo generale alla propria auto e non tralasciare nemmeno un dettaglio, così da poter intraprendere qualsiasi spostamento in sicurezza. Quindi, un elemento da non sottovalutare sono i tergicristalli: è proprio durante i mesi freddi che le piogge (ma anche la neve e la grandine) sono più frequenti ed è giusto che i tergicristalli funzionino bene e facciano al meglio il loro lavoro.

Infatti, dei tergicristalli usurati o non più funzionanti non puliranno bene il parabrezza e il lunotto posteriore, impedendo quindi la perfetta visibilità che è essenziale per guidare con sicurezza e tranquillità.

Inoltre, delle spazzole usurate tenderanno “a cigolare” e fare un rumore fastidioso che potrebbe distrarre o infastidire chi si trova in auto.

Non dimentichiamoci che le spazzole dei tergicristalli, se non più ottimali, possono anche danneggiare il parabrezza.

I tergicristalli sono costituiti da braccio, lama e telaio.

Andrebbero sostituiti almeno una volta all’anno (soprattutto se sono stati utilizzati in maniera intensiva) ma ci sono dei campanelli d’allarme che fanno capire che non svolgono più bene il loro compito e cioè:

  • la lama del tergicristallo non aderisce più al vetro;
  • la gomma della spazzola non è più uniforme;
  • se durante la pulizia del parabrezza si notano delle striature o aloni sul vetro;
  • si sentono dei rumori quando la spazzola è in azione.

I tergicristalli tendono ad usurarsi anche con il calore: d’estate, il sole può modificare la gomma delle spazzole.

Gli accorgimenti da prendere per far durare di più i tergicristalli sono quelli di utilizzare solo prodotti specifici per lavare i vetri (e non altri prodotti per la pulizia domestica che potrebbero andare a danneggiare la gomma) ed inoltre, di sbrinare il parabrezza prima di mettere in funzione il tergicristallo.