Eicma 2018: il nostro punto di vista

 Eicma 2018: il nostro punto di vista

L’edizione di quest’anno dell’Eicma se da un lato ha offerto tanti sorrisi e fiducia tra gli operatori e nel mercato, dall’altro lato, a mio parere, ha stabilito un livellamento verso il basso della qualità costruttiva complessiva e un’attenzione importante verso i veicoli elettrici.
Partiamo dai sorrisi e dalla fiducia: il mercato è in continua crescita e non solo con i veicoli di fascia alta.

Questo significa che è in aumento la platea di chi utilizza le due ruote ma non sempre come elemento passionale, bensì come veicolo efficace nella lotta al traffico. Numeri che sono destinati ad aumentare anche l’anno prossimo e questa è una bella notizia per chi, come me, è coinvolto nel settore professionalmente. Si tenga presente che dietro l’acquisto di una due ruote, tra chi vende, chi dovrà fare la manutenzione, assicurare, vendere i ricambi, l’abbigliamento tecnico ed i carburanti, senza dimenticare i pedaggi e la pubblicizzazione dei prodotti, c’è una fetta importante del tessuto economico, lavorativo e sociale del paese.

Assicurare…anche quest’anno le grandi assenti sono state le compagnie assicurative

Assicurare…anche quest’anno le grandi assenti sono state le compagnie assicurative…ossia qualcuna era presente, ma timidamente e senza offrire soluzioni per quanti vivono a Napoli o in città dove si attua un vero e proprio razzismo territoriale (vedete dove avvengono maggiormente i sinistri poi ne parliamo…le truffe? Colpissero gli autori, piuttosto che far pagar di più gli onesti…troppo facile trovare questa scusa per vessare i soliti noti). Compagnie che, forti di una copertura lobbistica di ferro, mortificano non solo la voglia di mobilità motociclistica ma anche quanto ho poc’anzi scritto in termini economici e lavorativi. In merito cosa ha intenzione di fare il governo del popolo? Da apprezzare lo sforzo della FMI di offrire a prezzi ancora più contenuti una polizza per i veicoli d’epoca, anche se ancora non comprendo la suddivisione per regioni…Un tesserato campano non paga lo stesso e non ha gli stessi diritti di uno piemontese?

Livellamento verso in basso della qualità costruttiva complessiva

Livellamento verso in basso della qualità costruttiva complessiva: non me ne vogliano, ma alcune case, anche quelle più blasonate, hanno preso il vizio di spacciare per oro il piombo. Non è tanto una questione di finiture poco curate bensì di qualità della componentistica usata. Tale critica non si basa sul mero dato del paese di costruzione (alcuni costruttori asiatici hanno raggiunto uno standard qualitativo elevato impressionante) bensì sulla qualità intrinseca e non solo percepita. Certe ciofeche rimangono tali anche se “griffate”.

Non parliamo, poi, del finto Made in Italy: taluni dovrebbero avere il pudore di non scrivere prodotto in Italia, poiché, tra telai, carene, componenti elettronici, cerchi, pneumatici e altro, di costruito realmente nello stivale c’è nulla. C’è, invece, un’opera di assemblaggio che, per quanto certosina, assembla “roba” non italiana. Ridicoli, a mio parere, coloro che reclamano i prodotti con frasi “qualità o design italiani e tedeschi” ma hanno etichette “Made in PRC”. Cos’è si vergognano di lasciare solo l’etichetta? Che senso ha richiamare ciò che di italiano o di tedesco, concretamente, non c’è quasi nulla?

Ah, i soliti capitan di industria che delocalizzano e pretendono anche i sussidi statali (leggi soldi degli italiani). Non generalizzo, anzi, però “scorreggetemi” se sbaglio…

Crescita delle motorizzazioni elettriche: c’era la fila per provare la Vespa elettrica.

C’erano proposte interessanti, specie per i veicoli ad uso commerciale. C’è stata, soprattutto, una moto elettrica che mi ha colpito molto, perché non ha davvero nulla da temere ad una “classica”: la LiveWire della Harley-Davidson. Curioso che una simile proposta provenga da una casa conservatrice come quella americana.
Ancora una volta devo evidenziare che i giornalisti sono stati trattati male: una kermesse mondiale come quella milanese dovrebbe offrire una serie di servizi quali armadietti per il deposito delle attrezzature, sala stampa con possibilità di lavorare e desinare in tranquillità senza fare file chilometriche (a proposito tutti giornalisti e addetti ai lavori i primi 2 giorni?).

Una cosa che dovrebbero fare quanto prima tutte le case, a dire il vero alcune già hanno preso questa direzione, è proporre moto (non solo gli scooter) per gli under 20, perché solo così si garantirà un concreto ricambio generazionale. Le moto devono emozionare anche i giovani, devono allontanarli dalle realtà virtuali che vivono attraverso gli smartphone e ritornare ad immergersi nella vita reale. Ditemi cosa c’è di meglio di una due ruote per essere letteralmente sommersi da adrenalina, voglia di sognare e vita vera? Ecco, la moto deve far sognare di nuovo i giovani.

La moto più bella per me?

Direi la nuova Mv Agusta Brutale, autentica opera d’arte. Non condivido, però, i numeri che parlano di 212 cv e oltre 300 Km/h di velocità di punta. Mi dite a cosa servono su una naked?
Per questo, alla fine, dico la Moto Guzzi V85TT. Una moto ben realizzata, affascinante, che ha i giusti numeri, compreso il prezzo di vendita, per rilanciare il marchio di Mandello del Lario. E’ lei, a mio avviso, la regina dell’Eicma2018: una moto in grado di far sognare non solo gli amanti dell’aquila che vola.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

1 Commento

    Avatar
  • Beh…concordo con la tua analisi.
    Occorrono moto umane,di prezzo corretto e soprattutto che emozionino .
    Le cinesi spacciate per europee hanno il merito di far avvicinare alla moto tanti neofiti…ma col rischio che la scarsa qualità li faccia poi avvilire.
    Avanti tutta e …un po’ di sano nazionalismo non guasterebbe : facciamo delle cose meravigliose in Italia..ma capite ed apprezzate quasi solo all’estero.
    Il Made in Italy da noi è quasi un disvalore.
    Bah…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *