Moto Guzzi V85 TT: un nuovo motore, un classico del futuro

Moto Guzzi V85 TT: un nuovo motore, un classico del futuro

Su Moto Guzzi V85 TT debutta un nuovo motore. Lo schema costruttivo è quello esclusivo di tutte le Moto Guzzi di attuale produzione

Su Moto Guzzi V85 TT debutta un nuovo motore. Lo schema costruttivo è quello esclusivo di tutte le Moto Guzzi di attuale produzione: un bicilindrico a V trasversale di 90° raffreddato ad aria, con distribuzione ad aste e bilancieri a due valvole per cilindro, orgoglio e tradizione dell’Aquila di Mandello.

Moto Guzzi V85 TT: cilindrata è di 853 cc

La cilindrata è di 853 cc, grazie ad un rapporto di alesaggio per corsa di 84 x 77 mm. Si tratta dell’unità più moderna presente in gamma, capace di vantare un rapporto di quasi 100 CV/litro. Grazie alla totale nuova progettazione e all’utilizzo di materiali di solito destinati alle moto da competizione, come il titanio, il nuovo “otto e mezzo” è in grado di esprimere 80 CV di potenza massima, a fronte di un eccellente valore di coppia massima di 80 Nm espressi a 5.000 giri/min, con il 90% della coppia disponibile già a 3.750 giri/min, in pieno rispetto della tradizione del bicilindrico di Mandello, da sempre dotato di gran tiro fin dai bassissimi regimi. È il primo motore Moto Guzzi small block capace di raggiungere tranquillamente gli 8000 giri/min, aspetto che presenta bene il carattere moderno ed esuberante di questa unità.

Basamento con nuovo disegno ed irrigidito

Il basamento è frutto di un nuovo disegno ed è stato irrigidito, per adeguarlo alla sua nuova funzione di elemento stressato nel telaio, introducendo inediti attacchi telaio e elementi di irrobustimento nella zona di passaggio dei prigionieri interni. Inoltre presenta nuovi oblò per la verifica del livello del lubrificante sul semi basamento inferiore.

La lubrificazione è a carter semi secco e utilizza due pompe coassiali di mandata e recupero dell’olio, che garantiscono una lubrificazione ottimale, tanto da non rendere necessario l’utilizzo del radiatore dell’olio, risparmiando così anche nel peso. La soluzione a carter semi secco permette di avere una camera di manovella totalmente isolata, evitando il possibile assorbimento di potenza che si avrebbe con un sistema a carter secco, dove il pistone deve vincere anche la contropressione all’interno del carter.

Il circuito dell’olio è totalmente nuovo

Il circuito dell’olio è totalmente nuovo e presenta fori di differente diametro, con una delle due pompe presenti che trasferisce il lubrificante dalla camera di manovella del basamento alla coppa. Quest’ultima ha un ingombro ridotto, per elevare la luce a terra e permettere il montaggio del sottocoppa protettivo in alluminio.

L’albero motore integrale è nuovo e, assieme alle bielle, anch’esse nuove, permette di risparmiare circa il 30% di peso rispetto agli altri motori small block, aumentando la prontezza di risposta alle sollecitazioni del gas e al contempo riducendo nettamente le vibrazioni. Anche la parte superiore del bicilindrico è totalmente nuova: nel rispetto della identità Moto Guzzi la distribuzione rimane ad aste e bilancieri con due valvole per cilindro, seppur il sistema e i materiali impiegati siano tutti nuovi. I cilindri hanno un’altezza ridotta, nuovi ed efficienti passaggi dell’olio e un inedito sistema di fissaggio al basamento per garantire robustezza e affidabilità. Le teste hanno nuovi condotti e raccordi d’ammissione della miscela dalle forme dedicate.

Eccellenza del motore Guzzi nella distribuzione

Uno degli aspetti d’eccellenza del motore Moto Guzzi è rappresentato dalla distribuzione, dotata di punterie a rullo e astine di comando dei bilancieri in alluminio. L’utilizzo di valvole di aspirazione in titanio da 42,5 mm di diametro, pesando la metà delle corrispondenti in acciaio, ha permesso di adottare una geometria dell’apertura molto più radicale, a tutto vantaggio della potenza massima. Vengono utilizzati pistoni dal mantello ribassato, con spinotti dal diametro di 20 mm, oltre a nuovi coperchi testa e coperchi candela dalle differenti forme, mentre il volano e il generatore sono stati potenziati.

L’iniezione sfrutta un singolo corpo farfallato dal diametro di 52 mm, mentre la gestione elettronica è affidata a un comando del gas Ride-by-Wire multimappa, soluzione che permette un controllo fine e scrupoloso dell’apertura della farfalla, ottimizzando non solo l’efficienza generale, a garanzia di un’erogazione pulita e corposa, ma anche risparmiando carburante.

Un motore parco nei consumi

Il nuovo motore Moto Guzzi infatti è molto parco nei consumi: ha pochi componenti che assorbono potenza (la distribuzione ad aste e bilancieri è tra le più parche nell’assorbire potenza), non ha la pompa del circuito di raffreddamento, né lunghe catene o cinghie di distribuzione.

Un grande lavoro è stato svolto attorno al cambio dagli innesti frontali per renderlo più fluido e preciso. La scatola del cambio e la campana della frizione hanno un ingombro a terra ridotto; la frizione a secco sfrutta un disco di rinforzo sotto il piatto frizione e un nuovo disco frizione; inoltre è stato introdotto per la prima volta un sistema a tripla asola: un sincronizzatore che permette di ridurre al minimo il rumore negli innesti, soprattutto della prima marcia.

La rapportatura è nuova. Inoltre il cambio guadagna un parastrappi, per avere una risposta ancora più morbida della trasmissione finale ad albero cardanico, anch’essa irrobustita. Infine la zona di alloggio del forcellone è stata irrigidita e presenta cuscinetti di grande diametro.

Moto Guzzi V85 TT: scheda tecnica






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *