Mondial Piega 1000, la classe italiana intorno al motore giapponese

 Mondial Piega 1000, la classe italiana intorno al motore giapponese
Mondial Piega 1000
Mondial Piega 1000

La Mondial Moto è una storica casa costruttrice di moto nota per aver prodotto delle “piccole bombe” in grado di conquistare in passato diversi titoli mondiali con piloti di alto calibro come Nello Pagani, Carlo Ubbiali e Walter Villa. Poco dopo gli anni 60 la casa bolognese ha chiuso i battenti, rinascendo nel 2000 con una moto presentata ad Eicma chiamata Piega.
La Mondial Piega è una SBK 1000 di cilindrata che monta il fantastico bicilindrico a V Honda campione del mondo SBK installato sulle VTR, con 140 CV di potenza a 9800 giri/min. Lo scopo della Mondial era di prendere uno dei migliori motori in circolazione e costruirgli intorno una struttura migliore sia in componenti che in ciclistica di quella della casa dell’ala.
L’idea era quella di partecipare al mondiale SBK, ancora privo di eccessive regole, tanto che nel 2001 ci furono i primi test, ma le difficoltà economiche tagliano la produzione facendo slittare l’esordio ufficiale ma continuando eslcusivamente con test privati.
Nel 2003 prende parte a tutto il campionato mondiale endurance con i piloti Maurizio Bargiacchi e Andrea Perselli, arrivando 32esimo alla 8 ore di Suzuka, che risulterà il miglior risultato di un team italiano nel mondiale, ma è nel 2006 che si arriva ad una svolta con il nuovo tentativo nel mondiale SBK affidando le moto al Team L.M. di Learco Ghelfi, il famoso meccanico di Giancarlo Falappa e Raimond Roche,  con il definitivo abbandono l’anno successivo per l’ennesimo cambio di regolamento nel mondiale.
Attualmente la casa  italiana ,che negli anni si è trasferita da Bologna a Meda, Milano, ha un sito e uno stabilimento  tutt’ora attivo ma prettamente per la commercializzazione dei ricambi e di alcune moto prodotte ancora presenti in magazzino.

 

Dettagli Tecnici Mondial Piega

Motore: 4T
Alesaggio: 100 x 63.6 mm
Cilindrata :999 cm³
Rapporto di Compressione: 10,8:1
Numero cilindri: 2
Tipo motore: a V
Orientamento: longitudinale
Alimentazione: iniezione
Potenza: 140 cv – 103 kW
Regime di potenza massima: 9800 giri/min
Coppia: 101 Nm
Regime di coppia max: 8800 giri/min
Velocità max: 275 km/h
Cambio: 6 marce
Trasmissione finale: catena
Avviamento: elettrico
Ciclistica: Telaio traliccio
Materiale telaio: acciaio
Freni anteriori: numero 2
Freni anteriori: tipo disc0
Diametro freni anteriori: 320 mm
Freno posteriore: tipo disco
Diametro freno posteriore: 220 mm
Cerchio anteriore: 3,50×17
Cerchio posteriore: 5,50×17
Pneumatico anteriore: 120/70-17
Pneumatico posteriore: 180/55-17

Dimensioni
Peso: 179 kg
Lunghezza: n.d. cm
Larghezza: n.d. cm
Altezza sella: 81 cm
Interasse: 1420 mm
Capacità serbatoio: 20 l

 

[alpine-phototile-for-flickr src=”set” uid=”90162020@N05″ sid=”72157633941881911″ imgl=”fancybox” dltext=”Flickr” style=”bookshelf” row=”4″ size=”240″ num=”30″ align=”center” max=”100″ nocredit=”1″]

 

Ruggero Terlizzi


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Ruggero Terlizzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *