Pirelli e Magneti Marelli insieme per la sicurezza su strada

In occasione del Gran Premio di Formula 1 del Brasile, Pirelli ha presentato a San Paolo il nuovo sistema Cyber Fleet per i veicoli industriali. Grazie a sensori elettronici applicati sulle superfici interne degli pneumatici e a una scatola telematica

Cyber Fleet PirelliIn occasione del Gran Premio di Formula 1 del Brasile, Pirelli ha presentato a San Paolo il nuovo sistema Cyber Fleet per i veicoli industriali. Grazie a sensori elettronici applicati sulle superfici interne degli pneumatici e a una scatola telematica che ne raccoglie i dati e li trasmette a un’infrastruttura centrale, il sistema è in grado di monitorare costantemente lo stato degli pneumatici, segnalandone in tempo reale – con un applicativo internet – i principali parametri di funzionamento (pressione, temperatura) all’autotrasportatore o ai gestori di flotte di veicoli industriali.
Magneti Marelli contribuisce al Sistema Cyber Fleet fornendo la scatola telematica per la raccolta e la trasmissione dei dati in tempo reale.
Il monitoraggio abilitato dal Sistema Cyber Fleet offre vantaggi concreti in termini di consumi e sicurezza, in quanto lo stato degli pneumatici e, in particolare, la pressione di gonfiaggio, hanno un impatto decisivo sulla resistenza al rotolamento e sull’usura, determinando variazioni sensibili in termini di consumo carburante, controllo del veicolo, spazi di frenata e durata delle coperture. Quindi il sistema consente, in ultima analisi, una concreta ottimizzazione dei costi di gestione delle flotte dei veicoli industriali. La commercializzazione del Sistema Cyber Fleet viene avviata ora in Brasile e poi progressivamente sarà estesa negli altri paesi del Sud America.
Nell’ambito del sistema Cyber Fleet, la scatola telematica di Magneti Marelli riceve una grande quantità di dati dai sensori applicati sui singoli pneumatici, implementando gli algoritmi che consentono di individuare eventi come la rapida perdita di pressione di una gomma (foratura), il basso livello di pressione, l’alta temperatura e il livello di efficienza degli pneumatici. La telematic-box genera quindi segnalazioni di malfunzionamento o allarmi e li invia al centro di assistenza Pirelli.
Oltre alle informazioni fornite dal sistema Cyber Fleet, la scatola telematica di Magneti Marelli è parallelamente e potenzialmente in grado di fornire informazioni quali il tracciamento satellitare del veicolo, il monitoraggio dello stile di guida dell’autista ed il rilevamento degli urti, fornendo quindi al gestore della flotta anche la possibilità di avere perfettamente sotto controllo il suo parco mezzi circolante.
Magneti Marelli opera dai primi anni 90 nell’ambito soluzioni telematiche finalizzate ai veicoli “intelligenti” e “connessi” e in generale alla mobilità sostenibile.
La “scatola telematica” (o telematic box) è una centralina elettronica che integra un modulo GSM/GPRS per la connessione wireless con le reti di comunicazione, un modulo multi-costellazione GPS/Galileo/Glonass, per la localizzazione satellitare del veicolo e un accelerometro a 3 assi per rilevare i parametri di accelerazione e frenata associati alla direzione.
Un dispositivo come la scatola telematica, in grado contemporaneamente di rilevare la posizione e i dati di funzionamento del veicolo e di inviare e ricevere informazioni dall’esterno grazie al modulo GSM, può assolvere a molteplici funzioni: controllo e protezione del veicolo la vettura (tracking); informazioni su traffico, viabilità, parcheggi, zone a traffico limitato; pagamento eventuale di pedaggi (e-toll); comportamento e diagnosi a distanza del veicolo (telediagnosi); gestione della logistica e delle flotte dei veicoli industriali; “scatola assicurativa”; chiamata automatica di emergenza (e-call per gestione tempestiva dei soccorsi); utilizzo in condivisione dei veicoli (car pooling).
Oltra alla produzione vera e propria della scatola telematica, Magneti Marelli, grazie al suo perimetro di attività e competenze, può coprire anche altri aspetti della catena del valore, come ad esempio l’installazione e la manutenzione della scatola stessa, grazie alla sua presenza in ambito aftermarket, con la propria rete capillare di assistenza e officine.
Lo sviluppo della telematica, che vede coinvolti vari attori in una complessa catena del valore (costruttori di veicoli, fornitori di componenti e sistemi, fornitori di infrastrutture, fornitori di servizi e contenuti) è mirato a fornire risposte tecnologiche ai nuovi bisogni e paradigmi della Mobilità del XXI secolo: l’esigenza stringente è quella di ottimizzare le risorse e di creare concretamente un sistema di mobilità sostenibile, innanzitutto attraverso la gestione intelligente dei flussi di traffico, dei percorsi e della logistica e il monitoraggio dell’utilizzo dei veicoli, finalizzato alla riduzione di consumi, emissioni e costi di esercizio.

Redazione






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *