Nuova 500X Cross Mirror, tutte le info in breve

Dedicata a un pubblico attento alla tecnologia, la nuova Mirror offre di serie il sistema UconnectTM 7” HD LIVE touchscreencon predisposizione Apple CarPlay e compatibilità Android AutoTM.

Non mancano i fari Full LED e tutte le innovazioni della nuova 500X lanciata lo scorso settembre, oltre a particolari satinati che ne valorizzano ulteriormente il design.

Mopar® Connect: l’innovativo set di servizi connessi dedicati alla sicurezza e al controllo remoto del veicolo.

Leader nel segmento nel 2018

500X nel 2018 in Italia con circa 50.000 immatricolazioni e una quota del 17,2 percento è stata leader nel suo segmento e la seconda vettura più venduta in assoluto. In Europa nei primi undici mesi del 2018, il crossover italiano si è confermato nella top ten della sua categoria.

Porte aperte dedicato in tutti gli show room Fiat nei fine settimana del 19-20 gennaio e 26-27 gennaio.

Nuova gamma Fiat 500X da 15.500 Euro.

Audi e-tron, batteria e tecnologia di ricarica che guardano al futuro

Con il primo modello di serie a propulsione esclusivamente elettrica, Audi si è trasformata da classica Casa automobilistica a fornitore di sistemi per la mobilità. Complici le molteplici soluzioni di ricarica domestiche e durante i tragitti, il Cliente viaggia a zero emissioni senza scendere a compromessi.

Batterie ad alto voltaggio: 95 kWh di energia

La batteria di Audi e-tron può accumulare 95 kWh di energia elettrica a una tensione nominale di 396 Volt. Porta in dote, come accennato, un’autonomia superiore a 400 chilometri, misurati secondo il realistico ciclo di marcia WLTP. Collocata sotto la cellula abitacolo, è lunga 2,28 metri, largo 1,63 m e alta 34 cm. La batteria, nel dettaglio, è costituita da 36 moduli di celle che si presentano come alloggiamenti in alluminio a forma di parallelepipedo, grandi all’incirca come una scatola da scarpe. Ogni modulo contiene dodici celle “pouch” (a sacchetto), dotate di un rivestimento esterno flessibile in materiale plastico rivestito in alluminio. Queste celle garantiscono una lunga durata a fronte di una maggiore densità di potenza ed energia. Le celle possono cedere e assorbire energia in modo continuo e riproducibile lungo un ampio intervallo di temperatura e carica. In futuro Audi utilizzerà per il proprio concept modulare delle celle prismatiche, equivalenti dal punto di vista tecnico, anche in vista di una strategia di approvvigionamento presso più fornitori.

I moduli di celle di Audi e-tron

I moduli di celle di Audi e-tron possono erogare e accumulare energia in un ampio range di temperature e condizioni di marcia. Nonostante un packaging molto compatto, possono contare su di un livello molto elevato di densità di potenza ed energia. In virtù della composizione chimica presente al proprio interno, le celle sono in grado di sopportare elevate sollecitazioni termiche e reagiscono in misura inferiore rispetto alle celle tradizionali. Conseguentemente, il pericolo d’incendio è minimo anche in caso di grave danneggiamento.

Il sistema di raffreddamento della batteria è situato esternamente alla scatola della batteria stessa, sotto il vano celle. Vano la cui struttura è costituita da profilati estrusi in alluminio piatti, suddivisi in piccole camere dette microport. Un innovativo adesivo termicamente conduttivo unisce l’unità di raffreddamento alla scatola della batteria. Il contatto fra i moduli di celle e la scatola è realizzato tramite il cosiddetto gap filler, un gel anch’esso termicamente conduttivo che viene pressato sotto ogni modulo. Questo gel costituisce una soluzione particolarmente efficiente, dato che trasmette uniformemente alla scatola della batteria il calore proveniente dalle celle, per poi cederlo al liquido di raffreddamento.

Gestione della batteria e di tutti i parametri

Il Battery Management Controller (BMC) esterno, alloggiato all’interno della cellula abitacolo di Audi e-tron, si occupa della gestione della batteria e di tutti i parametri di funzionamento (ad esempio lo stato di carica, l’erogazione di potenza e la gestione termica). Il BMC comunica con le centraline dei motori elettrici e con i controller dei moduli di celle (CMC), ciascuno dei quali monitora la corrente, la tensione e la temperatura dei citati moduli. Il Battery Junction Box (BJB), che integra i relè e i fusibili dell’alto voltaggio, costituisce l’interfaccia elettrica con la vettura e si trova nella zona anteriore del sistema batteria, ospitato in un alloggiamento in alluminio pressofuso. Lo scambio di dati fra il BMC, i CMC e il BJB avviene mediante un sistema bus dedicato.

Audi e-tron, la ricarica a casa: di serie a 11 kW, a richiesta a 22 kW

Sono molteplici le soluzioni per ricaricare Audi e-tron nel garage di casa. Il sistema di ricarica compact è incluso nella dotazione di serie. Questo sistema può essere collegato direttamente a una presa standard. A tal fine sono previsti due diversi cavi elettrici: uno per prese domestiche da 230 Volt con potenza di ricarica fino a 2,3 kW e l’altro per prese trifase da 400 Volt con potenza sino a 11 kW. Con quest’ultimo cavo la batteria di Audi e-tron si ricarica completamente in circa otto ore e mezza. Come soluzione di livello superiore, Audi propone in opzione il sistema connect che permette di operare fino a 22 kW. Per questa soluzione è necessario un secondo dispositivo di carica a bordo dell’auto, disponibile nel corso del 2019. L’App myAudi permette di gestire comodamente tutte le operazioni da remoto.

Audi e-tron, sistema connect

Il sistema connect permette di ricaricare Audi e-tron con la massima potenza consentita dall’impianto elettrico di casa e dall’auto. A tal fine, il sistema tiene conto delle altre utenze collegate alla rete domestica, evitando il sovraccarico dell’impianto e quindi l’attivazione del salvavita. In aggiunta, il Cliente può beneficiare della flessibilità delle tariffe dell’energia elettrica: può, ad esempio, ricaricare la batteria nelle fasce orarie in cui l’energia costa meno. Qualora l’abitazione disponga di un impianto fotovoltaico, Audi e-tron può attingere in modo preferenziale alla corrente prodotta in loco, adattando il proprio fabbisogno alle fasi di irraggiamento solare.

App myAudi: la gestione da remoto

L’App myAudi permette di gestire comodamente tutte le operazioni da remoto. Il Cliente può pianificare i processi di carica e la pre climatizzazione di Audi e-tron. Nello specifico, è possibile impostare un timer per l’ora di partenza così che Audi e-tron sia carica e/o pre climatizzata per l’ora desiderata. A questo proposito, il Cliente può regolare a proprio piacimento la temperatura per determinate zone dell’abitacolo: nei giorni freddi, ad esempio, può attivare il riscaldamento del sedile o del volante. In aggiunta, l’App mostra i dati di marcia e quelli relativi alla carica. La comunicazione con l’auto avviene tramite il modulo LTE integrato, di cui Audi e-tron è dotata sin dall’equipaggiamento di serie.

La ricarica durante il tragitto: fino a 150 kW

Audi e-tron è la prima vettura elettrica di serie ricaricabile con potenze fino a 150 kW. Grazie alla potente batteria ad alta tensione, il SUV elettrico vanta, come accennato, un’autonomia superiore a 400 chilometri, misurati secondo il realistico ciclo di marcia WLTP. Conseguentemente, nel normale utilizzo quotidiano non sono solitamente necessarie soste alle colonnine di ricarica. Nelle lunghe percorrenze, ad esempio durante una vacanza, il Cliente può rifornirsi presso le colonnine di ricarica conformi allo standard europeo Combined Charging System (CCS).

Audi e-tron attinge a fonti a ricarica continua

In questo modo Audi e-tron attinge a fonti a ricarica continua con potenza sino a 150 kW – un primato assoluto – ed è pronta ad affrontare la successiva tappa del viaggio in meno di mezz’ora, forte dell’80% di autonomia. Un obiettivo cui concorre il sistema di gestione termica della batteria agli ioni di litio particolarmente avanzato. Entro la fine del 2018, grazie alle rete di Ionity saranno presenti in tutta Europa 200 stazioni High-Power-Charging (HPC). Entro il 2020 è prevista l’installazione di 400 stazioni, a 120 km di distanza una dall’altra, lungo le autostrade e le principali arterie viarie. Il Gruppo Volkswagen promuove l’ampliamento della rete HPC insieme ad Audi e Porsche, a BMW Group, a Daimler AG e a Ford Motor Company. Al di fuori di questa joint venture stanno comunque nascendo in Europa altri punti di ricarica compatibili con lo standard HPC.

Oltre che mediante la ricarica rapida a corrente continua, durante i tragitti il SUV elettrico può essere ricaricato grazie alla corrente alternata su colonnine AC, con potenza standard fino a 11 kW o, optando per un secondo charger, a 22 kW. La vettura è connessa alle colonnine mediante un cavo con connettore di tipo 3. Circa il 95% delle stazioni di ricarica europee è conforme a questo standard.

Audi proporrà ai Clienti un accesso semplificato a circa l’80% delle colonnine

Per il debutto sul mercato, Audi proporrà ai Clienti un accesso semplificato a circa l’80% delle colonnine mediante un proprio servizio di ricarica, denominato Audi e-tron Charging Service. Diverrà così possibile disporre di oltre 70.000 punti di ricarica pubblici in Europa.

A corrente alternata come a corrente continua, a 11 kW come a 150 kW, per un “pieno” d’energia sarà sufficiente un’unica scheda. Il trasferimento dati avverrà mediante la tecnologia RFID (Radio Frequency Identification), mentre molteplici colonnine verranno attivate semplicemente mediante la scansione di un QR code. Per accedere al servizio, il Cliente dovrà registrarsi nel portale myAudi e sottoscrivere un contratto di ricarica individuale. La fatturazione avverrà in modo automatizzato, senza strumenti di pagamento fisici. Con la funzione Plug & Charge, al debutto nel 2019, il procedimento diverrà ancora più immediato: l’auto otterrà l’autorizzazione automaticamente alla colonnina di ricarica e avvierà l’operazione senza bisogno di alcuna scheda.

Il processo di ricarica: intuitivo e immediato

Il processo di ricarica di Audi e-tron inizia con la pressione del pulsante dedicato: lo sportello motorizzato in corrispondenza del passaruota lato guidatore si solleva rivelando il connettore, illuminato da una luce bianca a LED. Un secondo LED indica lo stato dell’attività. Una luce verde, ad esempio, segnala che la ricarica è in corso qualora pulsante, completa qualora fissa. Quando il cavo di ricarica viene disconnesso, lo sportello si chiude automaticamente entro 5 secondi. In abbinamento al secondo dispositivo di carica a bordo dell’auto, Audi prevede un ulteriore connettore lato passeggero per la ricarica a corrente alternata (AC).

Come si controlla l’olio nell’auto

In fase di manutenzione della propria auto, è necessario ed essenziale ricordarsi di fare un controllo al livello dell’olio motore per verificare se ci sia bisogno di aggiungerne altro oppure di sostituirlo.

E’ importante, infatti, che il livello dell’olio non sia basso perché questo può causare danni (anche gravi) al motore o non permetterne  il corretto funzionamento.

L’olio motore, infatti, ha queste funzioni:

  • permettere la lubrificazione di tutti gli elementi presenti nel motore;
  • garantire il raffreddamento del motore;
  • assicurare la pulizia di tutti i componenti ed eliminare eventuali residui.

I modelli più nuovi di auto, avvisano l’automobilista quando sia necessario controllare e rabboccare l’olio motore, mediante una spia. Comunque, periodicamente è molto semplice verificare il livello dell’olio: fermare l’auto su una superficie piana con freno a mano tirato, a motore spento e freddo ed estrarre l’asta del livello dell’olio.

Pulirla con un fazzoletto e reinserirla nella “boccetta” dell’olio, per poi estrarla di nuovo e controllare che il livello sia compreso fra la tacca inferiore e quella superiore; se è sotto il livello minimo sarà necessario un rabbocco.

Come e dove si controlla

In particolare, se si sono percorsi meno di 15000 km, sarà necessario fare solo un rabbocco oppure verificare che non ci siano problemi tecnici.

Nel fare questa operazione di aggiunta è necessario scegliere l’olio motore compatibile con la propria auto (si trovano tutte le informazioni necessarie sulla carta di circolazione).

Se nell’olio compaiono delle macchie bianche, vorrà dire che c’è un guasto al motore che necessita di un controllo da parte di un meccanico. Infatti, di solito, per le auto a benzina è bene sostituire l’olio ogni 15000 km mentre per quelle a diesel, ogni 30000 km; comunque non sforare mai i due anni dalla vecchia sostituzione.

Per la sostituzione dell’olio, meglio affidarsi a dei professionisti che provvederanno a svuotare l’olio vecchio e allo smaltimento dello stesso.

Come si controlla il filtro dell’aria dell’auto

Il filtro dell’aria è una componente essenziale per ogni auto, infatti, questo garantisce il buon funzionamento del motore: un filtro dell’aria pulito, permette ad aria pulita di raggiungere il motore. Se è sporco, questa aria pulita non raggiungerà il motore, compromettendolo, è quindi fondamentale che il filtro venga pulito o cambiato durante la manutenzione dell’auto.

Il filtro dell’aria si trova in una posizione che ne agevola l’estrazione per poterlo sostituire, infatti, è posizionato nella testata del motore in una scatola di plastica che impedisce l’infiltrazione di materiale esterno.

Ma come si controlla?

Quindi, basterà identificare questa scatola ed estrarre il filtro dell’aria vecchio e pulire sia la scatola, per eliminare polvere e detriti, sia ovviamente accertarsi che il filtro possa essere semplicemente pulito oppure sostituito ex novo.

La pulizia e la manutenzione del filtro dell’aria, deve essere fatta periodicamente per non incorrere in alcuni problemi come:

  • un consumo del motore;
  • mal funzionamenti di valvole e iniettori, perché intasati;
  • mal funzionamento della valvola a farfalla.

Ci sono tre tipi di filtri dell’aria:

  • di forma piana (di carta o cotone);
  • di forma circolare (di carta o cotone), per le auto di grossa cilindrata;
  • in spugna, per le motociclette.

Come vengono puliti

Nel caso di filtri di carta, è sufficiente pulirli con un getto d’aria, facendo molta attenzione perché sono i più delicati.

Se invece sono di cotone, si possono lavare con prodotti adatti e riutilizzarli; quelli di spugna, infine, vanno immersi in acqua con uno sgrassatore specifico, poi sciacquati e fatti asciugare. In linea di massima, la sostituzione del filtro dell’aria va fatta ogni 15000/20000 km ma ovviamente dipenderà anche dal tipo di strada percorsa o dalla zona in cui viene parcheggiata in genere l’auto.

Se non si è in grado di sostituire il filtro dell’aria da soli, ci si può rivolgere ad un professionista che svolgerà il lavoro al prezzo di 30 euro (a cui si aggiunge anche la manodopera).