Sta tornando per continuare una storia di 100 anni: Garelli is back!

Sta tornando per continuare una storia di 100 anni: Garelli is back!

Garelli è una delle prime e più innovative case motociclistiche italiane. Viene fondata a Milano il 25 ottobre 1919 da Adalberto Garelli

Garelli è una delle prime e più innovative case motociclistiche italiane. Viene fondata a Milano il 25 ottobre 1919 da Adalberto Garelli un giovane ingegnere particolarmente intraprendente.

Nel 1912 Garelli brevetta il suo primo progetto: il motore a due tempi a cilindro sdoppiato, due anni dopo lo inserisce all’interno del prototipo “350” e per testarne le funzionalità raggiunge il passo del Moncenisio a 1925 metri di altezza.

Durante i conflitti mondiali Garelli subisce varie trasformazioni e con la fine del secondo vengono richiesti mezzi di trasporto più economici che possano favorire la ripresa economico-sociale del Paese. Garelli può così tornare a progettare nuovi modelli di motocicli. 

Le icone

1946: il Mosquito 38-A
Semplicemente un motore ausiliario da poter applicare ai telai delle proprie bici.
Il Mosquito riscuote un grande successo grazie alla semplicità, la compattezza e l’economicità d’uso.

Il Mosquito 315
Dopo l’enorme successo del Mosquito Garelli decide di avviare la produzione di un motore integrato ad un proprio telaio: nasce il Mosquito 315.

La produzione di ciclomotori viene negli anni successivi affiancata a quella di moto da competizione, negli anni ‘80 Garelli è protagonista nelle più importanti gare nazionali ed internazionali, conquistando  51 Gran premi e 5 titoli mondiali Costruttori.

Garelli oggi

Garelli ha scelto come palcoscenico del proprio ritorno EICMA, nella città di Milano dove 99 anni fa tutto è iniziato, per presentare le sue e-bike e ciclomotori 100% elettrici.

A rilanciare il marchio è la società Armony, azienda specializzata nella produzione di biciclette elettriche, che ha siglato con Finsec, che dal 2006 aveva in portafoglio Garelli, un contratto d’affitto che ne prevede l’acquisto finale.
Garelli va così ad arricchire l’offerta di Armony, azienda guidata da Andrea Casadei e Giacomo Galeazzi, entrambi imprenditori di Riccione, che da 15 anni opera nel settore delle e-bike. Casadei e Galeazzi, tra l’altro, sono in società con Maurizio Setti, titolare della griffe Manila Grace nonché presidente della società di calcio Hellas Verona.

«La scelta è caduta su Garelli – spiega una nota – vista la volontà di acquisire un marchio dal grande valore storico allo scopo di innalzare ulteriormente il posizionamento di Armony. Ma l’impegno è soprattutto quello di mantenere vivo un pezzo di storia delle due ruote in Italia.
Dopo il dialogo avviato con Finsec lo scorso luglio l’operazione ha subito una forte accelerazione e nei giorni precedenti EICMA è stato sottoscritto davanti a un notaio l’accordo definitivo.

Garelli punta anche all’elettrico

Il piano industriale, che è già operativo, prevede uno sviluppo strutturato in 2 diversi ambiti: motociclo ed e-bike.

Il Ciclone, un ciclomotore 100% elettrico, verrà realizzato in quattro allestimenti tra i quali uno vintage. Il Ciclone sarà un veicolo green con telaio in alluminio, motore Bosch e batteria Samsung agli ioni di litio; autonomia fino a 120 chilometri e ricarica della batteria in 3-4 ore. Verrà realizzata anche una collezione di e-bike, che è stata presentata in anteprima sempre ad EICMA, composta da mtb, trekking e city bikemotorizzate con i motori della tedesca Bosch o dell’italiana OLI.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *