A Ginevra c’è spazio per il made in Italy


Salone di Ginevra

Ancora un’edizione da record per il Salone di Ginevra 2018, che ha superato gli 800 mila visitatori incrementando i risultati dello scorso anno e ha messo in vetrina alcune delle principali produzioni italiane, confermando un solido legame con il nostro Paese.

Gli italiani a Ginevra. Lo ha ricordato anche Maurice Turrettini, presidente del Salone Internazionale dell’Auto di Ginevra, che in una intervista ha sottolineato come ci sia una incidenza di circa il 10 per cento di nostri connazionale sul totale dei visitatori presenti all’evento; in pratica, un biglietto ogni dieci viene acquistato da appassionati di auto che arrivano dal Belpaese, anche per la vicinanza geografica con la città svizzera.

Leggi anche: Saloni auto

Non solo Ferrari e Lamborghini. Come dicevamo, l’Italia è stata protagonista anche (e soprattutto) dal punto di vista dei modelli in mostra, presentandosi a Ginevra al meglio della propria forma, a cominciare dalla Ferrari 488 Pista e dalle Lamborghini e passando per tante altre vetture made in Italy, come ci hanno raccontato anche gli aggiornamenti di LaTuaAuto attraverso la sezione informazioni per auto, in cui sono raccolti gli articoli sulle ultime novità a quattro ruote.




Un contesto variegato. Le Case produttrici italiane hanno saputo soprattutto approfittare di un contesto internazionale favorevole, che vede i colossi tedeschi alle prese con tutte le problematiche legate ai vari livelli del dieselgate, i due blocchi francesi impegnati (e forse più interessati) a rivaleggiare tra loro con mosse simili nei vari segmenti, i cinesi e gli indiani ancora alla ricerca di una identità internazionale e gli inglesi che, come da tradizione, si arroccano nella difesa del loro heritage di costruttori di modelli sportivi o di lusso.

Il meglio del made in Italy. E così, il made in Italy ha attraversato in maniera trasversale gli spazi del Salone di Ginevra, conquistando consensi sia sul versante della realizzazione “completa” che su quello del design e della componentistica: ne sono esempi la elegante berlina Sybilla disegnata dal maestro Giorgetto Giugiaro e da suo figlio Fabrizio per la cinese Envision, o la gran turismo elettrica HK GT commissionata dai cinesi a Pininfarina, o ancora le eccellenze tecnologiche di Pirelli e Brembo, che trovano “accoglienza” con pneumatici e impianti frenanti sulle auto più esclusive e potenti al mondo.

Le supercar tricolore. Tornando alle auto in vetrina, ovviamente grande apprezzamento ha ricevuto la Ferrari 488 Pista, la più estrema delle supercar stradali di Maranello grazie al propulsore V8 più potente mai realizzato finora dai tecnici italiani, capace di erogare 720 cavalli e 770 Nm di coppia. Anche la storica rivale del Cavallino Rampante ha partecipato al Salone con un’auto da sogno opportunamente rivisitata, ovvero la Lamborghini Huracan Performante Spyder, versione a cielo aperto del già apprezzatissimo modello di Sant’Agata Bolognese.

I numeri del Salone di Ginevra. A tracciare un bilancio è ancora Maurice Turrettini, che innanzitutto difende l’unicità della kermesse di Ginevra sottolineando la caratteristica vincente della manifestazione, dovuta al fatto che “in Svizzera non ci sono case automobilistiche e, dunque, questo è un territorio neutrale in cui non si fanno favori o torti a nessuno”. Ma il vero punto di forza è la possibilità di vedere da vicino i nuovi modelli (uscendo fuori dalla “virtualità” tecnologica, per quanto avanzata) e la vastità dell’offerta del Salone: “quest’anno abbiamo messo in mostra 900 modelli, 89 prime mondiali e 21 europee, e credo proprio che la volta prossima andrà ancora meglio per merito dei ragazzi” perché, come conclude Turrettini, “loro vedono le macchine in un modo diverso rispetto ai padri, sono attratti più dalle nuove tecnologie che dalle super-potenze, ma l’interesse c’è ed è per questo che resto molto ottimista”.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*