L’emozionante quarta tappa del Motorsannio Tour


La quarta tappa del Motorsannio Tour ha avuto come cornici delle emozioni vissute dai partecipanti le bellezze dell’Umbria, della Toscana e del Lazio.

 

Terre e paesaggi che hanno emozionato i cuori di chi, come pilota o passeggero, ha partecipato al giro in moto organizzato dalla Motorsannio. Chi vi scrive vi ha preso parte e devo ammettere che a deliziarmi sono stati non solo i luoghi che Enzo, Raoul, Massimo e Francesco hanno scelto come tappe da raggiungere, ma anche le persone che hanno fatto parte della carovana che da Calvi, su due ruote, ha raggiunto il cuore dell’Italia.

Donne e uomini carichi di passione, storia, cultura e voglia di vivere il mondo nel modo più bello, ossia in sella alla propria moto. Un mix che mi ha arricchito sia come uomo sia come centauro.

 

 

Tra i ricordi più belli c’è stata Siena, che con le sue strade e vicoli, ha permesso un salto indietro nel tempo di secoli. Il suo centro storico, patrimonio dell’Unesco, conserva, infatti, il proprio fascino medievale. Praticamente l’intero centro storico è stato percorso con il naso all’insù e Piazza del Campo è stata la classica ciliegina su una torta farcita di arte e cultura.

 

Che dire, poi, di San Gimignano, famoso borgo medievale dalle belle torri? Il suo centro storico, dichiarato patrimonio mondiale dell’umanità, è una sorta di medioevo “congelato” dal punto di vista urbanistico e architettonico.

 

Cortona, poi, con i suoi monumenti ha fatto capire perché è il principale centro culturale e turistico della Val di Chiana.

 

Le Cantine Avignonesi, grazie ai suoi profumi ed alla passione dei dipendenti, hanno mostrato come si può trasformare della semplice uva in qualcosa di divino al palato. Romantico e emozionante, infine, il saluto fatto dalla gioiosa carovana a Castiglion Fiorentino intorno al monumento dedicato al campione Fabrizio Meoni, vincitore di due Parigi-Dakar.

 

Insomma la quarta tappa del Motorsannio Tour è stata un qualcosa che è andato oltre un semplice giro in moto. Ha rappresentato un punto di incontro tra persone diverse che nutrono lo stesso amore per le il turismo in moto, il tutto condito da quella giusta dose di professionalità, goliardia e interesse per il motociclismo da parte degli organizzatori.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*