Che differenza c’è tra auto a km 0 e auto usate?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
auto

Davanti a una scelta d’acquisto i dilemmi non mancano mai: vivendo in un’epoca in cui le opzioni possibili sul mercato sono talmente tante, e spesso così simili tra loro da creare confusione, è importante impadronirsi di quante più informazioni possibili per non farsi cogliere impreparati e ridurre le incertezze al minimo. Se questo vale per le piccole compere, figurarsi per l’acquisto di un’automobile, soprattutto in un periodo storico in cui è diventato fondamentale ponderare ogni decisione. Data l’attuale crisi del settore automotive per la produzione delle nuove vetture, in tanti hanno optato per auto usate o a km 0, sia per questioni di convenienza che per necessità di disporre nell’immediato del mezzo. Tuttavia non a tutti è chiara la differenza tra le due tipologie.

Auto a km 0 e usate: una differenza sottile

Buona parte dei compratori di solito entra in una concessionaria, se non vuole prendere una macchina nuova, con l’intento di acquistare un’auto usata. Può accadere però che un venditore gli proponga una vettura a km 0, scombinandogli le idee. Effettivamente non è semplice capire quale sia la differenza che intercorre, forse perché è molto labile e una chilometro zero, dal punto di vista tecnico, può definirsi un veicolo nuovo a pieno titolo, anche se ha un prezzo vantaggioso come potrebbe essere quello di una macchina usata. Inoltre è già immatricolata e intestata alla concessionaria, la quale l’acquista dalla casa madre per far sì che il marchio mantenga una certa quota di mercato o perché sta per uscire un nuovo modello e occorre esaurire lo stock precedente. Inoltre sul contachilometri l’auto a km 0 non può segnare più di un centinaio di chilometri, altrimenti rientrerebbe a pieno titolo nella categoria usato.

Mercato km 0: quando ha preso piede?

Se le caratteristiche di una vettura a km 0 sono difficili da inquadrare, anche l’analisi del mercato di riferimento risulta complicata, tanto che stilare classifiche o fornire dati ufficiali è quanto mai arduo, soprattutto perché tracciare i confini di quello che a tutti gli effetti potrebbero essere definito un “terzo mercato”, accanto a quello dei modelli nuovi e usati, è quasi impossibile visto che, trattandosi di veicoli già immatricolati, quelli venduti in Italia vengono calcolati insieme alle nuove immatricolazioni. Nelle concessionarie invece le distinzioni si sono fatte col tempo sempre più nette, tanto che ormai tantissime dispongono di un reparto dedicato al chilometro zero, soprattutto nel nord Italia, ad esempio si possono trovare diverse auto km 0 a Bergamo, anche perché l’acquisto è particolarmente diffuso nelle grandi città, incluso il capoluogo di provincia lombardo. Guardando al passato, il momento in cui questa tipologia è stata introdotto per la prima volta sul territorio nazionale è sul finire degli anni ’90. La ragione per cui si sono cominciate a vendere è presto chiara: i clienti risparmiano e possono disporre di una vettura praticamente nuova, mentre i concessionari e i costruttori hanno la possibilità di ampliare l’offerta e vendere più auto, oltre che, soprattutto per quanto riguarda le concessionarie, smaltire in maniera celere i modelli precedenti per dare spazio a quelli di nuova produzione.

Auto a km 0 vs auto usate

Addentrandosi maggiormente nel confronto tra macchine con chilometraggio zero e auto usate è possibile constatare subito una cosa: l’auto usata rappresenta una scommessa. C’è sempre una percentuale di rischio da considerare quando si acquista un modello usato, mentre con un veicolo a km 0 l’azzardo è minimizzato, senza contare che è presente la garanzia della casa madre nonostante non rientri nella categoria nuovo. Sicuramente il prezzo di un km 0, benché scontato, risulterà sempre più alto di quello applicato a un veicolo usato, ma tale costo sarà giustificato delle condizioni praticamente pari al nuovo di tutte le componenti. Acquistando una macchina usata inoltre c’è la possibilità di incappare in spese accessorie o aggiuntive, dovute a manutenzioni straordinarie che, quando si ha a che fare con vetture del genere, vanno sempre tenute in conto. Tutti aspetti quest’ultimi che possono rivelarsi complicati da gestire se la trattativa viene effettuato con un privato, persona che potenzialmente non si conosce e sulla quale diventerebbe difficile rivalersi in caso di problemi al veicolo. Ecco perché è consigliabile affidarsi ai concessionari, presso i quali potrebbe essere possibile anche ottenere una certa garanzia per l’usato, anche se per avere garanzie ancora maggiori sarebbe meglio puntare sulle vetture km 0. Inoltre, in un acquisto tra privati, potrebbe essere più ostico ricostruire la vita dell’auto.
Un ultimo tratto comune tra la categoria usato e quella a chilometro zero è l’impossibilità di scegliere colore, allestimento e optional del veicolo: in entrambi i casi bisogna accontentarsi delle proposte offerte, anche se è probabile che le km 0, essendo esposte in salone, siano dotate di tutti gli accessori possibili per attrarre i potenziali acquirenti.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *