ZERO DsrX, l’avventura si fa elettrizzante

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
ZERO DsrX

Il segmento delle Crossover si arricchisce oggi, con la neonata in casa ZERO Motorcycles, la DsrX, modello di cui se ne era già cominciato a parlare già dal 2020, quando è stato depositato inizialmente il marchio.

Se si frequentano i forum degli Owners del Brand americano, si capisce che c’è un grande grado di soddisfazione sui vari modelli, sia per qualità costruttiva che per assistenza post-vendita.

Il mercato impone le sue regole

Ma il mercato impone le sue regole, ed oggi più che mai, il settore delle maxi-enduro è sicuramente uno dei settori trainanti nel mondo delle due ruote.

 ZERO Motocycles ,  il guanto di sfida l’ha colto , e dopo una gestazione di un paio di anni, arriva disponibile nei concessionari la sua prima moto Adventure, modello che nasce per accontentare gli appassionati dei viaggi OnRoad,  e che amano anche spingersi ad esplorare i territori più selvaggi in Off-Road..

Cosa mi è piaciuto

🟢 – Estetica molto curata e moderna;

🟢 – Motore capace di sviluppare ben 225 Nm di coppia, puro divertimento;

🟢 – Pacchetto tecnologico di riferimento;

🟢 – Ciclistica, un ottimo bilanciamento tra efficacia e confort;

🟢 – Facile regolazione anche in movimento, del parabrezza con due pomelli laterali.

🟢 – Retromarcia per agevolare le manovre di parcheggio;

🟢 – Vehicle Hold Control per le partenze in salita.

Cosa non mi è piaciuto

🔴 – Assenza del freno di stazionamento per i parcheggi in pendenza;

🔴 – ABS posteriore un po’ invasivo, che a volte tende a dar una sensazione di allungo.

Saliamo in Sella, ma prima la gallery

Già dalla prima presa di contatto, salta all’occhio anche in questo nuovo modello, come ZERO Motorcycles , abbia mantenuto elevate le proprie qualità costruttive. Nulla è lasciato al caso, e tutto risulta perfettamente in odine, regalando una percezione di estrema cura e pulizia negli assemblaggi.

Saliti a bordo e girata la chiave, troviamo ad accoglierci un modernissimo e grande cruscotto TFT a colori da 5 pollici con connettività integrata.

Con pochi e semplici gesti si va a selezionare una delle 5 mappe programmate (Eco, Rain, Street, Sport e Canyon). Attraverso la App dedicata è inoltre possibile costruirsi una serie di profili utente personalizzati per il proprio gusto di guida, compreso quello specifico per l’utilizzo in Off-road.

L’ampio manubrio, sebbene un po’ alto (ottimo per la guida in piedi),  infonde una grande sensazione di comando, e si pone perfettamente nella triangolazione con sella e pedane, per regalare una efficace posizione a bordo.

Per quanto riguarda la sella, questa standard è posta da 828mm e permette di toccare saldamente a terra con entrambi i piedi anche a chi non supera i 175cm, ma ne esistono a catalogo anche una più bassa ad 805mm. ed una più alta a 865mm.

Per quanto riguarda la ciclistica l’azienda americana conferma quanto di buono già proposto in altre versioni, ed inserisce ad hoc qualche peculiarità, adottando un nuovo telaio a traliccio in acciaio, ed un forcellone oscillante, entrambi studiati per essere più resistenti ad affrontare le escursioni in OFF-Road.

Il reparto sospensioni vede una forcella a steli rovesciati da 47mm., ed un monoammortizzatore da 46mm., completamente regolabili e rigorosamente marchiati Showa, e che offrono una escursione di 190 mm.

Da riferimento è l’aggiornato sistema Chyper III+ , un vero e proprio cervello sviluppato da ZERO Motorcycles, che interagisce perfettamente con tutti gli altri sistemi elettronici presenti sulla moto, tra cui il M.S.C (Motorbike Stability System) di Bosch, per regalare al pilota il massimo della efficienza e della sicurezza.

Un capitolo dedicato va al cuore della Zero DsrX , il motore elettrico a magneti permanenti interni Z-Force 75-10X con raffreddamento ad aria ,  capace di erogare 100 Cv. ed una coppia di ben 225Nm., che spingono la nuova adventure fino a 180Km/H.

Anche il comparto frenante con ABS di tipo Cornering ,  introduce una novità, con il nuovo sistema frenante collegato (E-CBS) controllato dal sistema Bosch MSC, che migliora ed alza l’asticella delle prestazioni in ogni contesto di marcia,  e che prevede all’anteriore 2 dischi da 320mm con pinze ad attacco radiale con 4 pistoncini, mentre al posteriore un disco da 265mm con pinza a singolo pistoncino , il tutto  marchiato J-Juan

Concludono la dotazione, i performanti pneumatici di primo equipaggiamento, Pirelli Scorpion Trail II da 120/70-R19 montati anteriormente, e da 170/60-R17 sulla ruota posteriore.

Quindi da guidare come è?

 La ZERO DsrX, nasce come modello con spiccata vocazione ai viaggi ed alle esplorazionigrazie anche al nuovo pacco batteria da 17.3 KWh, e che nello specifico può essere caricato fino al 110%., estendibile fino a 21Kwh con lo specifico optional Power Tank (disponibile da gennaio 2023).

Appena si sale a bordo e si parte, al cospetto del suo peso che sulla bilancia si attesta in 247kg., si percepisce immediatamente una notevole sensazione di confort e di maneggevolezza, grazie ad una ottima distribuzione dei pesi.

Nella guida urbana si predilige l’uso delle mappe Eco e/o Street, che prevedono un ottimo compromesso tra accelerazione e freno motore, con benefici sui consumi, che possono portare questo nuovo modello, ad avere nel ciclo urbano una percorrenza fino a 290km.

Sempre in città e nell’uso quotidiano, si apprezzano l’assenza di vibrazioni e di calore, tipiche caratteristiche dei propulsori elettrici. Inoltre, nella nuova Crossover californiana vediamo l’inserimento per la prima volta della funzionalità parking, che prevede la possibilità di inserire la retromarcia per agevolarci nei movimenti in pendenza o nei parcheggi.

Appena si esce dal contesto urbano e le velocità aumentano, grazie a una buona ergonomia frontale ed al parabrezza regolabile con i due pomelli laterali, la ZERO DsrX offre una protezione aerodinamica efficace sia alle gambe che al busto.

Ma il vero divertimento, e di tale si può parlare in maniera entusiastica, si ha veramente quando si porta la nuova Adventure americana, ad affrontare le strade di montagna ricche di curve in rapida successione.

Il motore posizionato nella mappa Sport diventa portentoso, ti proietta fuori dai tornanti  e nei rettilinei, con accelerazioni vertiginose.

La ciclistica (ci siamo permessi qualche piccola personale regolazione rispetto la taratura standard) risulta talmente efficace, che discesa in piega e tenuta della traiettoria risultano repentina ed efficace, il tutto sotto il rigoroso controllo dell’elettronica sopraffina M.S.C. di Bosch, che regala sempre, una percezione di sicurezza e controllo.

Se non fosse ad accompagnarmi il silenzio, rotto solo dal sibilo tipico delle motorizzazioni elettriche, penserei di essere alla guida di una ottima Maxi Enduro endotermica.

Ci fermiamo in una salita con una forte pendenza, per goderci uno scorcio di natura con colorazioni autunnali, e nella ripartenza apprezziamo l’utile sistema di frenata/assistenza alla partenza in salita di Bosch (V.H.C.)

Nella discesa a valle, seleziono un riding mode più conservativo, che mi permette contemporaneamente di avere più freno motore e di ricaricare la batteria, con conseguente   aumento l’autonomia residua.

Conclusioni

Quando mi danno un nuovo modello di moto da provare, dico la verità, provo sempre quella sensazione del bambino con il nuovo giocattolo, quel senso di curiosità che vuole trovare nel divertimento il proprio appagamento.

Questi due sostantivi racchiudono a mio avviso il senso della guida della nuova ZERO DsrX, che è una moto che nel suo complesso sa far molto divertire, con la sua strepitosa coppia di 225 Nm, ed allo stesso tempo sa dare grandi soddisfazioni nella guida in tutti i contesti ed in tutti i terreni.

Nasce come moto dal DNA adventure, per cui tra le novità specifiche, si è reso necessario intervenire sulla cinghia ora più larga e resistente, e sui pignoni ora più grandi, per arrivare ad avere un sistema di trasmissione più resistente e duraturo.

Sempre di derivazione Off-Road e per gli amanti dei terreni naturali, come optionals si possono montare i cerchi con raggio 21/18 con dotazione gli efficientissimi pneumatici Pirelli STR Rally.

Una menzione a parte va fatta alle autonomie, quando si parla di  moto elettriche, le quali come sempre dipendono da molti fattori, e sono estremante soggettive al tipo di guida che si vuole tenere.

Difetti sono veramente difficili da trovare, ma spesso vengono compensati con i molti pregi. Parliamo più spesso di sfumature o gusto personale, ed esempio io avrei preferito un Abs al posteriore un po’ meno invasivo. Continuo a lamentare invece, l’assenza del freno di stazionamento a moto ferma, che rischia di farla cadere, se sbadatamente la si lascia in pendenza in avanti.

Molto ricco il catalogo accessori, che prevede ad esempio borse da viaggio, faretti a led supplementari, protezioni laterali, supporto per smartphone, batteria supplementare  e caricatori rapidi.

Due i colori disponibili verde (Sage) e bianca (White Pearl), garanzia standard di 2 anni sulla moto e 5 anni con chilometraggio illimitato sulla batteria, con un prezzo di  € 27.220,00

Ringrazio per la collaborazione: https://www.zeromotorcycles.com/it-it/model/zero-dsrx

La concessionaria di Verona  : https://www.e-move.it/


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti