Ducati DesertX, non solo deserto

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Ducati

Ammetto di essere tra i molti che quando l’hanno vista per la prima volta ad Eicma 2019, si sono fermati ad ammirarla a farle molte foto. Il chiaro appeal evocativo ispirato alla Cagiva Elefant che correva le Dakar negli anni 90, la rende per chi come me, ha qualche capello bianco, una moto dal fascino quasi irresistibile.

Quello che non sapevamo, quanto volontà ci fosse in Ducati di mettere in strada un progetto così ambizioso e apparentemente molto lontano dal proprio DNA corsaiolo, in tempi così brevi.

Pubblico sempre più interessato al mondo Medie Enduro

Ma la grande risposta del pubblico sempre più interessato al mondo Medie Enduro dalle caratteristiche polivalenti ha spinto l’azienda di Borgo Panigale, ad una forte accelerata, anticipando di fatto la messa in strada di quasi un anno rispetto la programmazione iniziale.

Ed eccola finalmente, pronta per essere consegnata a quella platea di motociclisti, che amano guidare moto che siano versatili, ma anche performanti.

Cosa mi è piaciuto

🟢 – L’estetica sicuramente, da qualunque angolatura la guardi è proprio bella;

🟢 – Motore strepitoso, ti ricorda che è una Ducati ad ogni apertura del gas, ma senza mai incutere paura;

🟢 – Ciclistica impressionante, ti premette di guidarla trasmettendo sicurezza in ogni curva;

🟢 – Impianto frenante da categoria superiore, una assoluta garanzia;

🟢 – Pacchetto Elettronico di riferimento, te la puoi cucire addosso come preferisci;

🟢 – Ottimo bilanciamento masse;

🟢 – Consumi, ad andatura allegra ci ha fatta fare circa 20km/l.

Cosa non mi è piaciuto

🔴 – Cavalletto laterale che la tiene troppo diritta;

🔴 – Altezza sella , di base la vorrei un po’ più bassa , ma è in arrivo il kit specifico oltre alla sella ribassata .

Saliamo in Sella, ma prima la gallery


Più la si osserva, più si evidenziano le capacità dei progettisti di Ducati di rendere estremamente moderno, un modello che, ha fatto la storia delle gare nel deserto tra gli anni ‘80 e ‘90.

Nella vista frontale spiccano gli evocativi tondi fari a Led, incastonati dentro le caratteristiche circolari Luci DRL (Daytime Running Light)

Saliti a bordo si percepisce immediatamente la qualità costruttiva e l’attenzione ai dettagli, tipica dei prodotti made Borgo Panigale.

 La triangolazione tra manubrio, sella e pedane è perfetta, impreziosita ulteriormente dalla possibilità sia di regolare il manubrio in due posizioni, sia di spostare con un semplice gesto di rotazione, l’altezza del freno per la guida in offroad.

La sella posta a 875mm di altezza, è rastremata per favorire l’appoggio dei piedi con sicurezza, anche a chi non supera i 175 cm. Per chi gradisce una impronta a terra più efficace, sarà disponibile un kit di abbassamento delle sospensioni, mentre sono già presenti a catalogo la sella ribassata, come pure la sella rally per i più fedeli al tassello.

Girata la chiave, si accende un cruscotto TFT a colori da 5 pollici, e si viene proiettati direttamente dentro al cervello (IMU Bosch) che soprassiede tutta l’elettronica di cui è ampiamente dotata la Ducati DesertX.

Con semplici gesti è possibile selezionare i 6 Riding Mode (Rain, Urban, Touring, Sport, Enduro e Rally) – a loro volta ulteriormente personalizzabili nelle impostazioni attraverso i diversi livelli di EBC (Engine Brake Control), DTC (Ducati Traction Control), DWC (Ducati Wheelie Control) , mentre per quanto riguarda l’ABS di tipo Cornering è impostabile su 3 livelli , fino al disinserimento totale , solo però nelle mappe Enduro e Rally.

Per quanto riguarda la ciclistica, il progetto nasce per soddisfare ed esaltare, chi vuole portare la DesertX fuori dall’asfalto, ma allo stesso tempo sappiamo bene che in Ducati, le moto le vogliono far andar bene anche su strada.

L’equilibrio è stato ampiamente raggiunto grazie all’accoppiata tra il nuovo e dedicato telaio a traliccio in acciaio, con sospensioni Kayaba completamente regolabili, con forcella anteriore a steli rovesciati da 46 mm e 230 mm di escursione, mentre al posteriore il forcellone in alluminio , permette al monoammortizzatore una escursione da 220 mm,.  

La punta di diamante di questo modello, è indiscutibilmente il suo motore, il Testastretta di 937 cc di 11° nella sua ultima versione, capace di erogare ben 110 Cv a 9250 giri/m , con una coppia di 92Nm a 6500 giri/m.

Per la DesertX è stato fatto un lavoro ad hoc sul cambio, il DQS Up&Down (Ducati Quick Shifter) , con rapporti più corti nelle prime merce per favorire la guida in Offroad , ma allo stesso modo con una sesta marcia molto lunga per renderla più fruibile e parca nei consumi nella guida stradale.

L’impianto frenante di tipo Cornering è da riferimento, e prevede 2 dischi da 320mm con pinze monoblocco Brembo ad attacco radiale M50 all’anteriore, mentre al posteriore un disco da 265 mm. con pinza a doppio pistoncino.

Concludono la dotazione, i collaudati e performanti pneumatici di primo equipaggiamento Pirelli Scorpion Rally STR da 90/90-R21 all’anteriore e da 150/70-R18 sulla ruota posteriore

Quindi da guidare come è?

Dal momento in cui si sale in sella, non vorresti più scendere.

Della sua efficacia e potenzialità in Offroad (se qualcuno vuole approfondire vada a guardarsi i video di Antoine Meo nella presentazione nel deserto di Dubai o nel crossodromo di Dorno), chiunque l’abbia provata ne ha parlato più che bene, e tutti sono concordi nel sottolineare, che elettronica e geometrie sono studiate pure per agevolare anche i motociclisti neofiti del fuoristrada.

Nel mio test invece, ho percorso 450 km nell’arco di una giornata, cercando di usarla proprio come penso la userebbero a mio avviso la gran parte degli acquirenti di questo modello.

Il mio riferimento sono state quindi le strade asfaltate che si incuneano nelle dolomiti, sia quelle strette ed impervie, sia quelle dove alle curve veloci mancano solo i cordoli disegnati a terra, il tutto condito da un bel tragitto anche autostradale.

L’eccellente risultato è di aver guidato una moto straordinaria, capace spesso di farmi dimenticare di essere una Maxi/Media Enduro.

Sono indeciso se collocarla nelle Maxi o nelle medie, in quanto a prestazioni complessive sarebbe sicuramente da categoria superiore, ma per leggerezza e facilità con cui si guida , la fa spesso più assomigliare ad una media cilindrata (che sembra una bestemmia se si pensa al suo motore di 937 cc).

Nel tratto autostradale di avvicinamento alle montagne, ho potuto apprezzare la comodità di guida, grazie ad una sella confortevole e ben sostenuta, ad una buona protezione aerodinamica nonostante il cupolino non eccessivamente grande, ed al cruise control che permette di rilassare anche la mano destra.

Ma è appena si comincia a salire per le strade di montagne, che si riesce ad apprezzare tutto il vero Dna, che la DesertX può offrire su strada, anche a quei motociclisti, abituati nei weekend, a divorarsi chilometri di curve con panorami mozzafiato, tipici delle nostre creste alpine.

Selezionando tra i Riding Mode, si può decidere di viaggiare tra una più pacata modalità Touring, rispetto una più aggressiva e performante modalità Sport, mentre le modalità Urban o Rain le lasciamo a quando viaggiamo in città o nelle giornate di pioggia.

Anche se bastano pochi chilometri per rendersene conto, mammano che aumenta la strada percorsa, più la nuova Ducati trasmette sicurezza e stabilità, grazie ad una ciclistica di base abbastanza sostenuta, che permette di far girare la moto sia nel misto stretto che nel misto veloce in un batter d’occhio, e ad un comparto freni di assoluto riferimento, quasi da sportiva di classe superiore.

Il risultato è che, accompagnati dal tipico sound del bicilindrico della casa bolognese, si riesce ad entrare in curva veramente veloci, disegnando traiettorie da farci dimenticare di avere un raggio 21 all’anteriore.

Sia che si percorrano stretti tornanti sia che si pennellino curve in appoggio, avvantaggiati anche dal cambio elettronico che non mostra mai tentennamenti sia a salire con le marce sia in scalata, è straordinario quanto risulta facile da guidare la DesertX.

Ma quello che non ti aspetti da questo modello, e che si trasforma in puro divertimento, arriva quado si gira la manopola dell’acceleratore, che se dapprima fino ai 6000 giri ti butta fuori velocissimo dalle curve, sopra i 6500 regala una spinta poderosa, simile ad una dopata supermotard.

Conclusioni

Onore e merito a Ducati che come sempre quando decide di fare un nuovo modello lo fa in grande stile e nonostante le apparenze, senza mai rinnegare il proprio vero DNA.

Difetti da trovare su questa moto sono difficili, o impossibili, si parla per lo più di gusti personali. Avrei gradito una sella leggermente più bassa, ed un cavalletto leggermente più inclinato per i parcheggi.

Molto apprezzata la possibilità di integrare il proprio smartphone con il cruscotto, attraverso il Ducati Multimedia System.

In ottica di sicurezza passiva, la DesertX è anche dotata del Ducati Brake LIght ,  un sistema  che in caso di frenata brusca,  attiva con un lampeggio automatico il faro posteriore, per avvisare chi segue,  dell’improvviso rallentamento.

Già molto ricca l’offerta di accessori dedicati, con cui poter personalizzare la propria moto.

Unico modello e colorazione attualmente disponibili ad un prezzo di partenza di € 16.290.

Concludo ringraziando la concessionaria di Verona e tutto il loro staff per la disponibilità.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti