Kasawaki Z 650 RS, retro Sport per tutti

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Kasawaki

Pronipote della KZ 650 B1 del 1977, in casa Kawasaki, mancava una intermedia retro sport, che potesse soddisfare quell’interesse crescente per le moderne neoclassiche con cilindrate accessibili, moto riproposte oggi più che mai, per soddisfare quella platea di motocilisti amanti dell’ Heritage e del piacere di guida semplice .

Se la base estetica riprende in chiave moderna un modello degli ultimi anni ’70, la base tecnica della Z650 RS, attinge a piene mani direttamente dalla riuscitissima ed moderna Z650, adattando tutto quello che serve per agevolare la semplicità e la comodità rispetto la  sportività.

Linee modernamente sinuose e cromie con forte richiamo vintage,  completano un successo preannunciato.

Cosa mi è piaciuto

🟢 – Moto dal fascino modern-vintage;

🟢 – Motore proporzionato e gustoso da guidare;

🟢 – Ottimo confort durante la marcia;

🟢 – Ciclista con taratura morbida ma che incute sicurezza anche quando si spinge un po’;

🟢 – Ottimo comparto freni.

Cosa non mi è piaciuto

🔴 – Assenza completa di elettronica, ma si guida bene comunque;

🔴 – Pneumatici di primo equipaggiamento, ma per semplice gusto personale;

Saliamo in Sella ma prima la gallery

Dalla premessa penso si possa già capire, ma il design di questa moto, a me piace moltissimo. Se a questo aggiungo la colorazione che preferisco, quella col più marcato richiamo emozionale al passato, ossia la verde-oro, allora la combinazione è perfetta.

Bella non solo se la si guarda frontalmente dove spicca il faro tondo a led , ma anche  lateralmente, con quei cerchi in lega che richiamano tanto quelli incrociati.

Girata la chiave, non troviamo il solito cruscotto TFT a colori , bensì una coppia circolare di strumentazione analogica che indica velocità e numero di giri , collegati da un piccolo display LCD in cui vengono indicate le informazioni utili alla guida, come ad esempio marcia inserita , livello carburante, orologio.

Appena si sale a bordo ci si trova immediatamente comodi, grazie alla confortevole sella piana posta ad 820 mm, due cm in più rispetto alla sorella Z650. Esiste a catalogo anche una sella ribassata a 800mm per agevolare chi è più basso di statura.

Studiata per favorire il piacere alla guida anche triangolazione tra manubrio leggermente rialzato, e pedane, il tutto per permettere al pilota di rimanere con il busto leggermente più eretto.

Assente nella Z650 RS in pieno stile vintage, a parte l’obbligatorio ABS, è l’elettronica, che non deve essere però percepito come un difetto, in quanto questa moto, nasce nelle  intenzioni, per essere una moto facile e fruibile, senza troppa cavalleria da gestire. Quindi niente Ride by Wire, controllo trazione e/o mappe motore.

Per quanto riguarda la ciclistica in Kawasaki si è scelto di rimanere sul collaudato telaio a traliccio ad alta resistenza, mentre il telaietto posteriore è meno inclinato proprio per rispettare le nuove geometrie orizzontali neoclassiche.

 Al comparto sospensioni troviamo all’anteriore una forcella tradizionale telescopica da 41 mm non regolabile, ed al posteriore un monoammortizzatore centrale regolabile nel precarico.

Nessuna grande novità invece nel cuore della Z650 RS, il già visto twin parallelo da 649 cc raffreddato a liquido, da 68 Cv ed una coppia di 64 nm a 6700 giri, già con omologazione Euro 5 e depotenziabile elettronicamente per le patenti A2 – Il fatto che il depotenziamento è elettronico e senza interventi meccanici, permette di ritornare alla configurazione originale una volta conseguita la patente A.

Il cambio fluido e preciso è un tradizionale a sei marce, con frizione assistita con sistema antisaltellamento.

Anche l’impianto frenante con Abs Bosch è il consolidato Nissin, e prevede all’anteriore 2 dischi tondi da 300mm con pinze a 2 pistoncini ed al posteriore un disco da 220 mm. con pinza a singolo pistoncino

Concludono la dotazione, pneumatici di primo equipaggiamento Dunlop Roadsport 2 da 120/70-R17 montati anteriormente, e da 160/60-R17 sulla ruota posteriore.

Quindi da guidare come è?

RETROVOLUTION, questo è l’imperativo che racchiude lo spirito con cui la casa di Akashi, chiama i motocilisti estimatori della sua nuova Z650 RS.

Quindi un modello nato e concepito per soddisfare le esigenze di chi vuole un concept con forti richiami modern-classic, insomma una moto che nasce per soddisfare nella guida di tutti i giorni , e che alla vista, trasmetta emozioni che nascono lontane nel tempo.

Una volta che si sale in sella e si parte, ci si rende immediatamente conto di quanto la Z650 RS sia facile da guidare , una moto trasversale adatta ad ogni tipologia di pilota , dal neofita al più esperto, uomo e/o donna.

Grazie ad un peso piuma di soli 187 kg, ad un cambio fluido, ed una buona ampiezza di sterzo ci si muove agilmente nel traffico, con la stessa semplicità quasi di guidare uno scooter.

La posizione leggermente eretta ed una sella ben imbottita, assecondano pienamente le molte sconnessioni presenti sul manto stradale. Il confort non viene intaccato neanche se sale a bordo un trasportato.

Una volta presa la statale, mi dirigo velocemente verso le colline e montagne che dominano silenziose sulla città.

A questo punto la mia guida diventa più rock, e la media Kawasaki non si tira per nulla indietro.

Reagisce repentinamente ai bassi portandomi velocemente fuori dalle curve più strette, ma è anche dotata di una erogazione lineare, che consente di avere un buon allungo , per farmi divertire con le marce più alte, proprio nelle curve in cui deve prevalere la percorrenza.

L’assetto delle sospensioni non è sicuramente da sportiva di razza, e se tirata alla frusta va un pio in crisi, ma ciò non deve sembrare un problema o un difetto, anzi, in quanto come si diceva la Z650 RS nasce per essere una moto che si guida in relax.

Poche sono le vibrazioni percepite, e grazie ad una agilità da riferimento, se guidata in modo fluido, tanto è il divertimento che può regalare.

L’assenza di elettronica evoluta sul questo modello non l’abbiamo minimamente rimpianta, anzi proprio la sensazione di essere completamente padroni della guida ci ha donato sensazioni da vera Modern-Retro.

Unica nota sotto le mie aspettative, riguarda i pneumatici di primo equipaggiamento che sebbene fanno il loro lavoro, non mi hanno convinto completamente.

Conclusioni

In generale la moto l’ho detto all’inizio mi è piaciuta, e molto. Personalmente amo sia il fatto di essere una moto con forte richiami vintage, ma soprattutto il fatto di essere una moto molto facile, intuitiva e adatta a tutti.

La sensazione alla guida è comunque di trovarsi su una moto più grande, ma questo non desta alcuna preoccupazione, anzi rende il viaggio ancora più coinvolgente.

Ottimo l’impianto frenante, che in ogni situazione ha saputo essere all’altezza, ed incutere un grande senso di sicurezza.

Con un ampio catalogo accessori dedicati, la Kawasaki Z650RS è già disponibile nei concessionari nelle colorazioni Candy Esmerald Green, Metallic Moondust Gray e Metallic Spark Black al prezzo di € 8.090,00

Ringrazio per la collaborazione : https://www.kawasaki.it/it/products

La concessionaria di Verona  : https://www.motolandiasrl.com/it/home

 


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *